Cerca

Tarantini sei ore in Procura "Soldi dal Cav per liberalità"

L'imprenditore interrogato a Napoli: "Nessun ricatto, dovevo mantenere la famiglia e ho molti debiti, prestiti da Berlusconi"

Tarantini sei ore in Procura "Soldi dal Cav per liberalità"
Berlusconi estraneo al giro di prostituzione, soldi accettati per mantenere la famiglia. Davanti ai pm di Napoli Gianpaolo Tarantini ribadisce la versione già fornita nel suo memoriale difensivo, "scagionando" il premier da ogni accusa, rifiutando l'accusa di estorsione e ricordando la situazione di estremo disagio economico che avrebbe portato Silvio Berlusconi, di propria spontanea volontà, a donargli qualcosa come 20.000 euro al mese sotto forma di "prestiti". Soldi che servivano all'imprenditore per "esigenze di vita". "A mio carico - spiega Tarantini -, oltre alla mia famiglia, composta da mia moglie e da due bambine di due e sette anni, vi è quella di mio fratello, composta da moglie e figlio, nonchè la mia anziana madre vedova. Peraltro ho numerosi debiti personali lasciati a Bari che non ho potuto onorare". Berlusconi, ribadisce l'uomo chiave dell'inchiesta napoletana nel suo memoriale, "è completamente estraneo avendo io retribuito le ragazze che venivano ospitate presso la sua abitazione a sua assoluta insaputa". E allora perché quella conversazione intercettata con l'altro indagato, Valter Lavitola, in cui rifiutava la strada del patteggiamento? "Avevo timore che una mia eventuale uscita dal processo avrebbe potuto determinare una caduta di attenzione da parte del presidente per le mie vicende". Quindi il mea culpa: "Mi rendo conto - aggiunge Tarantini - della puerilità del mio agire, avendo in quel momento anche dubitato della spontaneità e generosità del presidente, però occorre sottolineare che all'epoca io ero ancora in attesa del finanziamento di 500mila euro che mi era stato promesso". Quei soldi erano un "atto di liberalità" del premier, non il frutto di un ricatto, ha ribadito l'imprenditore nell'interrogatorio di sei ore a Napoli. Soldi, che, passando dal premier a Lavitola, Tarantini sospetta essere stati trattenuti in parte dallo stesso ex direttore dell'Avanti, attualmente ancora all'estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    06 Settembre 2011 - 12:12

    no, caro! non è la casa di B. ad essere microfonata. Erano Tarantini e compari di malaffare ad essere intercettati; e li hanno beccati a parlare con B. Hanno indagato su un giro di Carte di Credito false e gira che ti rigira, sono arrivati a Lui. Indagano su tangenti alla sanità in Puglia e gira che ti rigira, sono arrivati a Lui. Ma non ti viene in mente che forse, sarebbe meglio che Lui non avesse certe frequentazioni? Mignotte, magnacci, spacciatori, tangentari, ricattatori, ladri e furfanti!

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    05 Settembre 2011 - 07:07

    è stata scoperta una nuova stella, una supernova che illumina il cielo, chiamiamola berlusca, che come la stella ha illuminato il cielo scuro della politica italiana. Uomo cattolicissimo, generosissimo, munifico, vigoroso, maschio, ha salvato l'occidente dal pericolo comunista, l'uomo della provvidenza che tutto il mondo ci invidia, proporrei di farlo santo subito. personalmente sul comò una sua immagine sorridente con un lumino acceso.

    Report

    Rispondi

  • lucaschiavoni

    04 Settembre 2011 - 23:11

    insomma... persino Berlusconi, anni fa, disse che a queste sue cene forse invitava persone che era meglio non invitare. E si riferiva a Tarantini che gli portava le escort, a sua insaputa (un ritornello dei nuovi tempi). Giuliano Ferrara, nel 2009, tuonava che "certe frequentazioni sono rischiose e portano a situazioni ricattatorie". Ferrara su Il Foglio eh, non Travaglio su il Fatto. E ancora: Tarantini dal 2009 indagato per prostituzione e droga. Queste sono le persone bisognose, abituate a vivere nell'agio, che aiuta il Presidente? Beh, che schifo, scusate ma non ho altre parole. Se uno paga, spende, in contanti, ed in nero, quasi un miliardo di lire per permettere di mantenere lo stile di vita agiato, poverino, ad uno che gli portava escort, indagato per droga?!?! Ma stiamo scherzando? Questo è quello che dira' ai magistrati a Napoli?!? Ma oramai si è perso il senso del ridicolo.... e Alfano vuole persino ricandidarlo 80enne.... E meno male che era il volto nuovo del PdL...

    Report

    Rispondi

  • alezzz

    04 Settembre 2011 - 23:11

    Bravo ANTIKOMUNISTA condivido il tuo post aggiungerei che é triste vedere che il PREMIER che tanto ama il suo PAESE alla fine abbia questi sfoghi, ma chi non li avrebbe. Essere accusato ripetutamente dalle TOGHE ROSSE che volutamente equivocano atti di grande generosità verso una famiglia in ristrettezze economiche (Tarantini), od una ragazza che cerca la sua strada (RUBY), o ancora se si vuole dare spazio al una brillante e dotatissima giovane polittica (la NICOL) certo fa male. E fa male ancora di più quando queste pretestuose accuse vengono portate in prima pagina dai media quasi esclusivamente controllati dall’opposizione illiberale (eccezione forse per i pochi media realmente indipendenti come RADIO LONDRA, LIBERO, IL GIORNALE, IL FOGLIO, PORTA A PORTA). Il risultato di queste strumentalizzazioni é che alla fine il fango che si vuole gettare sul PREMIER viene gettato sul PAESE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog