Cerca

Razzisti I compagni prendono Basso a sberle Giro di Padania in mano ai fasciocomunisti

Ivan e Madolo colpiti a Savona da alcuni contestatori. La rabbia dell'organizzazione: "E' tutta colpa del sindaco rosso della città"

Razzisti I compagni prendono Basso a sberle Giro di Padania in mano ai fasciocomunisti
La maglia nera del Giro di Padania la prenderanno alcuni contestatori di Savona, che durante la corsa si sono presi la briga di insultare e di colpire i ciclisti Ivan Basso e Sasha Modolo. Il tour del Nord è finito nuovamente nel mirino dei contestatori: dopo la partenza della seconda tappa da Loano, alcuni manifestnti, tra cui esponenti di Rifondazione comunista e del Pd, hanno cercato di bloccare la corsa a Savona. Gli organizzatori, per aggirare il gruppo che sventolava bandiere tricolori e intonava canti partigiani, è stata costretta a deviare il percorso. Così, come era accaduto martedì, alla corsa non sono mancati spintoni e momenti di tensione. Basso e Modolo, prima di ripartire, si sono recati dal presidente della Monviso-Venezia, Michelino Davico, per chiedere che il pubblico rispettasse la corsa. "Siamo dei professionisti, chiediamo rispetto da parte di tutti". I due corridori hanno spiegato di essere stati insultati a più riprese. "Qualcuno è andato anche oltre ai fatti e ci ha rifilato delle sberle", hanno denunciato".

Il sindaco sobillatore - Non che il tour del Nord Italia fosse piaciuto a molti, ma da qui a scatenare la violenza ce ne passa. Infatti il sottosegretario leghista e organizzatore della corsa Michele Davico è sbottato: "Abbiamo sempre dato voce a tutti, offerto a tutti uno spazio, non abbiamo ceduto agli insulti di questi sedicenti gruppi di sinistra, ma ora che Basso e Modolo sono stati colpiti chiediamo che i ciclisti siano rispettati e che questi aggressori siano identificati e denunciati". Le mire di Davico si rivolgono non solo contro i facinorosi, ma anche contro il primo cittadino della città ligure, reo - a suo dire - di aver aizzato gli animi: "Al sindaco di Savona dico due volte grazie: una per aver mantenuto l'impegno di garantire la sicurezza del passaggio della corsa, l'altra per aver perso l'occasione per tacere, scaldando l'atmosfera in una occasione che per la sua città sarebbe stata di festa".

Quasi come Tartaglia - Ancora più caustico Paolo Franco, senatore della Lega Nord, che avanza un parallelo tra i fattacci di Savona e la vicenda della statuetta di Berlusconi: "Quello che sta accadendo al Giro di Padania - ha detto il parlamentare - dimostra cosa succederebbe alla democrazia nel caso ci fossero i vari Di Pietro, Grillo e Vendola al Governo: minacce, scioperi e botte contro gli avversari". E quindi: "Nei loro comodi salotti questi uomini armano il braccio di violenti come Tartaglia, l'uomo che a dicembre 2009 colpì il presidente del Consiglio". Non può mancare, per chiudere, una sparata anti-italiana: "Se questi sono i valori della Patria, io non mi identifico affatto in questa identità intollerante e oppressiva".

Vergogna continentale - La figuraccia supera i confini nazionali, arrivando in tutta Europa. Al Giro di Padania sono presenti numerosi ciclisti stranieri, appartenenti a squadre straniere, che nulla hanno da spartire con le nostre misere beghe tra Nord e Sud, tra destra e sinistra. Ora che torneranno nei loro Paesi, penseranno che andare in bici è uno sport pericoloso oppure che il ciclismo istiga alla violenza?

Facciamo il Giro di Terronia - E poi. Non sarà mica il primo tour che riguarda un'area geografica, anziché l'intero Paese. In Europa si corrono il Giro di Romandia e il Giro di Catalogna. Dov'è dunque lo scandalo? Magari in Italia inventiamoci anche un Giro di Terronia, così mettiamo tutti d'accordo. Dopo tutto, al Centro Italia stanno facendo in contemporanea un Giro pellegrinaggio in onore di Gino Bartali, che toccherà le regioni di Umbria e Toscana. Dobbiamo picchiare pure quei ciclisti, accusandoli di essere separatisti di Centro? Insomma la corsa prosegue, ma i ciclisti adesso hanno paura di andare in Giro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    08 Settembre 2011 - 15:03

    La ringrazio per avermi rammentato che siamo in una democrazia. Le ricorderei a mia volta che la critica, mossa dal sottoscritto al Suo precedente commento, verteva sul fatto, a mio parere di evidente constatazione, che non si può accusare qualcuno di inciviltà usando un linguaggio e una atteggiamento parimenti incivile. Per quanto riguarda lo sciopero, le sue modalità e le sue ragioni, non mi pare di aver espresso alcuna considerazione. Se proprio ci tiene ad avere una mia opinione, mi limiterei ad osservare brevemente che, oggi come oggi, li scioperi li fa solo chi se li può permettere. Cordiali saluti.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    08 Settembre 2011 - 15:03

    La ringrazio per avermi rammentato che siamo in una democrazia. Le ricorderei a mia volta che la mia critica al Suo precedente commento verteva sul fatto, a mio parere di evidente constatazione, che non si può accusare qualcuno di inciviltà usando un linguaggio e una atteggiamento parimenti incivile. Per quanto riguarda lo sciopero, le sue modalità e le sue ragioni, non mi pare espresso alcuna considerazione. Se proprio ci tiene ad avere una mia opinione, mi limiterei ad osservare brevemente che, oggi come oggi, li scioperi li fa solo chi se li può permettere. Cordiali saluti.

    Report

    Rispondi

  • jongingiullo

    08 Settembre 2011 - 14:02

    Mi tocca ricordarle che da noi la democrazia dovremmo già averla da un pò e di conseguenza a suon di legnate non dobbiamo conquistare proprio nulla. Come ho già scritto in altro post, quello che è successo martedì non ha nulla a che vedere con quanto scritto in questo articolo. Non si trattava di una contestazione alla corsa, bensì di uno sciopero nazionale organizzato da un pò in concomitanza anche di altre cose, vedi appunto la corsa di cui sopra, il giornalista che si è occupato della cosa, ha preferito enfatizzare il comportamento antisociale di quattro scalmanati, invece di spiegare. per esempio, le ragioni di questo sciopero. LA LEGA ha organizzato la corsa, la CGL ha organizzato uno sciopero nazionale (sciopero per il quale lei legittimamente puo non essere d'accordo) I ciclisti ci si sono trovati in mezzo. A questo punto lei potrebbe anche dire: Cosa c'entra il ciclismo? Ed io: Si ricorda le quote latte ? cosa c'entravano le ferrovie bloccate per giorni dai trattori verdi ?

    Report

    Rispondi

  • Obiettore

    Obiettore

    08 Settembre 2011 - 09:09

    Ormai siamo in un buco nero, visto che non si vuole che neanche i ciclisti arrivino al traguardo. Ormai da noi la sinistra comanda su tutto. Siamo in balìa di esagitati, graziati dalla 180, accoltellatori derubricati, stupratorimacheranodaunaltraparte, + o - dell'altra sponda paranoici, preti-muezzin e chi più ne ha più ne metta. Prevaricazioni a ogni piè sospinto, promotori telefonici che ti inguaiano con contratti non richiesti ed intimazioni di pagamento per servizi mai avuti, pub improvvisati con musica a palla fino alle tre e la polizia che non c'è. Il Giro della Padania è il meno. Un affettuoso saluto all'unico Ivan che ammiro: FORZA BASSO !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog