Cerca

L'agente dei vip resta in carcere: "Elevato rischio di fuga"

La decisione del tribunale del Riesame di Milano: niente domiciliari per l'agente dei vip. "Conta su una fitta rete di relazioni"

L'agente dei vip resta in carcere: "Elevato rischio di fuga"
Lele Mora dovrà restare in carcere. Lo hanno deciso i giudici del tribunale del Riesame di Milano, che hanno respinto la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dai legali del manager dei vip, recluso ad Opera dal 20 giugno scorso con l'accusa di bancarotta fraudolenta pluriaggravata in concorso con Emilio Fede. Per Mora infatti "permangono immutate le esigenze cautelari individuate dal gip", si legge nel provvedimento depositato oggi dai giudici Antonio Stefani, Antonella Brambilla e Caterina Ambrosino.

"Potrebbe fuggire all'estero" - In partricolare Mora anche dal carcere mantiene "una persistente rete di relazioni su cui può contare". Secondo gli inquirenti lo dimostra un episodio "anche in epoca recentissima - si legge nelle carte - come risulta dalla corrispondenza intercettata l'indagato continua a mantenere una fitta rete di contatti" fuori e dentro il carcere. Lo dimostra, secondo i giudici del Riesame "la missiva del 19 luglio" inviata a un detenuto con la richiesta di "3-5 mila euro perché paghi a tale Mario per conto di Mora un paio di robette". L'agente dei vip, secondo il Riesame, potrebbe decidere di fuggire perché "all'indagato - prosegue il provvedimento - non mancano in concretro le possibilita', le capacità e le relazioni per darsi alla fuga, anche in relazione ai gravi reati di cui e' accusato". Mora è infatti residente in Svizzera e qui ha la sua attività, osservano i magistrati, e nel paese elevetico "ha almemo un conto corrente presso la banca Bsi di Lugano dove ha veicolato i soldi di Silvio Berlusconi" e ha comprato un'auto di lusso.

Discrepanze tra le versioni - Secondo i giudici del Riesame, inoltre, rimangono "importanti differenze tra la versione fornita da Mora e quella di Emilio Fede circa le somme versate" dall'agente dei vip al direttore del Tg4 e "questo richiede un supplemento d'indagine". Mora ha infatti dichiarato di aver ricevuto 2,8 miliardi di euro dal premier, tramite il suo tesoriere Giuseppe Spinelli, in tre tranches da gennaio ad ottobre 2010 per evitare il fallimento personale e delle sue società LM Managment e Diana Immobiliare. L'agente dei vip ha anche sostenuto di averne girata circa la metà al direttore del Tg4 Emilio Fede, che ha ammesso di aver ricevuto solo 350 mila euro. Secondo il Riesame, infine, nonostante il malore del 13 agosto scorso, "dalla condizione di salute di Mora non è stata dedotta alcuna incompatibilità con il regime carcerarario".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolosidoni

    29 Settembre 2011 - 21:09

    non è che sia particolarmente esperto, ma non mi pare si sia mai sentito di un arresto per bancarotta fraudolenta prima che la sentenza fosse passata in giudicato, con la pronuncia in merito della cassazione. e non si capisce il nesso tra i soldi dati da berlusconi e la bancarotta. non è che tante volte, con la pressione della prigionia, si vorrebbe far dire qualcosa a lele mora contro berlusconi? il sospetto mi pare legittimo, il comportamento degli inquirenti un po' meno. certo che il premier deve aver completamente perso il contatto con la realtà, per contornarsi con tutti questi nani e ballerine.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    10 Settembre 2011 - 22:10

    Lo trattano peggio di un mafioso , poveraccio mi fa anche pena.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    10 Settembre 2011 - 16:04

    che non lo si tenga in carcere, solo perchè non dice quello che vorrebbero sentirsi dire i pm, se così fosse e come hanno già constatato molti avvocati, mi fa veramente rabbrividire , perchè non so che differenza faccia fra chi sequestra un essere umano per estorcegli denaro oppure per...estorcergli dichiarazioni forzate...So che molti si indigneranno, ma bisogna avere il coraggio di essere obbiettivi ed a vedere la realtà anche se a volte per timore , per faziosità per convenienza non si ascolta la propria coscienza...in questo caso particolare , come in altri...dovremmo diventare tutti come il puro bambino della fiaba del re nudo!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Settembre 2011 - 09:09

    ma siamo matti? Manco fosse un cammorrista o un mafioso,quelli sì che vengono scarcerati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog