Cerca

Perversi e morbosi. 'Shibari': diventa un argomento cool

Soter Mulè oggi interrogato. Dopo la morte di Paola Caputo è già un'icona del male. E tutti sanno cos'è il bondage

Perversi e morbosi. 'Shibari':  diventa un argomento cool

Verrà interrogato oggi dagli inquierenti Soter Mulè, il 42enne ingegnere romano, esperto di shibari e indagato perla morte di Paola Caputo, durante una notte di pratiche sessuali estreme alla periferia nord di Roma: l'uomo è attualmente indigato per omicidio preterintenzionale. La notizia ha fatto subito il giro del web e si è guadagnata paginone sui giornali.

Perversi- Da un lato schiere di giornalisti si sono piombate sulla vicenda, sviscerandone gli aspetti più morbosi, i risvolti sadico-sessuali, le pratiche estreme, dando voce a coloro che praticano shibari, ritenendolo una pratica normale, un modo di diverso di conoscersi e di approfondire il rapporto di coppia. I Perversi hanno così avuto il loro bello spazio, risultando affascinanti, quasi appetibili, di sicuro incuriosendo i deboli e i libertini e solleticando istinti rimossi nelle coscienze, quasi tirando fuori il lato oscuro dell'anima nei benpensanti.

Il mostro affscinante- Dall'altro lato, c'è l'esercito di Morbosi che si appassionano al tema, che auspicano Vite in diretta e arene ad hoc sul caso, argomentazioni, approfondimenti, speciali tg e, naturalmente, plastici di Bruno Vespa. La morte e il sesso fanno sempre audience, soprattutto se le due cose si combinano, in un intreccio perverso. Così,  dove Eros e Thanatos giocano a inseguirsi, dove Amore (estremo) e Morte diventano fratelli, le orecchie si drizzano, gli occhi strabuzzano, le menti si attivano. Ne vogliamo sapere di più, vogliamo indagare com'è andata, chi è lui, questo nuovo mostro, l'ingegnere-fotografo-perverso, che a breve magari diventerà un'icona del male, come zio Misseri e Parolisi, e qualcuna gli manderà pure lettere d'amore in carcere dicendo che vuole provare pure lei, insieme a lui, cos'è questo shibari.

Corde al posto dei legami - Non mancheranno neppure quelli che lo giustificheranno, dicendo che no, all'inizio non era mica pericoloso, ma era una nobile pratica artistica, che non c'entra niente con la morte e il sadomaso, che morirci è solo un accidente e che i legacci e i cordami che stringono i corpi delle vittime non sono altro che forme simboliche dei legami sentimentali, un surrogato dei vincoli di una volta, tentativi di stringere a sè il partner in un rapporto totale. E tutti a fare gli esperti di bondage, e a introdurre questo nuovo termine, ormai sdoganato, nei nostri vocabolari erotici. Stiamone certi, di questa storia se ne parlerà ancora per molto. Fingendo indignazione e condanna, qualcuno si appassionerà al sesso estermo, qualcun altro ne farà l'argomento di discussione privilegiato durante le serate con gli amici, speriamo non dentro un garage. Siamo fatti così: perversi e morbosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    14 Settembre 2011 - 08:08

    non facciano pure proseliti e coi megafoni che aprono sulle più squallide vicende umane,questo imbecille con laurea non diventi pure un eroe

    Report

    Rispondi

  • angelux1945

    13 Settembre 2011 - 20:08

    siccome questo depravato non andrà in galera, c'è il pericolo che lo invitano in qualche trasmissione televisiva, a raccontare la tecnica!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marina58

    13 Settembre 2011 - 16:04

    Ecco...spuntare...come per incanto un altro nick...mai notato...prima,(mi sbaglierò...mah)mi spiace per lei...ma in genere, non faccio la cassandra,(ruolo alquanto...antipatico) e mi creda...non sono affatto desolata...foerse solo un tantino...amareggiata;credo che ognuno sia libero, di scegliere di che morte...morire!! Lei è contento? buon per lei! lei prova sentimenti...(almeno credo di aver compreso) con il bondage?...ancora buon per lei!!Io frequento...altre compagnie...e non sono una moralista...beninteso! Le mie personali pulsioni...le giudico...sane e stò...bene così!! e non faccio uso...nemmeno di sostanze...grazie al Cielo!!Non avrei voluto più rispondere...a nessuno e credo...lo farò...ben volentieri!!ps e lasci perdere...Petrarca e Boccaccio...troppo sensibili ed eleganti...per il bondage!! GRAZIE!!

    Report

    Rispondi

  • Chelyabinsk

    13 Settembre 2011 - 13:01

    Marina58 e tutti gli altri preoccupati e desolati cassandre dell'amore puro spirituale e universale. Tranquilli, c'e' sempre stato e ci sara' questo doppio binario. Petrarca e Boccaccio. Non pensiate che persone che praticano bondage o altre amenita' del genere non siano capaci di provare sentimenti che voi ritenete persi, dei tempi di una volta, quando tutto era piu' bello e puro. Spesso convivono nella stessa persone le due pulsioni. In coloro che non si esplicitano, probabilmente sono latenti. Per cultura cattolica, spesso. E' morta una persona e ora l'Italia che fa l'amore alla missionaria si mette la manina sulla bocca scandalizzata da tanta scelleratezza dei costumi. Mio dio.. ma dove e' finito l'amore che fa sussultare il cuore? Dove stava prima e continua a farlo sussultare, tranquilli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog