Cerca

Perugia, la polizia scientifica aveva perso la felpa di Meredith

Rimasta per 46 giorni nella cesta dei panni sporchi. A trovarla il consulente della difesa di Amanda: " Errore madornale"

Perugia, la polizia scientifica aveva perso la felpa di Meredith
Una nuova clamorosa svista della Polizia Scientifica, ribalta il caso del delitto di Perugia. La felpa che indossava la vittima, Meredith Kercher nella notte in cui fu uccisa, è rimasta per oltre 46 giorni in una cesta dei panni sporchi. Lo rivela il settimanale Oggi nell'ultimo numero in edicola.

"Scoperta imbarazzante" - A trovarla il medico legale Walter Patumi, consulente della difesa di Amanda Knox, in carcere con l'accusa di omicidio insieme all'altro indagato, Raffaele Sollecito. Era sporca di sangue e appallottolata sotto altri indumenti da lavare. "Era la classica cesta dei panni sporchi - spiega Patumi-. In fondo c'era la felpa insanguinata della ragazza. Non dico l’imbarazzo della Polizia quando la mostrai", confida il consulente.

L'altra felpa -
Patumi ha poi ricordato che anche la felpa a righe bianche e grigie indossata da Amanda Knox la sera del delitto fu ritrovata casualmente l'8 aprile 2008, cinque mesi dopo l'omicidio. Era sul letto nella camera della studentessa americana, accusata del delitto insieme all'ex fidanzato, Raffaele Sollecito, e a un giovane ivoriano, Rudy Guede (già condannato per il delitto).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    15 Settembre 2011 - 19:07

    Indagini grottesche per arrivare rapidamente a formulare un'accusa di colpevolezza qualsiasi, meglio se contro una non italiana! Naturalmente il CSM sta a guardare.........

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    14 Settembre 2011 - 17:05

    I giudici trattano i poliziotti come fossero i peggiori criminali, possono difendersi solo dopo che l'aggressore li ha uccisi. Le indagini vengono coordinate dal PM, che poi scarica sui poliziotti le responsabilità se non danno risultati e, si prende tutti i meriti quando s i scopre il colpevole. In questa situazione io sto dalla parte di chi lavora, dimenticavo che ai poliziotti sono stati bloccati gli aumenti, per poterli dare ai giudici che minacciavano lo sciopero. Abbiano il coraggio delle loro azioni anche se sono costituzionalmente irresponsabili. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    14 Settembre 2011 - 17:05

    A questo punto sembra ovvio che simili "DISTRAZIONI" imputabili unicamente alla scientifica e al Procuratore, puzzano di sviamento delle indagini o incanalamento delle stesse verso un unica comoda versione accusatoria. Ma come? Ci si attacca a labili e impercettibili tracce epiteliali attribuili a qualunque caso o persona e si tralasciano tracce evidenti di un massacro dove poter trovare tutte le risposte che si vuole? Neanche da dire che simili reperti erano invisibili o irrintracciabili! Uno era nella cesta dei panni sporchi, cosa che quando si rovista in un luogo di un massacro si dovrebbe giocoforza guardare, e l'altra ADDIRITTURA sul letto stesso! E ci sarebbe da fidarsi di una scientifica e di una Procura del genere quando scagliano accuse? Liberate subito Sollecito e Amanda! E' semplicemente assurdo che li si accusa con il nulla da parte di una procura così inutile e deficitaria e forse anche peggio.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    14 Settembre 2011 - 16:04

    e gia' si deduce come finira'..finira' in una non verita' venuta a galla... e poi da Seattle, altri sputtanamenti contro l'Italia! Ma la famiglia della defunta perche' non assume un investigatore privato?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog