Cerca

La verità: Silvio fa reati anche quando dorme

Le incongruenze del caso Consorte-Fassino. E Belpietro rischia due volte per lo stesso procedimento

La verità: Silvio fa reati anche quando dorme
Circa il caso dell’intercettazione Fassino-Consorte, pregasi notare, tra l’altro, che:
1) La notizia del rinvio a giudizio per Berlusconi era online sul Corriere della Sera prima che il relativo provvedimento giungesse sul tavolo del pm Maurizio Romanelli e del procuratore capo Edmondo Bruti Liberati. Se non altro, complimenti al collega Maurizio Ferrarella.
2) Salvo altre spiegazioni giuridiche, si profila la possibilità che Maurizio Belpietro sia processato due volte per la stessa ipotesi di reato. Infatti Gianluigi Nuzzi, l’autore dell’articolo che nel 2005 riportava l’intercettazione galeotta, è già stato assolto con formula piena dall’accusa di violazione di segreto istruttorio (24 novembre 2009, quarta sezione penale presieduta da Oscar Magi) e con lui perciò l’allora direttore del Giornale Maurizio Belpietro, accusato a strascico di omesso controllo. La procura aveva chiesto un anno di carcere per Nuzzi pur avendo, in precedenza, chiesto per due volte l’archiviazione del fascicolo. Il gip Maria Curami aveva sempre respinto la richiesta. Pure lei.
3) Berlusconi, si apprende, commette reati anche quando dorme. Il Cavaliere ricevette ad Arcore gli imprenditori Fabrizio Favata e Roberto Raffaelli - l’hanno ricostruito gli stessi inquirenti - ma il loro computer portatile s’impallò, e così non riuscirono neppure ad ascoltare il file audio della conversazione Fassino-Consorte: al che Berlusconi s’innervosì e si addormentò. Il pm ha escluso - come testimoniato da Raffaelli - che Berlusconi abbia trattenuto in qualche modo il file audio. Peccato, perché dormendo non poté immediatamente comprendere il valore del «regalo ricevuto stante l’approssimarsi delle elezioni politiche». Anche da sveglio, comunque, secondo il pm Romanelli, nessuna testimonianza ha riferito di un ruolo attivo del Cavaliere nella vicenda.
4) Viene sempre enfaticamente riportato che l’intercettazione Fassino-Consorte, quando pubblicata, non era ancora stata trascritta e soprattutto depositata agli atti: ma è esattamente ciò che è successo pochi giorni fa con l’intercettazione Lavitola-Berlusconi, in cui quest’ultimo suggeriva che il primo - non indagato - se ne restasse tranquillo fuori Italia. Chissà se vi sarà un altro gip a promuovere un indagine in quanto la pubblicazione «avrebbe leso, così come è stato, l’immagine di Silvio Berlusconi».

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    16 Settembre 2011 - 19:07

    ... dopo la fuga, abbastanza ridicolmente scontata, peraltro, del post delle 15:06, ti sei lasciato prendere la mano, e dimostrare quanto sei sarcastico (post delle 15:44), facendo la figura del doppio merlo, e impallinato al volo. Te la saresti cavata se inizialmente non avessi laboriosamente utilizzato Padoa-Schioppa, una icona dei sinistri, padre dell' Euro, ministro delle finanze, docente, economista e chi più ne ha, aggiunga pure, ed in tema e con un banale copiaincolla. Tu intendevi dimostrarmi che i mercati sono una cosa complessa, e che io non ci posso capire nulla. Ti aspettavi che ribattessi qualcosa, e poi mi avresti sbattuto in faccia nientemeno che Padoa-Schioppa (di cui, tra l' altro NON STIMO il lavoro, anche se de mortuis) et le voilà. Io avrei usato Jonesco, oppure Shakespeare, ed aggiunto una chiusa sferzante. Ma io so di cosa parlo. Ah, imahfu ha dichiarato che d' ora innanzi si limiterà a fustigare i berluscones (insomma che non discuterà più): pensaci anche tu ...

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    16 Settembre 2011 - 15:03

    Se avete un gioiello in argento che col tempo si è annerito e ha perso il suo smalto migliore per pulirlo, in alternativa ai soliti veleni, potete utilizzare il ketchup. Ora, non so se, visto la provenienza anglosassone del video, sia obbligatorio l’utilizzo del ketchup o possa andar bene anche una più mediterranea passata di pomodoro, ma la presenza dell’aceto all’interno della salsa usatissima dagli americani potrebbe deporre in favore di quest’ultima a scapito della produzione nostrana.

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    16 Settembre 2011 - 15:03

    Forse la prima che hai detto...

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    16 Settembre 2011 - 14:02

    La Sua onniscienza wikipedica mi fa restare di stucco! E pensare che per la mia tesi di laurea ho dovuto elaborare un modello mesa-economico con un un 386...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog