Cerca

Uccide i genitori per l'eredità. Lui è un ex brigatista di Napoli

Torre del Greco. Maurizio Sorrentino ha ammazzato madre e padre per prendersi i loro beni. Il fratello fu ucciso nel 2000

Uccide i genitori per l'eredità. Lui è un ex brigatista di Napoli
Diliberto Sorrentino e Vincenza Marcianò, due anziani, erano stati trovati senza vita, nel loro appartamento, nell'estate del 2009. Il doppio omicidio, avvenuto a Torre del Greco, è rimasto per due anni senza un colpevole. Ma ora i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno arrestato uno dei loro figli con l'accusa di averli uccisi. Si tratta di Maurizio Sorrentino, un ex birgatista di 59 anni, che avrebbe ammazzato i suoi genitori per impossessarsi dei loro beni.

Il fratello - L'uomo era noto alle forze dell'ordine per i suoi precedenti giudiziari, e per la formazione e la partecipazione a banda armata: Sorrentino apparteneva alla colonna napoletana delle Brigate Rosse. L'uomo aveva difersi debiti, e incalzato dai creditori ha deciso di uccidere i suoi genitori. Nella tragica storia di una famiglia, c'è posto anche per il capitolo che riguarda Claudio, il fratello di Maurizio: venne ucciso nel 200 con tre colpi di pistola alle spalle alla testa. L'uomo non fu ucciso per motivi legati alla malavita, ma perché un gioielliere in rovina lo uccise accusandolo di essere la causa dei suoi problemi.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    20 Settembre 2011 - 11:11

    pure tutte le stragi che non hanno risolto da anni.Ha il gemello in quello che nel nord uccise i genitori a martellate,andandosene dopo in discoteca,lo volevano eleggere PURE sindaco,ha PURE ereditato,si è PURE sposato,sta PURE agli arresti domiciliari e con un indulto....

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    19 Settembre 2011 - 19:07

    BR...ma non è quella feccia che considera la proprietà un crimine? La propretà altrui finchè non la... espropria, ovvio! Comunismo cancro della Terra.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    19 Settembre 2011 - 15:03

    Al giorno, se dovessero citare tutte le nefandezze che succedono sotto il Po, non basterebbero i giornali per contenerle. Napoli oramai e' la capitale del malaffare e del malcostume. Di sicuro la sinistra dira' che manca lo Stato, non che i cittadini di certi luoghi sono solo ed esclusivamente degli impuniti. Vi mancava Gigetto o manettaro.

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    19 Settembre 2011 - 13:01

    Se scappa in Brasile potrà sempre dire di essere un perseguitato politico. Magari i genitori erano dei revisionisti o di destra. Ma la ghigliottina non si potrebbe rimettere in funzione ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog