Cerca

Minacciati Lavitola violento, Ghedini trema: "Non l'ho candidato e voleva bastonarmi"

L'avvocato del premier ai pm di Napoli: "Letta ed io eravamo contrari, era simpatico ma inaffidabile. Dopo il no, mi ha spaventato"

Minacciati Lavitola violento, Ghedini trema: "Non l'ho candidato e voleva bastonarmi"
Bastonate a Niccolò Ghedini perché non era stato inserito in lista elettorale. E' lo stesso legale del premier Silvio Berlusconi ad aggravare la posizione di Valter Lavitola, l'ex editore-direttore di L'Avanti indagato a Napoli per estorsione ai danni del Cavaliere. Nel suo interrogatorio davanti ai pm napoletani, Ghedini ha ricordato come nel 2008 Lavitola aspirasse a una candidatura alle elezioni politiche, "ovviamente in una posizione tale da poter essere eletto". Ghedini al tempo collaborava con Berlusconi alla stesura degli elenchi ed un suo parere negativo poteva pesare in modo decisivo. E quel parere negativo, su Lavitola, c'era eccome: "Io avevo consigliato, sia io sia il dottor Letta in maniera ancor più vivace di me il presidente Berlusconi di non frequentare questo signor Lavitola, che sarà una persona simpaticissima, piacevolissima, ma che non ci entusiasmava per ciò che veniva prospettato". Berlusconi accettò il consiglio, ma il Cav "è uomo generoso di sé" e con Lavitola si scusò per l'esclusione spiegando che sia Ghedini sia Legga avevano "dato un nettissimo parere negativo...". Apriti cielo. Come ricorda il legale del premier, l'imprenditore salernitano "andò in ufficio dal presidente e, parlando con Marinella (Brambilla, segretaria del premier, ndr), e dicendo e facendo delle minacce di tipo fisico". "Io - ha chiesto Ghedini agli inquirenti - posso mai frequentare uno come Lavitola che mi viene a fare minacce a me di tipo fisico?".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    21 Settembre 2011 - 08:08

    non è stato candidato perchè risultava incensurato e senza contatti con mafiosi. Adesso se sarà condannato potete candidarlo.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    20 Settembre 2011 - 19:07

    In compenso a libero (si fa per dire) sono ancora grati a lavitola di tutte le informazioni sulla casa di Fini a Montecarlo. Ma che gente frequentate nel partito dell'amore?

    Report

    Rispondi

  • bepper

    20 Settembre 2011 - 18:06

    Dagli amici mi guardi Iddio.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    20 Settembre 2011 - 18:06

    Bravo Avv. On. Ghedini, ha illustrato alla perfezione l'ambiente che circonda il nostro miglior presidente del consiglio degli ultimi 150 anni. Ed inoltre ha dimostrato che l'attuale legge elettorale non è assolutamente da cambiare per non recare danno a delinquenti ed escort aspiranti parlamentari. Da persone serie, lei e il grande saggio Letta, dimostrerete alla stampa la denuncia fatta a suo tempo a Lavitola per minacce, con la testimonianza di Marinella. Questo per dimostrare di essere persone che non temono minacce e ricatti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog