Cerca

Le Procure incompetenti giocano solo per la spallata Tanti errori, nessuno paga

L'indagine sul ricatto passa a Roma. Intanto però la Procura partenopea fa ricorso e a Milano tornano alla carica su Ruby

Le Procure incompetenti giocano solo per la spallata Tanti errori, nessuno paga
I pm sono "incompetenti", ma non mollano la presa. La Procura di Napoli ha chiesto di annullare la decisione del gip di incompatibilità con l'inchiesta su Tarantini e Lavitola, che vede Silvio Berlusconi parte lesa. Un estremo tentativo di tenere sotto torchio il premier. Milano invece gioca d'anticipo e si costituisce davanti alla Consulta per evitare che il processo Ruby venga affidato al Tribunale dei ministri.


Caso Ruby, procura scatenata

Di seguito l'articolo di Franco Bechis

Non sarà Silvio Berlusconi ad essere accompagnato dai carabinieri a testimoniare davanti ai pm di Napoli, ma le carte dell’inchiesta ad essere accompagnate coattivamente davanti al giudice naturale: quello di Roma. Con una decisione che ovviamente i difensori del Cavaliere consideravano naturale, ma che per tutti gli altri è stata una sorpresa, il gip napoletano Amelia Primavera ha deciso ieri la competenza territoriale della procura di Roma nell’indagine su Giampaolo Tarantini, sua moglie Nicla e Valter Lavitola arrestati per una presunta estorsione nei confronti del presidente del Consiglio. Appena resa nota la sua scelta ieri il giudice Primavera è diventata una sorta di icona del centro-destra, che giustamente sottolineava come Berlusconi avesse fatto bene ad evitare la trappola dei pm di Napoli. Lo stesso giudice è diventato una formidabile arma da usare nello scontro parlamentare per il Pd, che già l’ha impugnata: se il gip Primavera ha reso giustizia a Berlusconi ed è imparziale, è anche lo stesso giudice che ha firmato la richiesta di arresto di Marco Milanese, che quindi non potrebbe invocare il “fumus persecutionis” davanti alla Camera.

Grottesco - La politica non riesce uscire dal suo eterno giochino, eppure non c’è vicenda che sia più simbolo del grottesco malfunzionamento della giustizia di quella napoletana. Basta mettere in fila i fatti accaduti: è vero che il gip Primavera è stato il giudice che ha messo la sua firma in calce alla richiesta di custodia cautelare per Milanese e prima ancora per il deputato Pdl Alfonso Papa. Da mesi è l’unico gip che controfirma le richieste cautelari dei pm John Woodcock e Vincenzo Piscitelli, un po’ come accadeva nel 1992 fra il pool Mani pulite e il gip Italo Ghitti. Così come in tutte le altre inchieste che hanno reso celebre la procura di Napoli negli ultimi mesi, è stata sempre la Primavera tre settimane orsono, alla vigilia del suo 43° compleanno, a fare arrestare Tarantini e a rendere latitante Lavitola.

Così ieri i difensori di Tarantini hanno chiesto allo stesso giudice che aveva mandato a Poggioreale l’imprenditore barese di concedergli gli arresti domiciliari. E si sono sentiti rispondere dalla Primavera che lo aveva arrestato: «Eh, non posso mandarlo a casa. Non ho la competenza: tocca a Roma».
In mezzo ci sono state solo tre settimane. E un solo appiglio formale: la testimonianza resa il 2 settembre scorso (il giorno dopo gli arresti) da Marinella Brambilla, storica segretaria del cavaliere. Lei ha spiegato che soldi a Lavitola- destinazione Tarantini sono stati effettivamente dati su indicazione di Berlusconi. E che la consegna è avvenuta a Roma. Beh, non vorremmo attaccarci sempre a questioni di lana caprina, ma non c’era bisogno di gran giurista per capire anche prima di firmare gli arresti dalla lettura delle intercettazioni telefoniche come tutta la vicenda si fosse svolta nella capitale, e in ogni caso come nessun fatto, nessun indizio, nessun particolare fosse anche solo indirettamente legato alla città di Napoli.

Sarà questione tecnica quella della competenza territoriale, ma è diventata sostanza grave e pesante quando il capo di un pool incompetente, Giandomenico Lepore ha minacciato apertamente il premier di mandare carabinieri o polizia a prenderlo e creato un caso diplomatico internazionale quando Berlusconi non è andato a testimoniare preferendo recarsi a Bruxelles per spiegare alle autorità Ue la manovra economica appena approvata dall’Italia.

Spallata - In un momento assai delicato per il Paese la procura di Napoli ha tentato la spallata al premier non avendone alcun diritto, facendo in modo anche che saltassero fuori in contemporanea anche le intercettazioni di Bari di due anni fa. Berlusconi potrà avere tutte le colpe e le responsabilità del mondo (e ne ha sicuramente), ma quel che è accaduto in questo mese a Napoli non può passare allegramente in cavalleria. Per il bene della giustizia, bisogna augurarsi che la pratica Lepore diventi la prima ossessione del Consiglio superiore della Magistratura, così come lo è per chi lo guida: il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    22 Settembre 2011 - 20:08

    Se Berlusconi non è stato ricattato vi è una ragione di più per correre dai PM che hanno richiesto ed ottenuto l'arresto dei presunti ricattatori. Per dare cerdito ad una persona in sede giudiziaria questa deve essere interrogata. Si ha reato di falso quando un sogegtto sotto giuramento afferma fatti contrari alla verità e non ad un teorema di un PM. Se la verità è quei galantuomini di Tarantino e Lavitola erano destinatari di atti di beneficenza basta dirlo e sottoscriverlo. Una volta raccolta la dichirazione della parte lesa, se questa corrisponde a verità, i PM possono chiedere l'archiviazione del caso. Il rifiuto di testimoniare è sospetto perchè chi si rifiuta o non può dire la verità o sa che quello che vuole dire non è vero e quiondi rischia di essere incriminato per falso. Cosa questa già successa al buon Silvio quando sotto giuramento riferì di non essere mai stato iscritto alla P2. Venne condannato ma fu amnistiato nel 1989.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    22 Settembre 2011 - 17:05

    Me ne fotto se quello che si sente nelle intercettazioni (Fassino vs. B.) e' un reato possibile o meno. E' uno schifo. Questo e' chiaro. E' tutto quello che mi serve sapere per farmi un'idea e decidere chi NON devo votare alle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

  • biri

    21 Settembre 2011 - 21:09

    Io non so se quelle intercettazioni contengano elementi penalmente rilevante a carico di Berlusconi. A carico di altri pare proprio di sì. Quelle indagini andavano, dunque, fatte. Non sarà mica colpa mia se il presidente del consiglio passa le sue giornate al telefono con dei poco di buono? Questo per risponderle che il primo a rendersi impresentabile è stato proprio lui, a meno che quello che parla al telefono non sia un imitatore.

    Report

    Rispondi

  • biri

    21 Settembre 2011 - 21:09

    Non ho dato e non do alcun giudizio politico o di merito sul gaudio di Fassino. Mi limito a riproporre il mantra stucchevole dei seguaci del cavaliere: "è un reato?". Congratularsi per l'acquisizione di una banca non è un reato. Forse non è un reato neanche frequentare papponi e trafficanti di cocaina. Posso legittimamente ritenere inopportuno e disdicevole che il capo del governo del mio Paese lo faccia? Le sue vicende giudiziarie sono affari suoi (e della legge, alla quale è sottoposto come tutti noi). La sua impresentabilità politica è affar mio, e di tutti noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog