Cerca

Giggino tradisce San Gennaro De Magistris apre la moschea

Dal miracolo al ramadan: il sindaco di Napoli imita Renzi e Pisapia e annuncia: "Costruiremo un luogo di culto per l'Islam"

Giggino tradisce San Gennaro De Magistris apre la moschea
All’islam partenopeo, dopo decenni di amministrazioni rosse, non manca proprio nulla, nemmeno la moschea gentilmente concessa dal Comune.
Eppure il neosindaco Luigi De Magistris non vuol essere da meno dei sui colleghi di sinistra milanese e fiorentino. Giuliano Pisapia ha vinto le elezioni puntando sul multiculturalismo? Matteo Renzi si è reso disponibile a ospitare, purché in periferia, la moschea nella città di Oriana Fallaci? E allora anche l’ex magistrato si affretta ad annunciare la costruzione di un nuovo luogo di culto per i musulmani: «Stiamo lavorando come amministrazione comunale per l’individuazione del sito e spero che entro l’anno si possa fare». A dire il vero, fa un po’ il prezioso sull’ubicazione: «A dicembre indicherò il luogo dove sorgerà».

Al sospetto che non abbia la minima idea su dove piazzare il minareto va aggiunta la comprensibile preoccupazione di evitare una rivolta nel quartiere prossimo a essere investito dal richiamo del muezzin.
Ma ieri sera, sul sito del Mattino, il quotidiano più diffuso a Napoli, un sondaggio online indicava un 53 per cento di contrari alla moschea, nonostante che il primo cittadino avesse ricordato che «in questa città c’è un’ampia comunità islamica con la quale si sono instaurati buoni rapporti di collaborazione» e avesse sottolineato come Napoli sia una «città di integrazione». Escludendo ovviamente chi non vuole integrarsi.
È all’indomani del miracolo di san Gennaro, protettore della città, che De Magistris svela il suo progetto, rimasto segreto fino a ieri. Prima della liquefazione del sangue del patrono se n’era ben guardato. Lui si dichiara cattolico, ma ora dice di voler parlare di «religione più che di cattolicesimo». Perciò pensa a un «luogo comune dove si possano riunire e discutere le comunità cattolica, musulmana, ebraica ed evangelista». Per il sindaco sarebbe «un segnale diverso rispetto al passato».

Lo sarebbe soprattutto se riuscisse a ricomporre le fratture interne alle diverse comunità islamiche del capoluogo campano, in particolare fra il gruppo Zayd Idu Thabit, che si riunisce nella sala di preghiera di Piazza Mercato, in uno stabile comunale, e i concorrenti di corso Lucci, affiliati all’Ucoii, l’Unione delle Comunità e Organizzazioni islamiche in Italia. E mentre le prime due sigle rivaleggiano per la leadership e le offerte, a fare da terzo incomodo da qualche anno è sorta un’altra associazione, composta in gran parte da bengalesi e pakistani, che hanno affittato un locale nei pressi di Porta Nolana.

In città e nei dintorni, tuttavia, è attiva una rete salafita che prolifera nei comuni vesuviani ma ha collegamenti con il resto del territorio italiano e all’estero. Nel novembre scorso i carabinieri dei Ros, coordinata dalla sezione antiterrorismo della Procura di Napoli, avevano arrestato undici persone sospettate di far parte di Al Qaeda. Nel gennaio 2008 la Corte d’Appello napoletana aveva condannato per associazione a delinquere con finalità di terrorismo altri tre algerini arrestati dai Ros nel 2005 nell'ambito dell’operazione Full Moon che aveva individuato la collaborazione fra jihadisti e camorra. Ormai lo sanno anche nel Maghreb che, per procurarsi documenti falsi, bisogna frequentare le moschee di Napoli.  Solo al giudice De Magistris mancava l’informazione.

di Mario Dergani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • freddie

    21 Settembre 2011 - 23:11

    Per lavoro Ho notato che lei non è abituato a vedere i neri!! In tutta italia, e nel mondo, è piena di gente di colore! Questo mi da molto fastidio che ancora oggi c' è gente che guarda il colore della pelle...sopratutto gli Italiani, mentre se andiamo in Francia, o negli Stati Uniti d' America, non ci fanno caso al colore della pelle! Perché sono paesi abituati fin dal 800 a vivere con la gente di colore. Sappiamo bene che i neri, o i mulatti, sono le persone più facili da notare in un paese bianco come l' Italia!!! In Italia ci sono anche Sud Americani, Rumeni, Albanesi, e Cinesi!! Però queste etnie, non attirano l' attenzione quanto i neri, o i mulatti. Quindi l' Italia non è solo piena di Africani, ma ci sono anche Europei, Asiatici, Sud Americani ecc!! Lei si deve rendere conto, che gli stranieri residenti in Italia, provengono da tutto il mondo...non solo dal Africa.

    Report

    Rispondi

  • freddie

    21 Settembre 2011 - 22:10

    X dai il tuo indirizzo Io non ho paura dei musulmani, e non giudico la religione Islamica, proprio come sta facendo lei!! Io vivo a Parigi, in Francia, vado e vengo in Italia! Nella scuola dove va mio figlio, è l' unico Francese Bianco! I musulmani residenti in Francia, sono 6 milioni, e le moschee sono 2,800. La francia, ha avuto molte colonie, per questo oggi abbiamo quasi il 49% dei francesi di origine Nord Africana, o dal' Africa Nera!! In tutta l' Area urbana di Parigi, vivono 1.700.000 Musulmani, e le moschee con tanto di minareto, c' è ne sono 7. L' Italia non è ancora così, ma in futuro sarà come la francia!!! Io ti do un consiglio, se impari a essere più aperto, conoscere bene queste persone, e la loro cultura, vedrai che alla fine, non sono così cattivi come pensavi.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    21 Settembre 2011 - 21:09

    In Italia ci sono scuole asili strutture dello stato a pezzi, e cosa facciamo le Moschee.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    21 Settembre 2011 - 16:04

    Mi trovavo a Napoli.Ero a pranzare in uno di quei ristorantini tipici vicino alla Stazione Centrale.Nell'attesa guardavo la gente passare.La mia attenzione fu attirata da due bellezze partenopee.Entrambe bionde,un fisico da sballo alte,bellissime..sui 30 anni.Proprio le tipiche bellezze da rimorchiare a cena....Poi lo sgardo mi è caduto sui due passeggini che spingevano.Due bimbi...Uno nero come il catrame,capelli rossicci tipici del Senegal,l'altro un mulatto con i lineamenti tipici del Magreb.Anzi,guardandolo bene assomigliava pure a Gheddafi.....In quell'attimo ho immaginato il futuro dell'Italia...NERO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog