Cerca

Anarchici scatenano rivolta: fuga dal Cie di Torino

Un gruppo di antagonisti lancia messaggi all'interno del centro: "Ribellatevi". Così in 20 scappano, la polizia ne arresta 10

Anarchici scatenano rivolta: fuga dal Cie di Torino
Dopo Lampedusa, la protesta si sposta a Torino. Nella notta una ventina di stranieri è riuscita a forzare i cancelli del Cie della città e a scappare. Diversi feriti e contusi tra le forze dell'ordine che hanno provato a sedare la rivolta, riuscendo ad arrestare 10 degli immigrati in fuga. Gli arrestati provengono da diverse nazionalità, fra cui Tunisia, Marocco, Algeria ed Egitto. Le accuse nei loro confronti sono di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

A scatenare la protesta, sembra sia stato un gruppo composto da anarchici e antagonisti che verso mezzanotte ha fatto scoppiare petardi e lanciato palline da tennis all'interno del Cie, con all'interno dei messaggi che istigavano gli stranieri a ribellarsi, citando anche gli avvenimenti di Lampedusa. Gli ospiti della struttura hanno cominciato così a lanciare oggetti contro la polizia che si è vista costretta ad intervenire.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    22 Settembre 2011 - 21:09

    quanto piuttosto un problema, sul quale si è sorvolato e fatto buonismo di grana grossa per troppo tempo. Gli italiani perbene sono stanchi, questa marmaglia migrante, pezzente, spesso criminale e senza nulla da perdere non la vogliono. Ora sono in tanti ed esigono questo e quelloa gran voce, roba da matti. Ma un problema ancora maggiore sono quei sedicenti "italiani", non pochi, che si schierano coi migranti, li coccolano, li difendono, li aiutano ad inserirsi di prepotenza in Italia,si mettono di traverso alle espulsioni e spesso li aizzano contro l'ordine e la legalità istruendoli a protestare e gridare per pretendere. Buonisti e antirazzistume assortiti, centri sociali, magistrati che ne giustificano quasi sempre le malefatte con la povertà, Chiesa cieca e pro-islam, pseudo-intellettualume sognatore, rossume vario ed eventuale... la lista, ahinoi è lunga. Finchè c'è questa dannata mentalità buonista non si potrà combattere la piaga dell'immigrazione,legale od illegale che sia.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Settembre 2011 - 19:07

    Il Generale Inverno di fronte a questa gentaglia non puo' fare nulla.Hanno già trovato vitto e alloggio a Porta Palazzo dagli amici loro...ed in questo il Generale ha le armi spuntate.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Settembre 2011 - 18:06

    dal CIE , dove trovano gratuitamente cibo e un tetto ,si rendono conto che fuori non avranno nulla?L'inverno è alle porte col freddo micidiale del Nord Italia al quale non sono abituati. Gli altri paesi non li vogliono, li rimandano indietro, in Italia per loro non c'è futuro , lavoro , niente di niente tranne un destino da pusher. Credono nei miracoli o in sogni di gloria?Li aspettano solo criminalità e miseria , ringrazino quei co... senza nè arte nè parte dei centri sociali che li fanno sperare in chissà quali meraviglie.In fondo , più ne fuggono , meno ne dobbiamo mantenere, certo che la sicurezza...

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Settembre 2011 - 18:06

    c'è da sperare in altri fatti come quelli di Lampedusa , serviranno ad aprire gli occhi alla gente indifferente. E' evidente che , con la distruzione del CIE di Lampedusa i tunisini non hanno raccolto grandi consensi nella popolazione , se non da parte dei soliti deficienti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog