Cerca

Se l'onorevole Papa conta di più in cella che a Montecitorio

Il deputato Pdl in carcere a Poggioreale da due mesi è molto popolare tra gli altri detenuti: lettere e consigli legali

Se l'onorevole Papa conta di più in cella che a Montecitorio

Alfonso Papa a è più famoso a Poggioreale che in Parlamento. Dopo due mesi di detenzione, il parlamentare ed ex magistrato accusato di concussione, favoreggiamento e rivelazione di segreto nell’ambito dell’inchiesta sulla Loggia P4, è diventato un punto di riferimento per gli altri detenuti. La svolta è arrivata con lo sciopero della fame, quando anche lui ha deciso di digiunare per protestare contro il sovraffollamento delle carceri. Una decisione che, da "giudice infame" (i magistrati in carcere non godono di simpatie) lo ha trasformato in una specie di "don Raffaè" della canzone di de André. Solo che il cantautore parlava del boss Raffaele Cutuolo che viveva a Poggioreale come un carcerato speciale e dispensava favori e consigli sfruttando la sua posizione di rispettabile. Nel caso di Papa, a renderlo così amato, è stata la sua capacità di non chiudersi in un isolamento sprezzante ma di mettere le proprie competenze e la sua consocenza della legge al servizio dei detenuti.

 Improvvisamente è diventato uno da rispettare e così adesso a Papa si rivolgono quelli che vogliono un consiglio sulla strategia difensiva: l'immigrato che vuole sapere la differenza tra gip e pm, chi vuole un aiuto a calcolare il tempo che manca alla fine della pena. E lui ha una parola per tutti. Il parlamentare riceve molte visite di colleghi, da quando è rinchiuso nel padiglione Firenze c'è un via vai di onorevoli. Papa viene visto come uno che conta, uno che ha notizie dall'esterno, una fonte inesauribile di dritte. Ovviamente tutti vogliono sapere se è in arrivo un indulto. Lui è disponibile, ha tempo per tutti. La voce si è sparsa e così alle lettere che gli arrivano dall'esterno si sommano quelle dei detenuti che non hanno la fortuna di parlargli durante l'ora d'aria.Tutti sanno che la corrispondenza dei deputati non è sottoposta a censura...

di Lucia Esposito

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    23 Settembre 2011 - 21:09

    Ancor prima che il dott. PAPA venisse indagato, avevo commentato su questo sito, un suggerimento per ALFANO, oggi segretario del PDL, del tipo: non sarebbe più opportuno che i vari magistrati e/o avvocati che intendono candidarsi nel PDL alle prossime elezioni, si asterrebbero dal farlo?. Più precisamente, indicavo i primi come garantisti del C.P.P., mentre i secondi, come difensori di quella povera gente che, molto spesso deve subìre angherie dalla burocrazia senza potersi difendere. A mio avviso, se il dott. PAPA fosse rimasto in magistratura, si veniva ugualmente a conoscenza della condotta (.....) a detta degli indagatori, però sarebbe stato sicuramente a casa sua a dormire e non in carcere. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    23 Settembre 2011 - 18:06

    Se la Esposito voleva affossare Papa, complimenti. Se il contrario....Culpa in vigilando da parte del caporedattore. Piuttosto ho letto che alla Camera era schivo ed isolato. E' giusto assecondare le vocazioni.

    Report

    Rispondi

  • PensieroLiberalDemocratico

    23 Settembre 2011 - 17:05

    La sinistra pontifica sull'umanizzazione delle carceri ma i "ganzi" rossi e corrotti come Tedesco e Penati se ne guardano bene da accettare dsecisoni come quelle di Papa.- che non va incensato ma rispettato,anche se è accusato di un reato che negli Usa non esiste e i lobbisti sono regolati per legge, questo credo che i ganzi di sinista non lo sappiano o non avendo argomenti negano l'evidenza-rispettando il copione della "pelosità" della sinistra sulle questioni sociali, solo chiacchiere e distintivo....Comunque la galera come la morte non si augura a nessuno anche se tanti ganzi di sinistra su vari blog e siti ne dicono di tutti i colori verso Berlusconi, il Papa, Israele, gli Usa e via dicendo. Comunque quella di Papa è una testimonianza che solo chi è libero da ogni livore e indignazione al chilo-magari pagata-può comprendere. E qui non c'entra essere di destra o di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • migpao

    23 Settembre 2011 - 17:05

    la tua proposta mi piace, cazzarola se mi piace...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog