Cerca

Riecco compagna Marcegaglia "Un piano per salvare l'Italia"

La leader di Confindustria scrive un papello: "Se il governo parla con noi bene. Vogliamo una vera discontinuità"

Riecco compagna Marcegaglia "Un piano per salvare l'Italia"
Giorno dopo giorno, colpo dopo colpo, Confindustria continua il suo lavoro ai fianchi del governo. Mentre l'intellighenzia economica mondiale si riunisce a Washington per il G20 delle 'ricette indigeste' (e inutili, come dimostrano le reazioni perennemente negative dei mercati), Emma Mercegaglia ("La compagna a cui interessano solo gli affari suoi", come la ha definita Libero) non perde occasione per sferrare un colpo al governo (e al Paese). Così la numero uno di viale dell'Astronomia ha fatto sapere che Confindustria è pronta a "scindere" le sue responsabilità da quelle del governo, perché "vogliamo un cambiamento vero". Dall'assemblea degli industriali toscani a Firenze ha fatto sapere che "noi vogliamo una vera discontinuità e la vogliamo velocemente: basta con le piccole cose, non siamo più disponibili a stare in una situazione di stallo, in cui si vivacchia e in cui ci si limita a fare qualche piccola manutenzione".

Il documento di Emma  Marcegaglia ha anche redatto un documento, "un manifesto delle imprese", scritto "insieme alle altre associazioni per salvare l'Italia. Il documento - ha insistito - non riguarda però solo le imprese. E' per l'Italia. Se il governo è disponibile a parlare con noi e con le altre associazioni, bene. Se invece vuole andare avanti con piccole cose, non siamo più disponibili". Emma detta la linea. Nel papello ha messo nero su bianco le riforme che secondo gli industriali serviranno a rilanciare il Belpaese. Nel dettaglio, Confindustria chiede "una riduzione della spesa pubblica non più solo con tagli lineari", e "una riforma delle pensioni che ci metta in linea con gli altri Paesi europei", per usare i soldi che si ricaverebbero per "abbassare il cuneo fiscale, a partire dai giovani".

"Vendita immobili e liberalizzazioni" - La nuova versione della manovra economica viene così redatta da Viale dell'Astronomia, che riprende anche alcuni dei provvedimenti stralciati dal governo nel corso della lunga gestazione del pacchetto anti-crisi. Nel documento di Marcegaglia si parla anche della vendita dei beni pubblici "per abbassare il deficit, per diminuire l'ingerenza del pubbblico che è ancora troppo forte e si porta dietro clinetele, oltre a fare concorrenza sleale". Quindi, tra le pagine, fa capolino anche una spinta sulle liberalizzazioni, perché "nell'ultima manovra non c'è quasi niente". Infine una bordata anche all'Europa: "Fa male vedere una carenza di leadership anche a livello europeo. Non può esserci una moneta unica senza una politica comune. O i leader europei hanno la capacità di superare i nazionalismi - ha concluso Emma - oppure io penso che tutto quello che abbiamo fatto nell'Unione europea rischia di non restare in piedi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    24 Settembre 2011 - 14:02

    I trinariciuti di sinistra difendono la presidente della confindustria! Si sa che la confindustria ha sempre fatto gli interessi degli operai e dei poveri!

    Report

    Rispondi

  • galaphille

    24 Settembre 2011 - 10:10

    Nonostante tutto ci risiamo,ancora i comunisti..... ma noi non ci stanchiamo mai di sentire semrpre e dico sempre le solite scemenze,mi domando è possibile mai che nonostante tutto quello che stiamo vedendo e leggendo,ancora crediamo alla stupidaggine dei comunisti....ma basta!!!! sono 20 anni che ci rifilano questa scemenza,Libero publico' una bella manovra economica in contrasto con il governo,era diventato COMUNISTA? no!.. no credo,e quindi ?e quindi forse vogliamo bene al nostro paese e si cerca di tenerlo in piedi! la Marcegaglia come tutti noi sta' assistendo allo spettacolo veramente pietoso offerto da questo governo,con B. che dice non mollero' mai!e io ci credo piuttosto fara' fallire l'Italia,hanno fatto una finanziaria che" Signore pieta' "!!!!Andreotti&C. avrebbero fatto uguale....hanno recuperato i soldi...dove?semplice dove sempre si sono recuperati,tabacchi benzina alcolici... ecc.ecc.. siamo diventati tutti comunisti?.....non credo,amici di Libero.... LIBERATEVI!!!

    Report

    Rispondi

  • renatolibero

    24 Settembre 2011 - 09:09

    Tanto vengono pubblicati solo gli articoli che suguono una logica "noi l'avevamo detto, noi l'avevamo previsto ovvero era come dicevamo noi2

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    24 Settembre 2011 - 09:09

    solo un comunista può criticare questo governo; non per niente berlusca è il più grande statista del mondo. Berlusconi è allah e libero è il suo profeta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog