Cerca

I rapinatori sono troppo bravi? La banca non ti ridà un euro

Sentenza creativa della Cassazione. Quando il furto è perfetto, l'istituto non deve dare alcun risarcimento ai suoi clienti

I rapinatori sono troppo bravi? La banca non ti ridà un euro
Ladri così sofisticati da aggirare persino l'allarme di una banca. Proprio per questo l'istituto di credito - Unicredit - non dovrà risarcire un furto avvenuto alle cassette di sicurezza di alcuni clienti nel 1989. I derubati nel frattempo sono morti ma gli eredi si sono visti bocciare in Cassazione il ricorso: i ladri, hanno spiegato gli 'ermellini' hanno utilizzato "sistemi elettronici altamente sofisticati e idonei a neutralizzare gli impianti di allarme". Un utilizzo di "tecniche sofisticate ignote" ventidue anni fa, quando avvenne il furto.

Mancata vigilanza - Come ricostruisce la sentenza, Manlio R. e Franca P. chiesero alla banca un risarcimento pari a 18 mila euro per il danno subito in seguito al furto della loro cassetta di sicurezza presso l'agenzia 14 del Banco - oggi Unicredit - tra il 30 giugno e il 2 luglio del 1989. Secondo i derubati, poi deceduti nel corso della causa giudiziaria, la banca aveva una responsabilità nella mancata vigilanza. Responsabilità da cui era stata sollevata sia dal Tribunale che dalla Corte d'appello di Roma  - novembre 2005 - che, ritenendo che l'istituto di credito avesse provato l'assenza di "colpa grave" nel furto, stabiliva per i derubati un risarcimento di 500 euro.

Nessuna colpa - In effetti, prende atto la Cassazione, "era risultato che i locali dell'agenzia erano blindati e dotati di allarme collegato con la Questura". Insomma, alla banca non si poteva attribuire una "condotta colposa". Il fatto è, annota la Suprema Corte facendo proprie le motivazioni d'appello, che "il furto è stato possibile grazie all'uso di tecniche sofisticate, all'epoca ignote a chi aveva il compito della prevenzione, sia dall'accertamento della predisposizione di idonee misure preventive, sia dalla esperienza di due analoghi furti successivi in cui quelle sofisticate tecniche erano state adottate". Da qui il rigetto del ricorso degli eredi delle vittime del furto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    24 Settembre 2011 - 00:12

    Invece di usare tecnologie sofisticate atte a neutralizzare i sistemi di allarme,dal momento che la banca crea denaro pigiando i tasti di un PC e spostarlo in un qualsiasi parte del mondo si potrebbe presupporre che un cyber rapinatore introducendosi nel sistema possa fare altrettanto,facendo trovare la somma disponibile su un conto alle Cayman.Se il genio conosce i suoi limiti e lo stupido no,mi chiedo se la creatività ha un limite.......

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    23 Settembre 2011 - 23:11

    Qualcuno si ricorda del popolano Bertoldo e delle sue sentenze, detti e facezie? Sono strasicuro che farebbe le scarpe ai nostri imparruccati magistrati, tronfi e sdegnosi, strapagati per arrivare a certe m....ate! Il diritto romano ha fatto e fa scuola in tutto il mondo...eccetto in italia. Cariatidi mummificate, Sapete qual'è il posto giusto per voi? IL CARCERE PSICHIATRICO!!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    23 Settembre 2011 - 19:07

    e un grande incentivo per i balordi a specializzarsi nei furti.

    Report

    Rispondi

blog