Cerca

G8, nel mirino c'è Bertolaso: scatta il rinvio a giudizio

Cricca e Grandi Eventi. Le toghe di Perugia mandano a processo 18 dei 19 indagati: ci sono anche Anemone e Balducci

G8, nel mirino c'è Bertolaso: scatta il rinvio a giudizio
Le toghe cercano di affondare Guido Bertolaso. Il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Perugia, Claudia Matteini, ha rinviato a giudizio 18 dei 19 imputati dell'inchiesta G8 relativa a presunti appalti e casi di corruzione. Tra le persone che saranno processate il 23 aprile del 2012 ci sono anche l'ex capo della protezione Civile, Bertolaso, nonché l'ex presidente del Consiglio superiore dei Lavori Puibblici, Angelo Balducci, e l'imprenditore Diego Anemone. L'unico prosciolto è l'ex senatore Alberto Covello. Nessuno degli indagati era in aula nel momento della lettura del dispositivo. Secondo il quadro accusatorio ci sarebbe stato uno scambio di favori e corruzione tra imprenditori e pubblici ufficiali per l'assegnazione degli appalti per i Grandi Eventi. Tra i reati contestati figurano l'associazione per delinquere e la corruzione.

"Elementi di reità" - Nel dispositivo di rinvio a giudizio, il gup di Perugia Claudia Matteini ha scritto: "Lo scopo dell'udienza preliminare è quello di evitare dibattimenti inutili e non quello di accertare la colpevolezza o l'innocenza dell'imputato. Nel caso di specie emergono sicuramente sufficienti elementi di reità a carico degli imputati in ordine ai reati di cui in rubrica". Bertolaso secodno l'accusa avrebbe "illegittimamente" favorito l'imprenditore Diego Anemone in cambio di denaro e favori anche di tipo sessuale (leggi tutte le tappe dell'inchiesta). A Balducci e Anemone, oltre a svariati episodi di corruzione, viene contestata (insieme ad altri 12 imputati) l'associazione per delinquere. Il gup, per il resto, ha confermato quasi in toto le accuse mosse dai pubblici ministeri agli indagati, che vanno a vario titolo dalla corruzione alla rivelazione di segreto di ufficio al favoreggiamento. Tutti ad esclusione della presunta corruzione per la corresponsione di un finanziamento per la ristrutturazione del Salaria Sport Village di Diego Anemone. Per questo capo di accusa sono stati quindi prosciolti lo stesso Anemone e Francesco Alberto Covello, allora vicepresidente dell’istituto per il credito sportivo.

Bertolaso: "Dovrò attendere giustizia per anni" - "Prendo atto della decisione del gup. I miei legali mi dicono che la prima udienza del processo sarà a fine aprile del 2012, cioè fra sette mesi. Il che significa che dovrò attendere anni per avere quella giustizia che oggi mi è stata negata alla luce di tutte le prove documentali che ho fornito anche nei giorni scorsi a Perugia". E’ quanto afferma l'ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, dopo aver appreso del rinvio a giudizio. "Noto al contrario - ha poi attaccato - che il processo in corso a L’Aquila per la commissione grandi rischi si sta svolgendo con sorprendente velocità, tanto che sono state fissate udienze con cadenza settimanale. Sembra quasi che la velocità dei due processi sia legata alla diversa capacità e soprattutto volontà di dimostrare accuse che comunque sono assolutamente tutte da provare. E che nel mio caso non hanno assolutamente ragion d’essere".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    26 Settembre 2011 - 18:06

    fatti eleggere in qualsivoglia posto , in modo da usufruire di compensi e privilegi , poi non fare nulla , defilati , altrimenti ti trovi nel mirino di qualcuno, anche per cose che non immagini. Immobilismo totale e mangerie. A questo hanno condotto le procure che , invece di lavorare giustamente su obiettivi mirati e solidi, colpiscono a casaccio ,instillando nella popolazione sfiducia su tutti i fronti. Poi ci stupiamo se i tedeschi progettano , fanno e concludono. Qua , ad ogni passo trovi lacci e lacciuoli, poi anche un cumulo di denunce per aver utilizzato la ditta di camorristi e affini. Meglio non fare niente e tirare a campare fino alla fine dell'incarico. Intanto la magistratura campana ha fatto andare in prescrizione , dopo 7 anni, il processo contro lo smaltimento rifiuti, 98 indagati.Iniziassero un processo e lo finissero in tempi brevi!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    26 Settembre 2011 - 12:12

    ci dice, gentilmente cosa? riesce a fornirci un elenco anche sintetico di tutte 'ste meraviglie? perché sa, a noi, al 76% (oggi) degli italiani questo non risulta. Liberalizzazioni? abbattimento delle aliquote fiscali? riduzione delle tasse? eliminazione del bollo auto? semplificazione burocratica? interventi sul lavoro? grandi opere? insomma tutto quello che aveva promesso nel famoso Porta a Porta, con la lavagnetta, ricorda?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    26 Settembre 2011 - 12:12

    la settimana scorsa hanno arrestato il sindaco di Arese, questa l'hanno cominciata con gli assessori di Parma. 'azz, 'ste toghe rosse!!!

    Report

    Rispondi

  • anes332000

    25 Settembre 2011 - 20:08

    Una casta politica di ladri, annessi e connessi. Siamo allo sfascio e neppure si arrendono. E già come fanno ad andare via? La cuccagna è buona per loro e loro eredi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog