Cerca

Si spara in un bar di Torino I titolari lo tengono aperto

Una 66enne di origine francese si chiude nel bagno del Bar Platti e si uccide. Sconcerto per l'indifferenza di titolari e clienti

Si spara in un bar di Torino I titolari lo tengono aperto
Torino, domenica mattina. Come ogni giorno va al bar per prendere cornetto e cappuccino. Ma questa volta il piano è un altro. Armata di un revolver 38 special, di proprietà del defunto marito, si chiude nel bagno del locale e si spara un colpo un testa. E' successo nel prestigioso Bar Platti, nel centro del capoluogo piemontese. Una donna, 66 anni, di origini francesi, viveva da tempo con il marito a Torino. Ma da quando l'uomo era morto, anche le sue condizioni di salute erano peggiorate. Così la tragica decisione di farla finita, spiegara in una lettera lasciata alla figlia che vive a Parigi. A fare la scopeta del cadavere sfigurato della donna, i vigili chiamati dai titolari del bar dopo aver udito un forte colpo provenire dai bagni, chiusi a chiave da dentro. 
Le reazioni - Ma quello che più ha destato scalpore in questa vicenda è stata la reazione dei proprietari del bar che, nonostante il via vai di vigili, polizia e sanitari, ha deciso di continuare a servire colazioni e apertivi. "Non ho chiuso il bar perchè non mi è sembrato opportuno - ha detto la titolare - si è trattato di una fatto certo grave, ma voluto dalla signora. Mi spiace molto, era una donna gentile che da anni la domenica faceva colazione da noi, si sedeva al tavolo, consumava, dava la mancia e usciva. Ma perchè chiudere il bar? Aspettavo per pranzo 100 turisti in arrivo da Milano ed il locale era pieno di gente. Io devo pensare al locale, a pagare i dipendenti, e poi forse la signora avrebbe preferito questa riservatezza". Stessa indifferenza anche da parte degli avventori che non si sono scomposti più di tanto e hanno continuato a consumare indisturbati le loro ordinazioni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    28 Settembre 2011 - 09:09

    chi ripaga il gestore dei mancati introiti, visto che il Fisco non si interessa di chiusure 'umanitarie'? Quello i soldini li vuole, e non vuole neppure discutere

    Report

    Rispondi

  • roda41

    27 Settembre 2011 - 21:09

    poi dicevano che era una foto già di tempo fa pubblicata,con lo stesso luogo....ma insomma pur di fare scoop....

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    26 Settembre 2011 - 22:10

    Tempo fa su una spiaggia trovarono il cadavere di un uomo ucciso,e dato il posto in cui fu ritrovato pare sia stata incolpata la camorra....La gente attorno ballava,rideva,e mangiava.Nessuno si è accorto di quella sagoma immobile(possibile?)sdraiato su un fianco.Nessuno ha avuto sospetti?E si che quando se ne sono accorti la mattinata era già passata abbondantemente assieme all'ora di pranzo.E quando lo hanno scoperto...i bagnanti mica hanno smesso di fare casino.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    26 Settembre 2011 - 19:07

    nemmeno un pò di rispetto per la morte di una persona. Si vergognino i beceri titolari.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog