Cerca

Sabrina, la superstar in cella Troppi flash: niente ora d'aria

Per sfuggire alle telecamere la ragazza, accusata dell'omicidio della cugina, non ritira il diploma del corso di parrucchiere in cella

Sabrina, la superstar in cella Troppi flash: niente ora d'aria
Come delle dive che si ritraggono davanti ai paparazzi. Sabrina Misseri e sua madre, Cosima Serrano, non hanno voluto usufruire questa mattina della cosiddetta ora d'aria di cui possono beneficiare i detenuti del carcere di Taranto. Troppi curiosi, troppi giornalisti, fotografi e cameramen convocati per la cerimonia di consegna degli attestati di frequenza a 12 detenute che hanno partecipato ad un corso per parrucchiera tenuto in carcere. Sabrina era tra le 12, ma ha rinunciato a prendere parte alla cerimonia. Non è la prima volta, comunque, che madre e figlia rinunciano all'ora d'aria nel carcere di Taranto, soprattutto da quando dividono la stessa cella. "Sabrina? Ha frequentato il corso come tutte le altre. Sta come stanno le altre detenute": con questa frase il direttore del carcere di Taranto, Luciano Mellone, ha risposto ai giornalisti che chiedevano le condizioni di Sabrina Misseri, detenuta dal 15 ottobre dello scorso anno perché accusata, con la madre Cosima Serrano, dell'uccisione della cuginetta Sarah Scazzi.

Istanze di scarcerazione - Dopo il ritrovamento, nella cancelleria della I Sezione penale, del ricorso della difesa di Cosima Serrano, è ripresa nell'aula della I Sezione penale, a porte chiuse, la discussione delle due istanze di scarcerazione presentate sia dai difensori di Sabrina Misseri che da quelli della Serrano. Da fonti della difesa si è appreso che il ritrovamento del ricorso ha portato alla decisione di procedere nella discussione senza rinviare l'udienza. Evidentemente sia il sostituto procuratore Vito Monetti che la relatrice del procedimento, Margherita Cassano, hanno ritenuto di poter integrare le loro relazioni leggendo 'al volo' il ricorso della Serrano. Monetti si è espresso per il rigetto dei quattro ricorsi: la richiesta è che Sabrina e Cosima restino in carcere. Il verdetto, dunque, è atteso in serata. Se fosse positivo per Sabrina e Cosima, i difensori lo potranno far valere, subito, al processo di  merito che si apre il prossimo 10 ottobre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    26 Settembre 2011 - 17:05

    di un semplice diploma di parrucchiera? ma che era, una laurea ad honorem? ma si stanno dando i numeri!!!! qua ci vuole un giro di vite,nell'informazione che ci viene propinata!!!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    26 Settembre 2011 - 17:05

    dei film di orrore? Ma sprofondassero e parliamone per piacere nel giusto modo!!

    Report

    Rispondi

blog