Cerca

Ma gli industriali si fanno mantenere

Fanno la morale ma incassano 30 miliardi l'anno di incentivi. In 5 anni 840mila imprese hanno goduto di aiuti statali, tra fallimenti e imbrogli

Ma gli industriali si fanno mantenere
Ahi, ahi Marchionne. Correva il 9 novembre del 2009 e l’ad della Fiat, in una delle sue intemerate sui presunti soldi pubblici che in più di un’occasione avrebbero traghettato il Lingotto fuori dalle secche, affermava apodittico: «Nel 2004 eravamo disastrati e non abbiamo chiesto aiuto a nessuno. Noi al ministro Tremonti non abbiamo chiesto una lira». Anzi. «Senza l’Italia – evidenzierà qualche mese dopo – la Fiat starebbe meglio». Che faccia tosta, verrebbe da dire. Perché, negli ultimi sette anni, l’azienda torinese ha ottenuto incentivi allo stesso ritmo precedente.  E soprattutto  perché, poche settimane prima, il 26 giugno del 2009, il Cipe ha assegnato 300 milioni al ministero per sostenere pure gli stabilimenti della casa automobilistica di Pomigliano e Termini Imerese. Oppure, ahi, ahi Marcegaglia. Non era proprio lei, la numero uno di viale dell’Astronomia, a dire nel marzo del 2009 che «la crisi si aggrava, ora servono soldi veri». Alle imprese, sottintendeva. Cara Emma, ma non ti bastano mai? Tra il 2003 e il 2008 le aziende italiane agevolate con soldi pubblici sono state più di 840 mila (il ritmo è di 140 mila all’anno) per un totale di 1307 leggi di incentivazione.

L'orgia - Sono solo alcune delle chicche del libro-inchiesta, “Mani Bucate”, del giornalista di Panorama Marco Cobianchi. E neanche tra le più divertenti. Perché nelle 300 pagine del saggio (pubblicato per Chiarelettere, prezzo 15,90 euro) viene descritto il sistema, una vera e propria orgia la definisce lui, degli aiuti pubblici alle imprese private. Che, ricordando il buon Ricucci si potrebbe tradurre così: “è facile fare impresa con il c… dei contribuenti”. Perché il meccanismo, purtroppo, è ben oleato. Alle entrate italiane, infatti, ci pensano per il 70% le imposte pagate da dipendenti e pensionati e per il restante 30 quelle delle imprese. Cosa significa? Che il 70% degli incentivi alle aziende arrivano dalle tasse versate dai loro dipendenti o ex dipendenti. E lo stesso discorso vale per i fondi europei: l’Italia, infatti, è un contribuente netto che versa più di quanto riceve. Bene, si dirà, così fan tutti. Mica vero. Perché secondo l’elaborazione dell’economista Mario Baldassarri nel solo 2010 siamo arrivati alla cifra monstre di 30 miliardi di euro. Perché negli ultimi 10 anni la commissione europea ha aperto 38.070 pratiche su aiuti di Stato italiani potenzialmente illegali. E perché in questo meccanismo la “furbizia” e la fantasia italiota si sono  davvero sbizzarrite.

Il caso di scuola - Siamo in Sardegna,  area del Sulcis. È il 2001 e l’Ila di Portoscuso, 280 addetti, specializzata nella lavorazione dell’alluminio, ottiene il diritto a incassare 22 milioni di euro pubblici. Tutto fila liscio e nel 2006 arriva la seconda tranche da 5 milioni. Vai con gli investimenti, si dirà. E invece no. Perché pochi mesi dopo, nel 2007, l’Ila fallisce e lascia a casa 166 persone.  Insomma, hai preso incentivi per una vita e sei arrivato a chiudere con 100 lavoratori in meno rispetto a prima? Come è possibile? Si accende il faro della Procura e viene fuori il bubbone: “l’Ila, secondo i curatori fallimentari, è stata tenuta in vita con una sorta di respirazione artificiale fatta di bilanci alterati e comunicazioni aggiustate per mantenere il diritto a incassare i restanti 11 milioni di aiuti pubblici”. Non è un caso isolato, ma l’esempio di come (spesso) funzionano le cose.

Vino e cavalli - Sulla storia del cavallo di Pentro avrebbe da ridire pure la Fiom. Siamo nel 2004 e il Molise viene autorizzato a spendere 120 mila euro l’anno per cinque stagioni al fine di tutelare la razza del cavallo originaria nella zona del Pantano della Zittola in provincia di Isernia. Paghiamo per costruirgli la stalla e i recinti, per regalargli le partecipazioni a mostre, fiere e rodei e gli garantiamo uno sconticino pure sulla fornitura di riproduttori per la monta.  Fino ad arrivare al paradosso del “bonus per il bebè di Pentro”. Cinquecento euro a puledrino sempre che non lo si macelli prima dei cinque anni. Roba che il welfare dei Paesi scandinavi gli fa un baffo. Più inebriante è il capitolo dedicato alla Vernaccia, vino dal colore ambrato, perfetto, pare, con la bottarga e i formaggi piccanti. Siamo tornati in Sardegna per parlare degli 845 mila euro che la Regione concede nel 2009 alla cantina sociale Vernaccia di Oristano. Secondo i funzionari italiani che motivano l’elargizione all’Unione Europea il consumo annuo pro capite di vino negli ultimi trent’anni è calato vertiginosamente. E sì, quei soldi sono proprio necessari. E allora verrebbe da chiedere, ma perché alla fine degli anni Novanta la stessa Sardegna ha dato quattrini, sempre pubblici, ai viticoltori della zona per estirpare i vitigni della stessa vernaccia. Da qualsiasi parte la si guardi, qui c’è qualcuno che ha bevuto troppo.  E come non finire con la cultura. A parte che (quasi) solo in Italia il diritto alla cultura si declina con i soldi pubblici per i cinepanettoni, da “Natale a Rio” fino a “Natale in Crociera”, ma poi c’è la vicenda Bondi che grida vendetta.

L’incolpevole Bondi - Tutti ricorderanno. A inizio 2011 il ministro della Cultura viene crocifisso per il crollo della Domus dei gladiatori a Pompei. E lui si dimette. L’accusa? Tremonti ha tagliato il Fus (Fondo unico per lo spettacolo) e il ministro non si è opposto. Anzi ha ceduto. Ma in realtà le cose non stanno proprio così. Perché i soldi per mettere al sicuro  la Domus dei gladiatori ci sarebbero pure stati, ma all’Europa nessuno li ha chiesti. Bruxelles, infatti, aveva previsto  un fondo ad hoc per la conservazione dei beni storici e al 30 aprile del 2010 la percentuale di utilizzo italiana era pari a zero. Chi li doveva pretendere? La Regione di riferimento, quindi la Campania, alias Bassolino. Ma evidentemente se ne sarà scordato. E allora ha ragione Bankitalia quando dice che “i sussidi alle imprese sono inefficaci. Creano distorsioni che penalizzano imprenditori più capaci. Sarebbe più proficuo investire risorse pubbliche nell’effettiva applicazione della legge”.

di Tobia De Stefano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    03 Ottobre 2011 - 21:09

    sono solo degli squallidi squali fabbricasoldi (coi sudori e sacrifici altrui). Questa è la verità, gentaglia come quella ha devastato il mercato del lavoro costringendo, per meri interessi economici, i giovani ed i lavoratori in generale ad essere "elastici", cioè a piegarsi ai voleri dell'industria stessa. Spostati e sbattuti ovunque per lavorare, sempre viaggiando, contratti precari, la maledetta "mobilità"... ma come fa un giovane a sistemarsi,farsi una famiglia,una casa,una relazione stabile ed altro (che poi è la vita) se deve continuamente inseguire per tutt'Italia lavori precari da pezzente? Com'era la storia...il posto fisso una sciagura,uno scandalo? Maledetti,ci avete rovinati.

    Report

    Rispondi

  • ferro942

    30 Settembre 2011 - 23:11

    Sulle pensioni di anzianità sono d'accordo, sull'innalzamento dell'età pensionabile pure ma voi industriali TACETE almeno per pudore!!!!!! Utilizzando a man bassa le pensioni di anzianità voi grandi aziende avete fatto affari d'oro con i soldi di noi contribuenti e ancora non riuscite a provare vergogna. Finitela di fare i puritani perché voi di Lealtà non ne sapete nulla . Sapete solo coprirvi la "faccia" con i Vostri provocanti perizoma!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    30 Settembre 2011 - 19:07

    L'Emma si crede unta da Dio si crede premier mentre è solo una donna matura che mostra dal perizoma il culo che chiaramente è come la faccia Ancora oggi chiede danari applicando una non ben definita patrimoniale sarà a carico di tutti i poveri dipendenti e pensionati quanto mai gli industrialotti perchè tali sono ricordo in questo caso il detto Ricucci "fanno i ricchi con il culo degli altri" non hanno mai pagato un czz vedi De Benetti e tantissimi altri la stessa Emma ,sai dove te lo dovresti ficcare il tuo ditino sempre alzato??Marcegaglia ha tramato truffato condonato evaso patteggiato condanne penali esportato nascosti nel foro centrale dei coils miliardi in nero all'estero.Questa feccia di industriali non è credibile,dalle accuse di Margherita Agnelli allorquando affermò: mio padre noto e riverito avvocato puttaniere e padrone della Fiat ha nascosto all'estero danari per 2000 miliardi tutti di provenienza "contributiva"dello stato alla Fiat Emma taci fai pena e pure sc...fo

    Report

    Rispondi

  • gdibitonto

    30 Settembre 2011 - 17:05

    Gli industriali negli anni passati hanno ricevuto dallo Stato soldini sonanti ed ora vogliono toccare le pensioni? Ma andate a........................................................................................ Se vogliono salvare l'Italia restituissero quei soldi anziche' toccare le pensioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog