Cerca

Se critichi la toga Woodcock paghi mille euro di multa

Gasparri condannato al risarcimento perché nel 2004 gli disse "irresponsabile" per un'inchiesta che fu ovviamente archiviata

Se critichi la toga Woodcock paghi mille euro di multa
I giornali pubblicano fiumi di intercettazioni irrilevanti, il cui unico obiettivo è infangare Silvio Berlusconi. Su tantissime di quelle intercettazioni negli ultimi anni aleggia lo spettro del pm prezzemolino, quell'Henry John Woodcock impegnato nella sua personalissima crociata contro il Cavaliere. Ma la violazione sistematica della privacy, sacrificata sull'altare di inchieste che conducono a poco o nulla - sul conto di Woodcock c'è ormai materiale per vergarci un'enciclopedia - non è ovviamente un problema. Il problema, semmai, sorge quando il pm napoletano si sente offeso. Woodcock ha la querela facile. L'ultima vittima è il presidente dei Senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, condannato a pagare mille euro di multa per "diffamazione aggravata" nei confronti della toga partenopea.

"Irresponsabile" - La faccenda affonda le sue radice indietro negli anni. Si torna al 2004, quando Gasparri era ministro delle Comunicazioni e commentò l'archiviazione di un'inchiesta messa in piedi da Woodcock, che al tempo era di stanza a Potenza. Inchiesta mediatica, inchieta archiviata: Woodcock accusava Gasparri di favoreggiamento per aver suggerito a un imprenditore che il suo telefono fosse sotto controllo. Secondo il gip, però, il quadro tratteggiato da John Henry non stava in piedi. Così, dopo la richiesta d'archiviazione, l'allora ministro si permise di dire la sua. Nel corso di una telefonata in diretta alla Rai spiegò che "era stata spazzata via la farneticante accusa di un giudice irresponsabile di Potenza". Poi Gasparri aggiunse che il Guardasigilli e il Csm "avrebbero messo fine all'azione dissennata di persone che calunniano". Apriti cielo. Woodcock querelò. E a distanza di sette anni si è arrivati a sentenza. Al pm non si può dire "irresponsabile". A Gasparri è costato mille euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bachis Figus

    03 Ottobre 2011 - 17:05

    E poi dicono che non sono una casta! In Sardegna, in casi analighi, diciamo : " francu 'e toccare su culu a mamma".= non si può toccare il sedere alla mamma.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    02 Ottobre 2011 - 18:06

    E' inutile commentare,agli amanti di comparire non si può dir nulla .Sono dei palloni gonfi di gas particolarmente irritante.

    Report

    Rispondi

  • vaipino

    02 Ottobre 2011 - 13:01

    Io penso che a parte gli irriducibili compagni siamo tutti stanchi di questa situazione, stanchi di votare e di vedere che i giudici monocromatici da 20 tentanto di sovvertire il voto popolare, stanchi di vedere che chi votiamo fa l'esatto contrario di quello che ha promesso, stanchi di essere vessati , stanchi di vedere sempre e solo statali immuni da crisi economica e critiche , stanchi al punto che qualcuno temo/spero appuntisca i forconi e vada nei palazzi del potere a trascinare fuori gli eterni inquilini a calci in cu@#L*o stanchi.....

    Report

    Rispondi

  • gpaololeandro

    01 Ottobre 2011 - 19:07

    La acuta sensibilità di quel tale pm e la favorevole interpretazione linguistica della magistratura giudicante hanno condotto alla condanna,peraltro per fortuna contenuta,di Gasparri.Il termine conteso,pronunciato nei confronti di Woodcock era nientemeno che quello di "irresponsabile".Non c'è alcun dubbio che chi presume di essere al disopra di qualunque rilievo mal digerisca di essere trattato così.Ed il valente magistrato,conosciuto per i grandi successi conseguiti nella sua attività professionale,giustamente si è ritenuto infangato da simile irripetibile ingiuria.L'epiteto violento e dirompente si è richiamato a fatti avvenuti diversi anni fa' prima che Woodcock inanellasse ulteriori grandi perfomances.Quando si acclarerà e si ridimensionerà tutto l'ambaradan costruito sulle escort e le 100mila intercettazioni,come sarà lecito definire l'ottimo procuratore aggiunto? Bisogna che la magistratura metta a disposizione un glossario in modo da non incorrere in pesanti sanzioni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog