Cerca

Novi Ligure, fidanzata di Omar L'incontro in chat, ora un figlio

L'autore del delitto insieme a Erika, si è rifatto una vita. Debora: "E' buono di cuore. Ma io non sapevo chi fosse"

Novi Ligure, fidanzata di Omar L'incontro in chat, ora un figlio
Sono passati 10 anni da quel tragico delitto, quando i due allora fidanzatini Omar Favaro e Erika De Nardo uccisero a coltellate la madre e il fratellino della ragazza nella casa di Novi Ligure. "Omar è un'altra persona, è dolcissimo e buono di cuore". A parlare è la sua attuale fidanzata Debora Barbarito, a Domenica Cinque. Perchè il ragazzo si è ricostruito una vita tanto che Debora parla già di una famiglia insieme. "Non chiedo alla gente di essere più morbida, di dimenticare - dice la ragazza - ma di darci una possibilità per un futuro migliore e una vita normale". Debora sente forte il "pregiudizio" della gente che non perdona: "Per un periodo mi sono sentita perseguitata, non potevo andare a fare la spesa che poi uscivano le foto. Ci siamo trasferiti perché la gente non ci dà la possibilità di creare una vita nuova".

Una figlia da Omar -
Un futuro migliore che per Debora coincide con la possibilità di avere un figlio dal suo attuale compagno: "Vorrei una figlia da Omar perché è una bella persona e sono disposta ad affrontare quello che ci riserverà il futuro. Chi parla con lui senza il pregiudizio di pensare a quello che ha fatto, crede che io sia la cattiva e lui il bravo ragazzo".

"Non sapevo chi fosse"-
La ragazza racconta il loro primo incontro: "Ci siamo conosciuti in chat. Mi piaceva il suo modo di essere e volevo approfondire la sua conoscenza, così ho deciso di incontrarlo. Io uscivo da un matrimonio e non volevo legarmi". Ma Debora non sapeva: "Quando l'ho conosciuto non conoscevo il passato di Omar, l'ho scoperto dopo, guardando su internet, e ho provato un morso forte al cuore; non credevo che lui avesse potuto fare una cosa del genere. Era gentile, non alzava mai la voce".

Il senso di colpa -
"Mi ha raccontato di quella sera piangendo - ha spiegato Debora - e mi ha chiesto di non tirare più fuori l'argomento perché si sente ancora in colpa". Io "non voglio giustificare Omar", ha continuato Debora, ma "lo valuto come persona per quello che è oggi, non per quello che ha fatto dieci anni fa". "E' un gran lavoratore" e "non mi ha fatto mai mancare nessuna attenzione". "Ci sono tanti pregiudizi - ha aggiunto - e li comprendo, ma sono passati dieci anni e sono gli anni in cui cresci e maturi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lisple

    03 Ottobre 2011 - 18:06

    per fare un figlio con una persona simile che ha ucciso un bambino e una mamma è da matti. bisogna sentire il bambino se vuole avere un padre che ha ucciso un bimbo come lui e la mamma. per quanto riguarda la trsmissione potevate rispermiatvi di invitare una simile persona in studio, perchè non invitate delle brave ragazze che magari lavorano 8 ore al giorno e poi seguono la famiglia con figli? vergogna

    Report

    Rispondi

  • KING KONG

    03 Ottobre 2011 - 16:04

    di malati mentali ce n'è tanti se li facciamo accoppiare poi so cazzi......ci vuole coraggio a portare in trasmissione una poveretta del genere

    Report

    Rispondi

  • lozingarellotascabile

    03 Ottobre 2011 - 12:12

    ...fai come credi, ma non informarci dei fatti tuoi di cui non ce ne fotte assolutamente nulla.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    03 Ottobre 2011 - 11:11

    la signora che trova buono di cuore uno che il cuore di assaassinare pure un bambino giovane o no fosse,allora,l'ha avuto,e non so come non le fa schifo toccare quelle mani,può aspettarsi di fare la fine della madre di erika e figlioletto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog