Cerca

Fiom, guerra a Marchionne Sciopero nazionale di 8 ore

Il 21 ottobre mobilitazione del sindacato contro il piano Fiat: "Il rilancio non esiste". La proposta votata all'unanimità

Fiom, guerra a Marchionne Sciopero nazionale di 8 ore
Fiom e Marchionne ancora sul piede di guerra: sarà sciopero nazionale di 8 ore il prossimo 21 ottobre. Lo ha deciso l'assemblea dei delegati della Fiat, accogliendo all'unanimità la proposta della segreteria del sindacato. Alla base della mobilitazione c'è il piano industriale e il progetto Fabbrica Italia "che non esiste", ha sottolineato il segretario nazionale della Fiom, Giorgio Airaudo, nel suo intervento di apertura all'assemblea dei delegati Fiat. La mobilitazione sarà allargata anche alle imprese della componentistica, con una manifestazione nazionale a Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    11 Ottobre 2011 - 15:03

    NO ! Se tutti avessero un lavoro sicuro e stessero bene chi si iscriverebbe piú ai sindacati ? Loro vogliono la gente senza lavoro, senza casa, duri ed arrabbiati, da far scendere in piazza e manovrare come un gregge di pecore. Sanno benissimo che, a forza di tirare la corda la fiat se ne andrá dall'Italia, il fatto é che a loro sta benissimo.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    10 Ottobre 2011 - 17:05

    Ma perchè i compagni tengono solo le COOP ? Comincino a metter su qualche fabbrica,cosi',via via, gli operai staranno bene e gli scioperi spariranno.

    Report

    Rispondi

  • fabiotorino

    10 Ottobre 2011 - 12:12

    che la fiat chiuda e lasci perdere il mercato italiano. l'Italia delle capre non si merita nulla. chissa' se anche a torino si accorgeranno che nessuna alternatica reale c'e' alla produzione delle automobili FIAT. la falsa cultura non produce soldi

    Report

    Rispondi

  • rugantino

    10 Ottobre 2011 - 09:09

    non posso credere che la 'lungimiranza' sindakale non veda cosa stia accadendo in itaglia, per me, sono al soldo del markionne (dicasi:venduti!), fanno di tutto per mandare all'aria anche la più piccola possibilità di produzione o di eventuale ripresa, quei 3-4-5mila lavoratori che rimarranno tra un po' a spasso, con chi se la prenderanno?? Col governo? Vivo più o meno la stessa situazione nel mio settore di lavoro, anche lì siamo ad un passo dal fallimento e dalla chiusura forzata, ma i sindakalari aizzano i lavoratori con mink.iaggini stratosferiche, loro però, il loro posticino con REGOLARE avanzamento di carriera - al secolo, promozione ai livelli superiori - lo hanno già incassato, ed a rimetterci saranno i ko..ncelli che tra un po' entreranno in mobilità, ed anchè in quel caso detteranno legge di nuovo sempre loro, i sindakalari, decideranno loro chi dovrà andare in mobilità o licenziato, ecc. Che dire ai miei colleghi ciechi peggio delle talpe: auguri, sci.mmuniti, auguri!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog