Cerca

Lumumba: "Amanda è un'attrice Le sue lacrime? Di coccodrillo"

Il congolese era stato accusato dalla Knox di essere l'assassino di Meredith Trascorse due settimane in carcere da innocente

Lumumba: "Amanda è un'attrice Le sue lacrime? Di coccodrillo"
Amanda Knox "è un fantastica attrice". E le sue "lacrime di coccodrillo", alla lettura del verdetto di assoluzione per l'omicidio di Meredith Kercher, facevano parte di una "strategia difensiva". A parlare è il 38enne Patrick Lumumba, in una intervista concessa al Daily Mail. Il proprietario del bar di Perugia, che ora vive in Polonia con la moglie e i figli, nel novembre 2007 venne accusato dalla 20enne americana di essere l'assassino della sua coinquilina inglese. Lumumba venne arrestato e trascorse due settimane in prigione. "Ho tappato le mie orecchie in cucina", aveva detto la Knox agli inquirenti subito dopo il ritrovamento del cadavere di Meredith, mentre "Patrick la uccideva". Accuse rivelatesi poi false: Lumumba aveva un alibi di ferro.

"Amanda è una attrice" - "Sono così arrabbiato - ha detto al telefono il giovane congolese - . Quando ho sentito il verdetto sono rimasto scioccato per la povera Meredith. Ho sempre detto che Amanda è una fantastica attrice e per me rimarrà sempre tale". "Ho trascorso due settimane in prigione per qualcosa che non avevo fatto - ha continuato - ma solo perchè Amanda aveva detto che io ero l'assassino. Non dimenticherò mai quando la polizia bussò alla mia porta e mi portò via". E se Meredith è la vittima di questo giallo, "io sono la seconda", ribadisce Lumumba. "Per quello che Amanda ha detto ho perso la mia vita privata, il mio lavoro e ora non ho nient'altro, a parte la mia famiglia, che è tutto per me". 

L'sms che lo incastrò - Amanda Knox e il suo fidanzato Raffaele Sollecito sono stati assolti la scorsa settima in secondo grado dalla Corte d'appello di Perugia per non aver commesso il fatto. Ad Amanda, però, è stata riconosciuta la colpevolezza per il reato di calunnia contro Patrick Lumumba. Reato già scontato nei 4 anni di carcere. Prima dell'arresto nel novembre 2007, Patrick era il proprietario di uno dei bar più in voga tra i giovani di Perugia, Le Chic. E proprio per il barista congolese Amanda lavorava nella distribuzione dei volantini e nella promozione delle serate di musica per i clienti. La notte dell'assassinio, Amanda avrebbe dovuto lavorare. Ma era un giorno di festa e Lumumba le inviò un sms dicendole di non andare. "Ci vediamo più tardi", le scrisse. Un sms da subito interpretato dalla polizia italiana come la prova della colpevolezza di Lumumba. E quando Amanda fece il suo nome, per Patrick si aprirono subito le porte del carcere.

"Ora non ho più un lavoro" - Una volta accertata l'innocenza di Lumumba, Amanda si giustificò dicendo di aver fatto il suo nome perché stremata dopo 14 ore di interrogatorio. "Venni subito additato come l'africano assassino", racconta Patrick. Fu un cliente del bar a scagionarlo, un docente universitario di origini svizzere, che disse di essere stato servito dal giovane congolese al bancone la notte del delitto. "Quello che ho trovato sconvolgente è vedere il cappellano del carcere sostenere Amanda, dichiararne l'innocenza, ma mai incoraggiarla a chiedermi scusa", continua. "Dopo questa storia, ho dovuto chiudere il bar, licenziare il mio staff e ora non ho più un lavoro, a parte qualche serata in giro come dj".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    12 Ottobre 2011 - 19:07

    che ha saputo scansarsela per la imperizia degli operatori

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    11 Ottobre 2011 - 21:09

    ma che ci faceva lo svizzero in un bar dove vanno le ragazzine? il congolese si e' accorto che in Italia si usa il carcere a vanvera, ha fatto bene a tornare in congo (no volevo dire in Polonia)

    Report

    Rispondi

  • raucher

    11 Ottobre 2011 - 18:06

    nella notte del delitto nel bar ci saranno passate tante persone che hanno visto Lumumba. Possibile che nessuno abbia testimoniato in suo favore e che solo l'ingegnere svizzero abbia sentito il dovere di farsi avanti? In tal caso sarebbe una vera vergogna per tutti gli altri avventori.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    11 Ottobre 2011 - 17:05

    un' avvocato non lo consiglia di chiedere i danni ad amanda! che bugia enorme, ora, s'inventa delle avances-interrogatorio di un poliziotto...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog