Cerca

Il padre biologico di Steve Jobs "Di lui mi resta solo un'email"

Il siriano Abdulfattah Jandali che nel 1955 lo diede in adozione gli scrisse quando seppe della malattia. Il genio rispose: "Thank you"

 Il padre biologico di Steve Jobs "Di lui mi resta solo un'email"
Un'email: ecco questo che gli resta di suoi figli, il genio Steve Jobs. Il siriano Abdulfattah Jandali è il suo papà biologico che lo diede in adozione nel 1955 perché il padre della mamma di Steve, Johanne, non voleva che sposasse uno studente siriano come lui. Intervistato dal Wall Street Journal, il papà naturale, dice di non aver mai visto Steve. Da lui ha ricevuto solo un'email poche settimane prima che morisse. Il signor Abdulfattah, invece, aveva provato a riannodare i fili di una storia spezzata (i maligni dicono che lo abbia fatto solo per motivi economici). Quando nel 2005 apprese di essere padre di Steve Jobs, quando scoprì che quel piccolino dato in adozione era diventato il genio dell'informatica e creatore di un'impero, gli mandò un'email. "Buon compleanno, spero tu stia meglio" gli scrisse. Una volta poi - come scrive il Corriere della Sera - gli mandò la genealogia della famiglia siriana con le cause di morte di ciascuno. "Non so perché l'abbia fatto, credo perché fosse malato. Se ci fossimo parlati non so cosa gli avrei detto"

E lui? Steve Jobs non gli ha risposto fino a poco prima di morire. Due parole in un'email: "Thank you". Grazie. Persone vicine a Steve sostengono che i due non si sono mai incontrati né parlati. Per Steve i suoi genitori erano solo Paul e Clara, quell'uomo e quella donna che lo adottarono piccolissimo e gli diedero tutto l'amore di una mamma e di un papà.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    12 Ottobre 2011 - 15:03

    come tutti figli adottati

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    12 Ottobre 2011 - 14:02

    Si legge sempre di più di figli adottati che ritrovano, o sono ritrovati dai genitori biologici. Chi da via il frutto della propria carne, per qualsiasi motivo, non dovrebbe mai più entrare in contatto con la prole ripudiata. Se proprio ci tenevano tanto, prima di tutto avrebbero dovuto pensare a non concepire, anche cinquant'anni fa non era poi cosa impossibile, poi avrebbero dovuto far fronte all'accaduto in maniera responsabile. Troppo facile piangere lacrime di coccodrillo la cui femmina, comunque, cura amorevolmente la prole fino a quando non è in grado di autosostenersi.

    Report

    Rispondi

  • ilvetto_1

    12 Ottobre 2011 - 12:12

    Sento puzza di marketing......

    Report

    Rispondi

blog