Cerca

Dopo 9 anni Omar va al cimitero per visitare la mamma di Erika

Uscito dal carcere, l'assassino di Novi Ligure prega sulla tomba dove sono sepolti la madre e il fratellino della ex fidanzata

Dopo 9 anni Omar va al cimitero per visitare la mamma di Erika
Lo ha fatto lontano da tutti, senza far sapere nulla a nessuno. Perchè ci sono alcuni gesti che hanno bisogno solo di discrezione. E così, venerdì scorso Omar Favaro  è andato sulla tomba della mamma e del fratellino di Erika (da lui uccisi insieme alla sua ex fidanzata) a chiedere perdono.

Il perdono - Dopo nove anni passati in carcere per aver ucciso a coltellate insieme con la fidanzata la mamma e il fratellino di lei, Omar è uscito dal carcere nel marzo 2010. Un anno e mezzo per riadattarsi alla realtà e riprendere possesso della sua vita, e prima di compiere il grande passo. E' arrivato intorno alle 10 e 30 all’interno del cimitero di Novi Ligure vestito di scuro, cappello in testa e grandi occhiali da sole. Ha fermato due ragazzi al lavoro nei vialetti e si è fatto indicare la cappella dove riposano in pace la signora Susi Cassini e il suo piccolo Gianluca. E' rimasto dentro una ventina di minuti, poi è sparito nel silenzio più assoluto


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graziella

    14 Ottobre 2011 - 16:04

    doveva farlo in privato e di nascosto, non doveva saperlo nessuno ed è scritto su tutti i giornali, la notizia è stata data persino ai telegionali. Ma ci deve far pena? attendiamo con ansia che faccia lo stesso gesto la sua ex fidanzata/assassina, per ora protetta dagli sguardi dei curiosi. Spero che gli richeggino per tutta la vita le urla di strazio di quella madre e di quel bambino, perchè quell'omicidio spietato e crudele era stato premeditato da tempo e si poteva evitare : bastava volerlo..evitare

    Report

    Rispondi

  • roda41

    14 Ottobre 2011 - 00:12

    pentito o no,quelli sono morti straziati.Povero bambino soprattutto.

    Report

    Rispondi

blog