Cerca

Gli operai della Fincantieri assaltano la troupe di Rete4

Alta tensione. Sei di Mediaset? E allora ti impediamo di fare il tuo lavoro. Il fattaccio nella trasmissione 'La versione di Banfi'

Gli operai della Fincantieri assaltano la troupe di Rete4
Il clima è sempre più teso. Nel mirino ci finisce anche la troupe di Rete 4, televisione 'colpevole' di essere troppo 'amica' del premier, Silvio Berlusconi e del governo. Giovedì sera, in diretta da Sestri Ponente, nel corso del collegamento alla sede di Fincantieri della trasmissione La versione di Banfi, in cui si parlava della crisi dell'azienda, la troupe è stata aggredita dagli operai, che erano intervenuti proprio per dire la loro nel corso del programma. All'inizio del collegamneto i lavoratori hanno aggredito la giornalista Monica Giandotti e i suoi collaboratori poiché "erano stufi di ascoltare le chiacchiere dei politici". E dunque se la prendono con i cronisiti.

Alta tensione  - I dimostranti hanno impedito alla Giandotti - che in precedenza aveva anche lavorato per Michele Santoro ad Annozero - di iniziare il servizio, mentre agli operatori veniva impedito di effettuare le riprese oscurando la telecamera. Oltre all'antipatia per Rete 4, gli operai hanno giustificato il loro gesto spiegando che avevano atteso troppo tempo per il collegamento: circa mezz'ora, un normale tempo tecnico. Il loro gesto è ancor più incomprensibile poiché La versione di Banfi non voleva fare altro che permettere loro di esprimere il loro disagio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    16 Ottobre 2011 - 00:12

    Ma pensa tè, ma cosa vorranno mai questi operaiacci. Sono colpevoli di aver perso il loro lavoro anche per delle promesse fatte e non mantenute dalla classe dirigente. Oltre che per demerito del sindacato comunista eccetera. Ma ti rendi conto di quello che scrivi ?? La troup di rete 4 anche se non sono riusciti a lavorare, LO STIPENDIO CE L'HANNO LOSTESSO !!! Mentre il loro datore di lavoro (il Cav.) è quantomeno colpevole in parte della loro situazione, per via di alcune promesse non mantenute anche da parte del governo.

    Report

    Rispondi

  • skybest

    15 Ottobre 2011 - 12:12

    Eccola la democrazia sinistra, non ti faccio fare il tuo lavoro perchè odiamo il Presidente del Consiglio. Ed i capi dei sindacati non dicono nulla? Se fosse successo il contrario (Presidente del consiglio che espelle un giornaklista che lo offende pesantemente nel corso di una conferenza stampa, per esempio) cosa sarebbe successo? No global in piazza, Di Pietro con l'elmetto, Bersani che si sgola con <dimissioni, dimissioni> la Bindi che dà di s....zo a tutti e monteprezzemolo a bracciatto con la <marcy> che che si strappano i capelli e gridano a morte il governo che non ci <sollazza> più con generose donazioni a fondo perduto (nei meandri delle grandi aziende) . Questo purtroppo è il vero rovescio della medaglia e sarebbe ora che con coraggio e determinazione il Governo si desse da fare <pesantemente> per far ritrovare all'Italia tutta se non altro un pò di rispetto per le istituzioni e la questa tanto vituperata democrazia calpestati da tre o quattro <caccolosi leccac..o e sfruttato

    Report

    Rispondi

  • limick

    15 Ottobre 2011 - 06:06

    Gli unici contenti sono i sinistri... bravi a menare! Invidiosi e codardi. Perche' questi eroi di operai non si scagliano contro l'ufficio di collocamento e si trovano un lavoro serio invece di aver paura di affrontare una vita da lagnoni e parassiti??

    Report

    Rispondi

  • mauricchio

    14 Ottobre 2011 - 20:08

    Ormai non c'è ritorno. La fame di dittatura ha preso il sopravvento. E chi non beve con me peste lo colga! I lavoratori di Fincantieri hanno dei problemi seri.Oltre che economici e di futuro li hanno anche mentali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog