Cerca

Scazzi, Sabrina contro il papà "Io innocente, lui vigliacco"

Giallo di Avetrana. La figlia: "Mi ha tirato in ballo quando non c'entravo nulla". Lui nel memoriale: "Sono l'unico colpevole"

Scazzi, Sabrina contro il papà "Io innocente, lui vigliacco"
Il giallo di Avetrana non è finito. Da una parte Michele Misseri continua ad accusarsi della morte della nipote, Sarah Scazzi, cercando così di scagionare la moglie Cosima e la figlia Sabrina. Dall'altra è la stessa Sabrina a parlare. Lei racconta di essere scesa nel garage il giorno del delitto per chiedere al papà se per caso avesse visto la piccola Sarah. Michele le avrebbe detto di no, e quando lei si è affacciata in garage - ha spiegato Sabrina - non ha visto nulla. "Non è vero - ha risposto Zio Michele -, ricorda male. Io dico la verità. Me lo ha chiesto da sopra quando mi figlia era in veranda, io non le ho parlato. Sabrina è venuta giù. Lei non ha visto nulla". Secca la controreplica di Sabrina, rilasciata in aula: "Se non dice la verità mio padre è un vigliacco. Mi ha tirato in ballo quando non c'entravo niente". Il succo delle dichiarazioni della ragazza si riassume in una semplice frase: "Sono innocente".

Il memoriale di Michele - Nel memoriale, Michele ha ribadito la sua versi0one, scagionando ancora una volta la figlia e la moglie, addossandosi così tutte le responsabilità del delitto. Secondo quanto si è appreso, avrebbe accusato per la chiamata in correità di Sabrina il suo precedente difensore - prima d'ufficio, poi di fiducia -, l'avvocato Daniele Galoppa che, per dichiarazioni di questo genere, lo avrebbe già denunciato per diffamazione.

La verità di Misseri - Misseri insomma non cambia la linea che aveva già seguito domenica pomeriggio ai microfoni di Domenica 5. "Venerdì in tribunale - aveva spiegato in tv - ho visto mia figlia e mia moglie cariche d'odio nei miei confronti. Io non sono riuscito a parlare perché la notte ero stato male: qualcuno aveva buttato delle bottiglie e un cappio nel mio cancello come a volermi dire che mi dovevo ammazzare". Nella trasmissione Michele ha visto anche le ultime dichiarazioni di sua cognata Concetta, la madre di Sarah: "Michele prima mi faceva pena, ora mi fa schifo. Io dico soltanto che deve dire la verità". Quindi la risposta di Misseri: "Capisco la rabbia di Concetta, ma se lei vuole sentire la verità, questa è la verità, e ascoltarla è l'unica maniera per onorare la memoria di Sarah". Quale, dunque, la verità secondo Michele? "Sarah è scesa nel garage dove mi trovavo io. Abbiamo cominciato a parlare, abbiamo discusso, poi Sarah mi ha toccato nelle parti deboli, io ho avuto un raptus, l'ho presa da dietro, lei è inciampata e ha battuto forte il collo sul compressore. Le ho preso subito i polsi, ho sentito che non c'era il battito e ho capito che era morta".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    18 Ottobre 2011 - 12:12

    si affidano alle incongruenze del MISSERI? o credono di emulare i coniugi Bebawi,che accusandosi a vicenda,furono assolti? io farei la legge che quando comunque c'è un cadavere,vanno in galera tutti e qualcuno confesserà!!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    17 Ottobre 2011 - 19:07

    Questa sceneggiata offende il pudore della magistratura e degli italiani. Sono tutti colpevoli e secondo insegnamenti giurisprudenziali dettati dagli avvocati difensori, fanno sì, come ilfamoso processo Bebavi che, non ravvisando il colpevole nei due coniugi, furono assolti per insufficenza di prove.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    17 Ottobre 2011 - 18:06

    certamente lui ha capito quello che le autorità inquirenti non hanno capito.Tutti i giorni cambio versione.loro scrivono e non capiscono niente.Io esco di galera,ci mando altri che verranno riconosciuti innocenti.Vedi TORTORA, in galera per le invenzioni di un delinquente.Poi i giudici capiranno che la piccola Sara si è suicidata e nascosta nel pozzo. Tutti fuori evviva.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    17 Ottobre 2011 - 18:06

    a disonorare una ragazzina ! ma che si vergognino!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog