Cerca

Mediaset, i giudici di Milano prosciolgono Berlusconi

Per il gup il Cav non ha commesso il fatto. A giudizio Piersilvio e Fedele Confalonieri, presidente del Biscione

Mediaset, i giudici di Milano prosciolgono Berlusconi
Dopo un'ora di camera di consiglio il gup di Milano Maria Vicidomini ha accolto in parte la richiesta della Procura: prosciolto Silvio Berlusconi "per non aver commesso il fatto" mentre il figlio Piersilvio e Fedele Confalonieri sono stati rinviati a giudizio. L'ultima udienza preliminare del caso Mediatrade, l'ultimo dei capitoli sui diritti tv avviati dalla Procura di Milano vede dodici indagati tra i quali Silvio Berlusconi, il figlio Pier Silvio e Fedele Confalonieri. Le accuse vanno, a vario titolo, dalla frode fiscale all'appropriazione indebita.

E' l'ultimo filone processuale relativo alla vicenda del presunte irregolarita' che, secondo l'accusa, Mediaset avrebbe compiuto durante la compravendita dei diritti tv all'estero gonfiando i prezzi attraverso una serie di societa' schermo allo scopo di creare fondi neri ed evadere cosi' il fisco italiano. Ieri i rappresentanti della pubblica accusa, i pm Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro, hanno presentato una memoria per ribadire la loro richiesta di mandare a processo tutti i 12 imputati.  Il processo inizierà il 22 dicembre davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale di Milano.

"E' una decisione che è assolutamente in linea con gli atti processuali", ha commentato uno dei difensori del premier Niccolò Ghedini. "Evidentemente il giudice ha ritenuto che comunque Silvio Berlusconi non aveva alcuna compartecipazione né formale né sostanziale con questa vicenda" Ghedini ha inoltre aggiunto che per Pier Silvio Berlusconi il giudice avrebbe dovuto prendere analoga decisione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dalton Russell

    09 Novembre 2011 - 22:10

    Vedi imbecille e credimi, ti faccio( e vi faccio, leggasi soci) un complimento, c'è una sostanziale differenza tra un PM, categoria da sempre attaccata da Berlusca, ed un giudice.Una è inquirente, l'altra giudicante.E, guarda caso, i primi, regolarmente, sono sputtanati dai secondi.Non parlare quindi, di idee confuse.Tu, al posto del cervello, hai una centrifuga in perenne moto. Hai avuto l'onore delle attenzioni di Dalton Russell.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    19 Ottobre 2011 - 09:09

    anche Piersilvio e Confalonieri sono liberi e belle; lo sono semore stati, tontolone

    Report

    Rispondi

  • pablolife

    19 Ottobre 2011 - 09:09

    rossi questi Magistrati??? adesso che hanno prosciolto Berlusca tutto ad un tratto sono diventati imparziali e apoliticizzati?? ummm...avete le idee più confuse di sto governicchio..

    Report

    Rispondi

  • kkk2727

    19 Ottobre 2011 - 00:12

    Un imprenditore (di un certo livello) che non abbia mai commesso un reato è come un automobilista che non abbia mai superato il limite di velocità: IMPOSSIBILE. Perchè viene indagato solo lui?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog