Cerca

Sfida della Fiom: venerdì sciopero

Il sindacato è già sul piede di guerra contro l'ordinanza del sindaco Alemanno: "Noi non rinunciamo al nostro corteo"

Sfida della Fiom: venerdì sciopero
L’ordinanza del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che vieta per un mese i cortei itineranti per la Capitale («ci sono sette piazze dove manifestare», ha detto il primo cittadino), si scontra con la Fiom. I duri e puri della Cgil, venerdì vorrebbero portare a spasso per il centro storico di Roma i metalmeccanici di Fiat e Fincantieri. «Non rinunceremo a manifestare», ha garantito il segretario nazionale Giorgio Airaudo a margine dell’incontro al ministero dello Sviluppo economico sulla vertenza di Termini Imerese. «Saremo in piazza. Cedere alla paura è un errore. Siamo un’organizzazione rispettosa delle leggi» ha specificato Airaudo, «ma manifestare è un diritto che va mantenuto. Bisogna gestire i violenti e impedire che entrino nei cortei e se c’è un’organizzazione che sa farlo è la Fiom. Non rinunceremo a manifestare». Secca la replica di Alemanno: «L’ordinanza non vieta le manifestazioni», ha spiegato, «ma ha lo scopo di renderle stanziali. Ci sono sette piazze a Roma dove si possono fare tutti i sit-in di questo mondo. Non credo che una manifestazione sia più significativa se si muove o se sta ferma». Insomma, una decisione «per venire incontro alle richieste dei cittadini costretti a subire notevoli disagi».


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • greysmouth

    19 Ottobre 2011 - 14:02

    Ma ditelo ai pochi compagni rimasti che la minoranza perde. Dite al Prefetto di arrestare i compagni Fincantieri che hanno menato la troupe di Rete 4. Ditelo alla CGIL che la classe operaia si è estinta e i loro associati sono pensionati sgangherati in attesa di esequie. Per questo devono portare di tutto in piazza: cani e porci, rusco e brusco. Inoltre, visto che non pagano tributi diretti e non presentano bilanci, dite alla Finanza di fare una capatina da quella parti. Invece che in piazza, che passino alla cassa.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    19 Ottobre 2011 - 13:01

    ancora piangiamo i disastri ideologici e culturali causati dal primo,che ha devastato e cambiato in peggio la società.

    Report

    Rispondi

  • pitou58

    19 Ottobre 2011 - 11:11

    soltanto una democrazia debole e chiacchierona può permettere a chi vuole di infischiarsene delle leggi e delle regole di convivenza civile. Prima o poi ci scapperà il morto. Ai moderati resta la speranza che la protesta degli operai non si saldi con quella degli studenti.

    Report

    Rispondi

blog