Cerca

Er Pelliccia resta in carcere "Non volevo ferire nessuno"

Il 24enne Filippi, lanciatore d'estintore negli scontri di Roma, si è difeso senza convincere il gip Della Monica. Un poliziotto lo ha riconosciuto

Er Pelliccia resta in carcere "Non volevo ferire nessuno"
Er Pelliccia non ha convinto il giudice e resterà in carcere. Il gip Paola Della Monica ha infatti convalidato l'arresto e ha emesso provvedimento cautelare in carcere per Fabrizio Filippi, lo studente di 24 anni immortalato nell'atto di scagliare un estintore contro le forze dell'ordine durante gli scontri di sabato 15 ottobre a Roma, nel corso della manifestazione di piazza degli indignati. "Non volevo fare male a nessuno. Non avevo obiettivi da colpire. Ho compiuto quel gesto preso dalla concitazione del momento". Così, a quanto si è appreso, si sarebbe difeso Filippi a Regina Coeli alle domande del gip. Il ragazzo, noto agli amici con il soprannome di Er Pelliccia, avrebbe voluto presentarsi spontaneamente alle forze dell'ordine, anche su sollecitazione dalla famiglia, che aveva visto le sue foto suoi giornali. L'intenzione sarebbe però stata però anticipata dagli investigatori. Ora i suoi legali valuteranno se presentare ricorso al tribunale del Riesame contro la decisione del gip. Contro Filippi, che ha qualche precedente per droga, è contestata la resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale. Il giovane, che alle prime domande della Digos si era giustificato dicendo di aver "usato l'estintore per spegnere l'incendio", è stato riconosciuto anche da un funzionario della Questura che si trovava lungo la traiettoria di tiro dell'estintore.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barotto1920

    08 Novembre 2011 - 21:09

    Ebbene , questo inquietante ectoplasma,prodotto emblematico delle nuove generazioni, condannato dalle immagini che lo ritraggono trionfante davanti alle sue "prodezze", sta diventando uno "forte", "ammazza che fico" etc etc. come si sente ascoltando i commenti della gente comune nei quartieri di periferia. Sfortunatamente x lui, non è morto, se no saremmo quì, nuovamente a veder celebrato un altro "martire" della lotta contro le Istituzioni.

    Report

    Rispondi

  • sweetcandyfull

    02 Novembre 2011 - 21:09

    neanche in carcere dovrebbero stare quelli come lui.......io li manderei a lavorare sui danni che hanno fatto e dopo ai lavori forzati!!!!! altro che cella, televisione e assegno mensile pagato da gente come noi...

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    25 Ottobre 2011 - 15:03

    rifaranno il manto nuovo di zecca.E la prossima volta,per non sciuparlo nuovamente ci penserà due volte prima di andare a qualche manifestazione.Gli servirà di lezione.

    Report

    Rispondi

  • prodomoitalia

    22 Ottobre 2011 - 13:01

    Massì dai, lasciamolo in galera per qualche anno che così diventerà " er strapuntino "!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog