Cerca

Nichi Vendola imita il premier: usa il legittimo impedimento

Atteso in aula a Lecce per una magagna sulla sanità pugliese, non si presenta. I motivi però restano "segretissimi"...

Nichi Vendola imita il premier: usa il legittimo impedimento
Il governatore della Puglia, Nichi Vendola, era atteso davanti dal giudice di pace del Tribunale di Lecce, Luigi Piro. Nichi avrebbe dovuto spiegare come mai fino a poche settimane fa l'intera provincia non dispondesse di una Pet-Tac, uno strumento fondamentale per la diagnosi dei tumori. Il leader di Sel ha motivato la sua assenza ricorrendo al legittimo impedimento. Proprio come Silvio Berlusconi. I maligni insinuavano che la sua latitanza dall'aula del tribunale fosse dovuta alla sua presenza a Ballarò, martedì sera. Ma sbagliavano. Nichi infatti aveva un appuntamento alla sede della Regione Puglia a Roma. Cosa doveva fare in quella sede? Questo resta "segretissimo". Una giustificazione che, insomma, fa un po' ridere.

Uno intanto è morto - Vendola era stato citato come teste nell'ambito di un procedimento civile promosso contro la Regione Puglia da cinque persone affette da patologie tumorali, costrette a sborsare tra i 600 e 1.000 euro per sostenere l'esame presso uno studio privato. I cinque - uno dei quali però è deceduto per la malattia - hanno chiesto un risarcimento pari ad alcune migliaia di euro per aver subito una violazione del diritto alla salute. Era stata del resto proprio la giunta Vendola a stabilire nel 2006 che in Puglia fossero necessari otto apparecchi Pet-Tac...

La difesa della Regione - Nel caso, la regione, che si è costituita con la propira avvocatura, si è difesa sostenendo che non ci fossero fondi per dare avvio al servizio. Una tesi non condivisa dall'accusa, che ha evidenziato come per questo tipo di investimenti vi siano fondi dello Stato. Ora toccherà al governatore e al direttore della Asl spiegare perché, tra gennaio e marzo del 2011, i malati oncologici leccesi non abbiano potuto usufruire dell'esame diagnostico, assolutamente fondamentale.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianniguelfi

    27 Ottobre 2011 - 19:07

    Il legittimo impedimento esiste da molto tempo e vale per tutti i cittadini. Spetta cmq al giudice decidere se sia un impedimento fondato o inventato. Se a Vendola è stato concesso, si vede che era fondato. La legge del Cav. invece, proponeva che se il chiamato a testimoniare era un ministro ol il Pres. del Cons., questi poteva autocertificarsi l' impedimento da sé. Senza che il giudice mettesse becco. http://gianniguelfi.ilcannocchiale.it

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    27 Ottobre 2011 - 10:10

    Ma come ? HA DETTO TUTTO IL MALE POSSIBILE DEL LEGITTIMO IMPEDIMENTO E POI??? QUANTO CHIAMANO LUI SE NE AVVALE?? Forse aveva appuntamento con un ragazzino???

    Report

    Rispondi

  • alvit

    27 Ottobre 2011 - 08:08

    Suvvia, un po' di fantasia , il cocco bello aveva le sue cose, signori, cercate di capire...

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    27 Ottobre 2011 - 01:01

    Poveretto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog