Cerca

In sosta vietata dal 208 aC Multa da pazzi in Sicilia

Una donna riceve la cartella esattoriale da 32mila euro: è colta da un malore. La polizia di Agrigento ha rettificato l'errore

In sosta vietata dal 208 aC Multa da pazzi in Sicilia
Chi abita nelle grandi città lo sa, le multe per divieto di sosta sono uno dei peggiori 'incubi' che t'inseguono per tutta la giornata. Ovunque tu metta la macchina, c'è sicuramente un motivo, anche insospettabile, per cui al tuo ritorno ci sarà una contravvenzione ad accoglierti. Ma quel che è successo in Sicilia supera davvero qualsisi tipo di immaginazione. Perchè, una donna si è vista recapitare una multa dove alla voce interessi c'era scritto 32.530,44 euro.  E già, perché nel calcolare la mora, la società di recupero crediti Serit è partita non già dal 2008, anno in cui è stata commessa l'infrazione, ma dal 208 avanti Cristo. Potete immaginare la reazione della donna nell'aprire la busta con la cartella esattoriale: è svenuta.

All'ospedale - La donna - un'impiegata 45enne dell'Ufficio delle Entrare agrigentino - è stata ricoverata all'ospedale San Giovanni di Dio, i medici le hanno diagnosticato un "calo di pressione improvviso conseguente a shock". I caschi bianchi di Agrigento, ovviamente, hanno segnalato l'anomalia alla società di recupero crediti, che dovrà ricalcolare la quota interessi a partire da una data ragionevole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    28 Settembre 2014 - 10:10

    A me,in questi giorni ha fatto visita le lercia equitalia.Ebbene,da una cifra irrisoria sembrerebbe qualcosa pari a pochi euro credo 5 ,e che ,tra more,spese,notifiche bolli e minkiate varie siamo arrivati ad una cifra di 50 euro.Se la moglie non pagava questi zozzoni erano capaci di metterti l'ipoteca sulla casa.Per levarla poi ce ne sarebbero voluti altri...Posso dire italia di m...?Grazie.

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    27 Ottobre 2011 - 10:10

    L'importo esagerato non era per il divieto di sosta in sé, ma per la montagna pazzesca di sterco equino che la polizia municipale ha dovuto rimuovere dopo oltre 2200 anni di sosta dei cavalli. Ecco un valido esempio di come si potrebbe applicare la nuova norma che consente di licenziare .... i fannulloni e per di più imbecilli (più di uno sicuramente, dal momento che questo ridicolo importo sarà certamente passato inosservato sotto gli occhi di più di una persona addetta ai lavori).

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    27 Ottobre 2011 - 09:09

    Perchè 208 a.C. e non 208 d.C. ? Se errore del sistema si tratta, come ha fatto a scegliere fra due anni a cavallo fra due epoche ?

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    27 Ottobre 2011 - 09:09

    ...che le cose non funzionano in Italia? Falso!! Via signora, ci dica perché ha parcheggiato la biga in divieto di sosta e non si è poi curata di andarla a riprenderla!!! E i 2 cavalli, ha pagato per la biada ed il fieno oppure li ha lasciati lì a morire di fame e sete? E poi si lamenta per la multa?? Mah, che roba...!!! Cordialmente.

    Report

    Rispondi

blog