Cerca

Berlusconi e il sesso: la prima volta fu a 14 anni con una cameriera

Nell'utlimo libro di Vespa ministri e parlamentari raccontano le loro esperienze sessuali. E Rosy Binndi...

Berlusconi e il sesso: la prima volta fu a 14 anni con una cameriera
Il più precoce di tutti, manco a dirlo, è stato Silvio Berlusconi. A sei anni la prima infatuazione per una bimba dai boccoli neri e gli occhi scuri. Ma allora fu solo l'inizio, il cuore che batte all'impazzata, le gote che diventano rosse. Poi è arrivata la scoperta del sesso. Non molti anni dopo. Lui aveva quattordici anni, lei era una cameriera procace che gli insaponava la schiena mentre gli faceva il bagno, un bacio e via...Da allora Silvio non si è più fermato. Il divertente racconto della prima volta è contenuto nel libro "Questo amore" di Bruno vespa, in libreria da oggi.

D'Alema non combina nulla - Il primo amore  Baffino fu "una bella ragazza di nome Giulia. Eravamo in gita a Vigo di Fassa e, naturalmente, non combinammo niente. Era il 1963, avevo quattordici anni. Il primio amore fisico? Era il 1968"

L'incontro di Tonino e il desiderio di Rosy -  Antonio Di Pietro aveva diciott'anni, si stava diplomando perito industriale a Roma e un giorno, mentre rientrava a Montenero di Bisaccia in pullman si sedette vicino a una bella ragazza. "Viaggiando tutta la notte gomito a gomito, ginocchio a ginocchio, ci innamorammo. Ci chiamava Elsa". E Rosi Bond? Lei voleva farsi suora. Crescendo si è innamorata due o tre volte, ma nessun amore è andato a buon fine". Nel 2005 all'Espresso aveva confidato di aver avuto anche un amore maturo, intorno ai trent'anni. "Non è statao abbastanza travolgente da farmi dire 'Rinuncio a Dio e rivedo tutta la mia esistenza".

Il ragazzo perduto della Prestigiacomo -
Il primo ragazzo del ministro dell'Ambiente era un ragazzo bruno, alto, che girava in Vespa. Lei andava dalle Orsoline e aveva tredici anni. "Riuscii a farmelo presentare e tra noi scoppiò un grande amore. Ma io non volevo viverlo fisicamente, avevo il complesso dell'altezza, ero diventata un metro e ottanta. Ero alta alta e magra magra, un manico di scopa. Lui andava con le altre e io ero gelosissima. Quando mi rivedo abbracciata a lui penso che quello fosse l'amore puro... Poi poiché ero ribelle i miei mi mandarono due anni in collegio a Bergamo. E ogni volta che tornavo a Sicracusa lo rivedevo ed era come se non ci fossimo mai lasciati. Mi scriveva lettere che ha conservato. Mio padre purtroppo aveva visto bene. Anche in pronvincia, anche tra i ragazzi di buona famiglia, si commettevano errori fatali. In quegli anni dallo spinello si passava all'eroina. E lui è morto così. Durante il viaggio di nozze, in America, nel 2008. Aveva 45 anni. Quando l'ho saputo, sono scoppiata in un pianto dirotto. Non l'ho mai dimenticato".

Gli amori "eterni" di Angelino e Fausto
- Il segretario del Pdl Angelino Alfano si innamorò per la prima volta a dieci anni di "una bambina bionda, con i capelli lisci e gli occhi azzurri". Un angelo per Angelino, che tuttavia non osò confidarle il suo amore. Lo fece sei anni più tardi a una ragazza di nome Tiziana, che poi sarebbe diventata sua moglie. Un lungo amore è anche quello di Fausto Bertinotti, che addirittura risale all'infanzia. "Uscendo di casa e andando verso il centro del mio paese - racconta - ero colpito da due bimbe. Una si chiamava Lella". All'età di 21 anni l'avrebbe ritrovata e l'anno successivo l'avrebbe sposata.

Il rapporto platonico di Schifani - Aveva invece 16 anni Renato Schifani, all'età del suo primo innamoramento.  "Ero studente del liceo scientifico Cannizzaro di Palermo. Conobbi Giusy, una ragazza semplice e carina, che frequentava la classe precedente alla mia. Ci innamorammo, fu un rapporto intenso ma platonico, durato quasi due anni".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    28 Ottobre 2011 - 08:08

    Penso che bruciare tutti i libri cucinati da Bruno Vespa non sarebbe da considerarsi un reato: cercasi volontari con fiammifero !!

    Report

    Rispondi

  • GloriaCinti

    27 Ottobre 2011 - 22:10

    Io la bindi sarebbe davvero stata perfetta come suora. Quelle religiose cattive, perfide, direttrici di collegi per sole ragazze povere e senza famiglia. Sempre pronta, suor Bindina, ad imporre l'educazione costantemente con metodi ferrei. In quale collegio? Naturalmente nel premiato istituto cattocomunista Pd ( P(overe) e D(erelitte). Sarebbe stata perfetta come personaggio in un romanzo di Charles Dickens.

    Report

    Rispondi

  • ottina

    27 Ottobre 2011 - 22:10

    Non avevo colto la frase tra parentesi: non sono una gnocca ma fa lo stesso, per fare risalire i testicoli a questi 4 ciarlatani sinistrati che insultando danno quanto di cui loro abbondano agli altri, non occorre nemmeno impegnarsi tanto. Saluti cordiali.

    Report

    Rispondi

  • art 140 c

    27 Ottobre 2011 - 18:06

    il bunga bunga è tecnica di manipolazione delle masse in stile fascista(leggere gadda),e a voi giornalai di successo non resta che costruire l'apologia.siete e sarete sempre degli squallidi fascisti(se non pubblichi,come al solito,pubblicoovunque segnalando la censura).p.s. dite a quel nano brutto e calvo che se prova a fare l'eversione sono cazzi amari

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog