Cerca

Il contrappasso per Woodcock Scopre che gli abusi son brutti

Guerra tra toghe: volevano screditare il pm con le intercettazioni. Ma John è sicuro di non finire in carcere

Il contrappasso per Woodcock Scopre che gli abusi son brutti
La premessa è che lui è inncoente, alla stregua di molte delle persone che ha tartassato. Come? Con un uso spropositato di intercettazioni e con il superamento dei limiti che un'inchiesta impone. Di chi stiamo parlando? Di John Henry Woodcock, pm prezzemolino vittima della legge del contrappasso: chi di interecettazione ferisce, di intercettazione soffre (no, lui non perisce: in carcere non ci finirà). Woodcock, infatti, si è scoperto essere vittima di un sistema che cercava di screditarlo. Una guerra tra toghe, una bega tutta interna alla magistratura, poiché i due 'capi' del sistema sarebbero i sostituti procuratori di Potenza, Gaetano Bonomi e Modestino Roca.

Da che si è scoperto che c'è un'indagine in corso su questa presunta macchina del fango, però, le cosiddette 'penne progressiste' si sono scatenate, in prima linea nella difesa di Woodcock, l'eroe di Vallettopoli e emblema vivente di inchieste mediatiche pronte a sgonfiarsi come palloncini bucati. Eppure, in pochi si sono presi la briga di difendere le vittime delle indagini del pm di Potenza. Ora si dice che "chi sta indagando su Woodcock cerca soltanto di farsi pubblicità". Ma chi lo afferma dimentica che John Henry gettava in pasto ai media le sue indagini proprio per il medesimo motivo. Insomma, tra metodo Woodcock e il metodo anti-Woodcock che sta emergendo le differenze sono pochissime. Ma un elemento di rottura c'è: le vittime di John Henry, spesso, sono finite in carcere...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiocara

    31 Ottobre 2011 - 19:07

    chi di spada ferisce ........

    Report

    Rispondi

  • Dream

    31 Ottobre 2011 - 16:04

    e se altre toghe intercettano lui, ci sara' un motivo no? e tu pensa se queste intercettazioni finissero in mano a certi giornalisti? i contrari farebbero una rivoluzione! caro mio la legge dovrebbe essere uguale per tutti! speriamo che davvero incominci ad essere..(uguale per tutti!)

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    31 Ottobre 2011 - 13:01

    La magistratura di questo paese va azzerata completamente!! Si deve ripulire tutto il marciume di cui è piena!! Certi pseudo magistrati non vanno cacciati ma fucilati alla schiena per alto tradimento.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    31 Ottobre 2011 - 13:01

    Le toghe politicizzate esistono davvero. Ma stanno dalla parte sbagliata. Per compiacere nani e ballerine non si limitavano a insabbiare inchieste contro le toghe disoneste al sud e infangare Woodcock e De Magistris (che aspettano ancora tante scuse). Inventavano anche presunti reati. Se davvero scoperchieranno questo vaso, a confronto Previti e Squillante sembreranno Padre Pio e Don Ciotti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog