Cerca

L'infermiera che rapì un neonato E' tornata a lavorare in corsia

Annarita Buonocore è stata condannta a sei anni ma dopo nove mesi è di nuovo all'ospedale Cardarelli

L'infermiera che rapì un neonato E' tornata a lavorare in corsia
Allora, la vicenda è di quelle che fanno discutere. Riguarda quell’infermiera 43enne dell’ospedale Cardarelli di Napoli che il 7 giugno dell’anno scorso rapì un neonato da un altro ospedale, quello di Nocera. Si finse in servizio, la donna, con tanto di camice s’introdusse nel reparto di ginecologia e portò via il piccolo Luca, che nascose nel suo appartamento per qualche ora, mentre lei tornava al suo reale servizio. Questo perché  aveva detto al suo compagno - mentendo - di essere incinta, e intendeva così, in questo modo balzano, simulare il parto avvenuto. Alle due figlie, nate da un precedente matrimonio, aveva detto che quel bambino le era stato affidato da un’amica. Una finzione che, fortunatamente, era emersa nel giro di qualche ora - ore peraltro terribili per i genitori del piccolo Luca. «Ma che ho fatto di male? L’ho preso solo per coccolarlo un po’»: così aveva farfugliato agli agenti che l’arrestavano. Gli stessi genitori avevano subito avuto per lei parole in qualche modo comrpensive, «odiarla? No, anzi, la perdoniamo».


In corsia  Annarita Bunocore, questo il nome della protagonista, venne processata con rito abbreviato, e condannata a sei anni di reclusione. Dopo nove mesi di cella, e in attesa del pronunciamento di secondo grado, le sono stati assegnati gli arresti domiciliari. E però, hanno accertato gli stessi magistrati, non dispone di mezzi di sostentamento. In sostanza non sa come oìpagarsi da mangiare. Ragion per cui le è stato concesso di tornare al suo lavoro d’infermiera, e sempre al Cardarelli. La conferma è arrivata dal direttore medico di presidio dello stesso ospedale: «Il rientro è avvenuto dallo scorso 16 agosto - ha spiega al Corriere del Mezzogiorno - su disposizione del magistrato la Buonocore lavora dalle ore 8 alle ore 14 e lo fa nel complesso operatorio di chirurgia generale. Viene definito un ambiente protetto, vale a dire non consente all’infermiera di stare a diretto contatto con i degenti. Lavora regolarmente e ad oggi non si è registrato alcun problema». La decisione dei giudici ha destato perplessità in qualcuno: possibile - è stato chiesto - far tornare a lavorare in ospedale una persona che proprio in quell’ambiente s’è resa responsabile del rapimento d’un bimbo? D’altronde, avendole concesso i domiciliari, è ovvio che le si debba anche dar la possibilità di guadagnarsi da mangiare, ovviamente con tutte le precauzioni del caso.
 Un dibattito che, in ogni caso, si concluderà necessariamente dopo la sentenza di secondo grado. In un modo o nell’altro.
di Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberalettera

    03 Novembre 2011 - 15:03

    Potrebbe sempre lavorare come baby-sitter a casa del magistrato che l'ha "graziata" ... magari affidarle i nipotini..... Sia mai !!!! Vero??

    Report

    Rispondi

  • roda41

    02 Novembre 2011 - 15:03

    non mi sembra proprio ,sia un fatto isolato,ma figurati ,QUANDO SUCCEDE QUALCOSA A NAPOLI,c'è sempre l'intelligentone e il SUPER senza macchia e paura,che blaitera,e sfoga in tal modo altre sue frustrazioni riversandole ove e come può ,a polentonia!!

    Report

    Rispondi

  • graziella

    02 Novembre 2011 - 12:12

    almeno questi attacchi di fegato, perchè prima li processano, poi li condannano, con condanne esemplari ( 6 anni..) e poi li scarcerano e gli ridanno il lavoro ?! e si perchè la rapitrice di bambini non sa fare altro poverina e allora rimettiamola in reparto e dove sennò! ma vi rendete conto che gli onesti vengono giornalmente presi per i fondelli? siamo in ansia per sapere chi liberano domani.

    Report

    Rispondi

  • prt

    02 Novembre 2011 - 12:12

    A questo punto l'unica speranza e' che sia proprio l'infermiera in questione ad aver capito la gravita' del gesto che aveva fatto. Dato che c'e' sempre meno fiducia nella corretta applicazione della legge...visti i risultati degli ultimi tempi!!!, Spero che l' infermiera protagonista di questa vicenda abbia capito di aver provocato grande paura e disperazione nella vera mamma di quel neonato e che per non creare piu' tanto dolore ad un' altra mamma, visto che anche lei e' gia' mammm di altri figli, si impegni a non rifarlo piu' ed in caso le venga un tale desiderio che scelga di andare subito dallo psicologo e chiedere aiuto !!!...e' chiaro che l' infermiera abbia avuto un periodo con dei problemi psicologici...e se li ha superati, comunque faccia lo stesso attenzione.... Ha gia' dei figli e dovrebbe pensare che non e' bello solo accudire neonoati ma anche insegnare ai figli gia' grandi come affrontare la vita ...!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog