Cerca

Allarme da due giorni: sottovalutato

Il sindaco Pd di Genova, Marta Vincenzi, sotto accusa per aver lasciato le scuole aperte. Rosso (Pdl): "Disastro evitabile"

5
Allarme da due giorni: sottovalutato
Genova è in ginocchio. Il sindaco Marta Vincenzi si dice "distrutta. Il disastro - ha aggiunto - è avvenuto attorno al Fereggiano, un fiume che abbiamo messo in sicurezza. C'era un muro d'acqua, pauroso, incredibile. Mai vista una cosa così in tutta la vita. Uno tsunami". A chi le chiede se si sente responsabile della tragedia risponde senza indugi: "E di che cosa sarei responsabilie? Del fatto che uno Tsunami ha colpito la città da cui sono sindaco". Peccato però che da due giorni fosse scattato lo stato di massima allerta. Le scuole, però, sono rimaste aperte: il fatto ha subito scatentao la polemica in città. Sulla pagina Facebook del sindaco gli internauti chiedono perché la città non si è mossa in anticipo per bloccare tutto.

Rosso: "Disastro evitabile" - La situazione viene poi inquadrata dal capogruppo del Pdl, Matteo Rosso, che si dice convinto "che questo disastro potesse essere evitato o forse contenuto, soprattutto dopo aver assistito alla drammatica esperienza delle Cinque Terre e di Spezia di pochi giorni fa, se si fosse provveduto ad un urgente pulizia dell'alveo dei fiumi, ad una corretta manutenzione dei tombini, e se si fossero tenute chiuse le scuolde nella data di oggi, considerato che ieri sera è stato diramato un comunicato con cui la Giunta Comunale raccomandava ai cittadini di non uscire di casa se non in casi di estrema necessità".

La procura indaga - Nel frattemo si è appreso che la procura di Genova sta "valutando l'apertura di un fascicolo per i reati di omicidio colposo e disastro colposo, inizialmente a carico di ignoti". Lo ha riferito il facente funzione procuratore capo del capoluogo ligure, Vincenzo Scolastico, che insieme al collega sostituto procuratore Stefano Putto, attende che le forze di polizia gli comunichino ufficialmente il bilancio della tragedia avvenuta nel capoluogo ligure in seguito al nubifragio e alle esondazioni che hanno afflitto la città.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • puntocomando

    05 Novembre 2011 - 09:09

    egregio bertolaso, sei andato in pensione,non ti ho più sentito,perpiacere ritorna,hanno dato in mano la protezione civile a questo burocrate,mi sono messo a ridere quando lo hanno nominato,questo qui mi sono detto farà un sacco di danni. BERTOLASO RITORNA!!!!! e che il Signore abbia pietà di noi.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    04 Novembre 2011 - 22:10

    il Comune di Genova sarebbe già stato Commissariato, il sindaco e la giunta arrestati in attesa dei risultati delle indagini. Le scuole e gli uffici pubblici sarebbero stati chiusi. Ecco un esempio di come finiscono le città amministrate da sempre dai Komunisti: e dire che l'allarme meteo non solo era stato diramato, ma dopo il disastro delle 5 terre la cosa era ampiamente prevedibile.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    04 Novembre 2011 - 22:10

    ...politico di chi amministra Genova ed altre città,non mi sento con tutta onestà di criminalizzare la Sindachessa.Era noto a tutti che in allarme doveva essere ancora e soprattutto,il territorio delle Cinque Terre.Si dà il caso ahinoi,che invece la pioggia torrenziale ha colpito Genova,almeno per il momento.Tutti dovrebbero sapere che mentre la metereologia è una scienza esatta,le previsioni del tempo,sebbene con tutti i mezzi moderni a disposizione oggidì,risulta avere un notevolissimo scarto d' errore.Va senza dire però,che ogni volta succedono calamità simili,ricorrono i soliti discorsi che ormai sappiamo vani,sino alla calamità successiva,per ripetere ancora una volta la solita solfa stancante.Oramai,esagero,ma per sistemare l'Italia intera,affinchè vengano almeno limitati i danni,bisognerebbe raderla al suolo,per poi ricostruirla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media