Cerca

Tutto previsto: la protezione civile dov'è?

Quanto ci manca Bertolaso. Il suo erede ieri mattina diceva: "Tutto sotto controllo" e nel pomeriggio "salite sui tetti"

Tutto previsto: la protezione civile dov'è?
Tre cadaveri sepolti nel fango, due bimbe e la loro mamma sommerse dall’acqua in uno scantinato allagato a Marassi. È la fotografia di Genova in ginocchio, travolta dall’esondazione di due torrenti. Sono bastati 300 millimetri di pioggia battente a gonfiarli  fino a farli scoppiare. Non ci voleva un indovino per capire che la zona era a rischio. Nonostante quel che la scorsa settimana  era accaduto alle Cinque Terre e in Lunigiana, il pericolo è stato sottovalutato.

Chissà cosa sarebbe accaduto, in Liguria e in Toscana, se le cinque direzioni generali della Protezione Civile non funzionassero secondo gli obiettivi fissati in “previsione, prevenzione, valutazione, mitigazione”. Ovvero, chissà quali disastri si sarebbero evitati se a capo della struttura ci fosse ancora Guido Bertolaso. Pensavano di averlo sostituito degnamente, mettendo al suo posto Franco Gabrielli, l’ex prefetto dell’Aquila divenuto successivamente commissario straordinario del governo per l’emergenza terremoto in Abruzzo. Non si erano accorti che, se in quell’occasione aveva agito bene, era solo perché si era sdraiato all’ombra di Bertolaso, prestandosi come il suo spicciafaccende. Bravo a eseguire, insomma. Quando si tratta di organizzare, però, il discorso cambia. Non che sia difficile seguire le linee guida già tracciate. Le regole impongono di studiare gli scenari “in tempo di pace”, quando cioè non vi sono emergenze in atto. Non basta attivarsi in tempo e intervenire velocemente. Si devono valutare gli eventi prima che accadano, elaborare gli strumenti con i quali porre rimedio agli effetti delle catastrofi.

È la mentalità prefettesca ad agire come la sabbia nel motore. Burocraticamente, gli eventi eccezionali sono divisi in categorie. Il tipo A è il livello locale, il B ha un’estensione regionale e il C, infine, riguarda il territorio nazionale. Solo quest’ultimo, in teoria, rientra fra i compiti della Protezione Civile. L’interventista Bertolaso, al primo sentore di un disastro, si precipitava a Palazzo Chigi e faceva firmare al presidente del Consiglio una dichiarazione di stato d’emergenza nazionale. Come secondo step, piazzava una sala operativa direttamente sul luogo e da lì coordinava i lavori. Gabrielli no. Lui agisce nei termini di legge: i livelli A e B non sono affar suo. Ci devono pensare i Comitati provinciali e regionali. Sono le regole a cui un funzionario dello Stato ritiene di doversi attenere scrupolosamente. Così ieri ha convocato il comitato operativo per le 17, quando il bilancio delle vittime dell’inondazione a Genova ormai era già salito a sei. Per fortuna ci sono i Vigili del Fuoco, altrimenti ci si dovrebbe affidare alle raccomandazioni del Comitato di Protezione civile del Comune di Genova, che si limitano al consiglio di «trovare rifugio su un vagone ferroviario fermo sul binario 1 della stazione di Brignole», o a seguire le indicazioni del Comitato regionale: «Tutti quelli che si trovano nell'area del Bisagno si allontanino» e fa appello a «chiudere tutte le attività» mentre suggerisce, a chi non può allontanarsi, di «trovare riparo ai primi piani delle abitazioni»..

Impreparati, si improvvisa. Del resto in mattinata Gabrielli aveva provveduto a rassicurare la popolazione: «Siamo assolutamente pronti. Il Levante ligure tecnicamente non è riferibile a una situazione di criticità elevata, al contrario della Liguria centrale e di Ponente, ma in considerazione di quanto avvenuto in precedenza è stato portato a una situazione di elevata criticità». Giusto, la crisi riguarda esclusivamente lui. Per i parenti di chi è rimasto travolto, suona quasi beffardo l’annuncio dell’insediamento, a metà novembre, di una nuova Commissione grandi rischi, con la partecipazione della Protezione civile e del mondo dell'Università. Ma è tutto quello che Gabrielli è riuscito a escogitare ieri, intervenendo a un convegno sull’alluvione del 1966 e la prevenzione del rischio idrogeologico a Firenze. Siamo nel 2011, forse non è ancora stata diramata la circolare per informarne anche il capo dipartimento della Protezione Civile. Quando dirigeva la Digos di Firenze, almeno, aveva il calendario. Poi, passato alla direzione del Sisde, aveva spostato l’orologio indietro, smantellando la struttura. E pensare che si vedrebbe già nel ruolo di capo della Polizia.

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    06 Novembre 2011 - 14:02

    A parte quei poveri cristi che sono morti ed a cui va onore e rispetto,mi CHIEDO a chi daranno la colpa di tutto questo dal momento che al comando ci sono da 66(dico SESSANTASEI)ANNI?

    Report

    Rispondi

  • aifide

    05 Novembre 2011 - 20:08

    La protezione civile non c'è da un bel pezzo! E meno male che non c'è Bertolaso. Il Presidente non si degna di visitare Genova, governata da sempre dai suoi compagni di partito! Mi vergogno di essere italiano, anzi di essere cittadino di questa Repubblica rappresentata da questi uomini!

    Report

    Rispondi

    • civitella

      11 Ottobre 2014 - 15:03

      hai ragione, se c'era lui l'avevano già impiccato!!

      Report

      Rispondi

  • gasparotto

    05 Novembre 2011 - 16:04

    Settembre è stato un bel mese ,sole e spiaggia e tintarella,dalle alpi al lilibeo. I meteorologi interpellati avevano paventato un autunno piovoso. Un proverbio antico dice:"l'acqua che non arriva sta tutta in cielo". E così è stato. Roma è stata invasa dalle acque,in prevalenza piovane,figuriamoci se straripava il Tevere a porto di Ripetta,come nei secoli scorsi. Le previsioni del tempo,puntuali almeno per le 24 ore,hanno lanciato l'allarme due,che significa il massimo. Se io fossi stato il sindaco di quelle zone, come minimo avrei imposto a coloro che abitano a ridosso di un fiume o un torrente o sotto una collina di argilla,di abbandonare le case ,sino a nuovo ordine. Allarme due significa evacuazione! Però nulla è stato fatto e la piena è arrivata puntuale.E' stato come quel medico che al PS trascura il malato in codice rosso e questi crepa. La stessa cosa. Con la differenza che il medico paga ,il sindaco no.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Novembre 2011 - 14:02

    Cosa ci sia da festeggiare lo sa solo Napolitano (che infatti va in Puglia e non si degna di visitare Genova) e i massoni che si vantano di questa 'unità' da tavolino. Pietosamente taccio il resto, ma per la memoria dei genovesi morti, non per i nostri capi o gli onorevoli a Roma. Ma non è quando si festeggia che si rivela il vero cuore di un Paese? Invece guarda lì, nessuno si interessa, né il meridione né i nostri capi più in alto, a Roma.

    Report

    Rispondi

blog