Cerca

"Ho sei morti sulla coscienza" Genova, sindaco Pd non molla

Marta Vincenzi: "Ho la responsabilità della sciagura. Rischi sottovalutati da Protezione civile. In futuro decido io". Ma non se ne va

"Ho sei morti sulla coscienza" Genova, sindaco Pd non molla
Marta Vincenzi non lascia ma fa i conti con la propria coscienza. Il sindaco Pd di Genova prova a rispondere alle polemiche che l'hanno investita dopo la tragica alluvione di venerdì. Sei morti che la Vincenzi ha detto di "avere sulla coscienza": "Cosa penso dentro di me e come soffro questa cosa è un fatto umano - ha aggiunto - non è un fatto da responsabilità politica". Per questo "non penso alle dimissioni", ha spiegato il sindaco, anche perché "abbandonare in questo momento la citta mi sembrerebbe una cosa vergognosa". In collegamento con i principali programmi televisivi della domenica pomeriggio, Domenica In L'Arena (Raiuno) e Domenica 5 (Canale5) la Vincenzi ha ribadito che il problema era a monte. "La responsabilità ce la prendiamo tutti e io per prima, spero che col tempo si capisca che ciò che è accaduto era da segnalare come disastro e non allerta 2". Insomma, colpe da condividere con la Protezione civile. "Col senno di poi, avrei fatto chiudere l'intera città - ha spiegato -. A seguito dell'Allarme 2 ricevuto dalla protezione civile, quest'anno a noi segnalato 6 volte, abbiamo seguito un protocollo che però non prevede la chiusura di tutte le scuole né il blocco di tutta la città". "Nel giro di 15 minuti il Ferreggiano, dove è capitato il massimo del disastro, è passato da nemmeno un metro d'acqua ad oltre quattro metri - ha sottolineato la Vincenzi -. Un'alluvione così, con i mezzi di prevenzioni previsti in essere, non è stata possibile nè da gestire nè da fermare come sarebbe stato giusto". Infine, lo strappo con la Protezione civile: "Io credo che indipendentemente da quanto dice la protezione civile noi dobbiamo, in una città che abbiamo scoperto essere dopo tanti anni così fragile, sapere che d'ora in avanti con un'allerta due non scattano le previsioni che dice la protezione civile ma scatta la chiusura di tutto perché possiamo deciderlo noi".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    09 Novembre 2011 - 10:10

    ALMENO si spera.Saranno questi,gli ultimi morti??

    Report

    Rispondi

  • prodomoitalia

    08 Novembre 2011 - 12:12

    Chissà perché ma ho la sensazione che tu sia di sinistra ? O sbaglio ? Ciau bella gioia !

    Report

    Rispondi

  • grandioso

    08 Novembre 2011 - 10:10

    Vi ricordate il povero ministro Bondi che fu costretto a dimettersi per il crollo di un muro, peraltro non antico, a Pompei ? Non provocò nessun morto ma la sinistra giustizialista fece il divolo a quattro con una campagna diffamatoria sui giornali. E il sindaco di Genova che si assume la responsabilità dei morti viene tranquillamente lasciata al suo posto e non mi risulta nessuna levata di scudi da parte dei comunisti italiani. Chiaramente il tutto andrà a finire nel dimenticatoi popolare e non se ne parlerà più, così come sta avvenendo per Tedesco, per Penati, per D'Alema e scusate se non ricordo il nome degli altri inquisiti del PD. Quersto è il rigore morale che mantiene la politica italiana ? Alberto.

    Report

    Rispondi

  • SOSnotizievere

    08 Novembre 2011 - 10:10

    ..chi è che ha fatto i condoni edilizi negli ultimi 15 anni..? ... e il piano casa..(aumento delle cubature..?).. .. non ricordo...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog