Cerca

Lega, vittoria in Lombardia Crocefisso entra al Pirellone

La proposta del Carroccio diventa legge, cancellate le sanzioni per la mancata esposizione. Ma il Pd: solo demagogia

Lega, vittoria in Lombardia Crocefisso entra al Pirellone
La Padania, il quotidiano di 'casa', non nasconde la sua gioia. L'attacco dell'articolo recita: "E alla fine la Lega ce l'ha fatta! Via libera da parte del Consiglio regionale della Lombardia al Crocefisso nelle sedi istituzionali della Regione". Il punto è che la proposta di Legge del Carroccio - con 49 sì, un astenuto e l'abbandono dell'aula da parte del centrosinistra - è stata approvata dalla Regione. Secondo Renzo Bossi, il Trota, si tratta di un "omaggio alla nostra storia". Il relatore del provvedimento, Alessandro Marelli, ha spiegato che così si "salvaguarda un simbolo della nostra storia, della nostra cultura, della nostra tradizione e della nostra identità e promuove i valori del cristianesimo e i principi su cui si fonda la cultura europea e in generale la cività occidentale".

Cancellate le multe - Rispetto al testo originale, quello approvato prevede una novità, ovvero la cancellazione delle sanzioni da staccare nel caso in cui il simbolo religioso non fosse esposto. Il Pirellone, inoltre, ha provveduto a racimolare i 2.500 euro necessari per l'acquisto dei 300 pezzi, che saranno un particolare tipo di croce che lo stesso Marelli aveva mostrato con orgoglio subito dopo l'esito positivo del voto.

Insorge l'opposizione - Anche un tema come quello del Crocefisso è buono per le opposizioni per cercare di buttare tutto in gazzarra. La Lega l'ha spuntata e così tanto vale puntare il dito contro il Carroccio. Secondo l'esponente del Pd Fabio Pizzul replica: "E' il metodo con cui la Lega lo impone (il Crocefisso, ndr) che è assolutamente inaccettabile, tanto per i laici quanto per i cattolici). Quindi il 'moderato' dell'Idv, Gabriele Soia: "Curioso che questa legge arrivi da una forza politica che fino a pochi mesi fa si segnalava più per i riti celtici che per la difesa dei valori cristiani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    11 Novembre 2011 - 10:10

    L'esposizione delle loro splendide faccette!!

    Report

    Rispondi

  • wall

    10 Novembre 2011 - 21:09

    ..in tutto il mondo ci sono notizie di atroci uccisioni di cristiani. e nessuno fa nulla.......... uccidono i sacerdoti cristiani e nessuno fa un bel nulla........ martiri cristiani uccisi e arsi vivi nelle chiese e nessuno fa nulla................. Come dice il vangelo " porgi l'altra guancia" ma dopo ti faccio un ................ Si dovrebbe cominciare a organizzarle ................... Il rispetto delle religioni si fanno in casa propria......Tutti a casa loro

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    09 Novembre 2011 - 17:05

    Difendere le nostre tradizioni per la sinistra è una perdita di tempo: questi sono gli uomini che pretendono di guidare gli Italiani. E con i tempi che corrono, con l'Islam che cerca di avere il sopravvento in Italia, ancora non rimaniamo uniti a difendere le nostre origini. Bell'esempio di governabilità!!

    Report

    Rispondi

blog