Cerca

"Er Pelliccia" di nuovo a casa Ero al corteo per caso

Il teppista con l'estintore agli scontri di Roma scarcerato dopo 23 giorni in carcere. Ha solo l'obbligo di firma tre volte a settimana

"Er Pelliccia" di nuovo a casa  Ero al corteo per caso
"E' vero la violenza ha fatto  passare in secondo piano una giusta protesta. Sono pentito perchè non  mi sono reso conto per tempo di quello che stavo facendo e delle   conseguenze". A dirlo, in un’intervista a "La Repubblica", Fabrizio   Filippi, detto 'er Pelliccià, tornato libero dopo 23 giorni trascorsi  nel carcere di Regina Coeli, in seguito agli scontri a San Giovanni   del 15 ottobre scorso. Per lui l’obbligo di firma tre volte a   settimana.

   "Accompagnavo un mio amico alla Sapienza che doveva pagare un bollettino e poi abbiamo trovato il   corteo e ci siamo uniti. Mi sono trovato in mezzo agli scontri per   caso e ho perso la testa. Non faccio parte dei Black Bloc, non   condivido le loro azioni e la loro violenza. E non hanno il coraggio   di manifestare a volto scoperto. Non portavo cappucci, solo una   sciarpa ed ero riconoscibile facilmente. Infatti mi hanno arrestato".    "Non ho un orientamento politico. Vado a votare ma - aggiunge -   non dico per chi. Non frequento centri sociali e a Roma conosco poche   persone. Non ero mai stato in carcere. In cella mi sono trovato   assieme a due detenuti comuni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amb43

    12 Novembre 2011 - 08:08

    Scarcerato ? Ora se ne starà a casa con la sua mammina, che lo ha educato tanto bene, andrà a firmare solo 3 volte la settimana (perchè non tutti i giorni ?), e tutto finisce qui: sono io l'indignata per questi giudici "tolleranti" e scommetto tutti di sinistra. Siamo messi proprio bene!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • paologallibn

    11 Novembre 2011 - 19:07

    leggendo quel che sostien sua mamma,inizio a capire perchè lui sia così cretino;comunque è un bene che non sia rinchiuso in carcere. Eh sì,dovendo andare a firmare 3 volte a settimana,sapete com'è : deve attraversare la strada,non esser protetto da 4 mura,magari trova un Lucidi della situazione,speriamo! Per la cronaca,Lucidi è quello che circolava in auto,drogato e senza patente.

    Report

    Rispondi

  • zanka

    11 Novembre 2011 - 08:08

    porello, torna a casina da mammina a mangiare pappa buona , giocare col big jim ch'è meglio; la svegas... roba da matti....ninnaninnananna fa la ninna fa la nanna...forti sti rivoluzionari a 24 anni con la paghetta di papà. e magari l'istat l'ha messo in quel 30 % di giovani disoccupati... ma uno così chi se lo pija? manco il grande fratello

    Report

    Rispondi

  • Palmiro Fazzari

    11 Novembre 2011 - 04:04

    Ecco perchè le cose non funzionano in Italia, uno sfascia una città,tira un estintore contro lo Stato, lo prende per il culo, col pentirsi, oppure citando che si era trovato nel posto sbagliato, al momento basgliato,e la magistratura che fa... Lo manda a casa, che bello! Poveri noi, dove andremo a finire, speriamo sempre in un futuro migliore, fuori da questo sistema balordo che viviamo con queste cose tutte i giorni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog