Cerca

Sicilia, animalisti in rivolta

"Sparano ai cani in spiaggia"

Sicilia, animalisti in rivolta
Il Prefetto di Ragusa ha chiesto di prenderli vivi. Ma le associazioni degli animalisti dicono che stanno sparando ai cani sulla spiaggia. Sangue e sabbia e sapore di mare. "A Scicli è iniziata la mattanza". Il tam tam è partito via mail, via Facebook. La presidente dell'associazione canili Lazio, Maria Cristina Salvucci, scrive che "è confermata dal Comune di Scicli direttamente alla nostra associazione che stanno sparando ai cani in spiaggia indistintamente. Sindaco, Assessore all'Ecologia, Responsabile veterinario sono al momento irreperibili. L'Associazione Canili Lazio e Chi li ama ci segua, a cui si uniranno sicuramente tutte le altre associazioni animaliste, denunceranno i responsabili della strage essendo tale procedura del tutto illegale e vigendo anche a Scicli le leggi dello Stato italiano". Anche la Lav ha diffidato tutti dal premere i grilletti. Scrivono infatti:  "L’Ufficio Legale della Lav ha formalmente diffidato Prefettura, Procura della Repubblica e Asl di Modica (Ragusa) dal sopprimere i randagi, ritenendo gravissima una eventuale decisione in tal senso. Per evitare un’insensata carneficina, illegale e pericolosa per la sicurezza pubblica, la Lav sollecita l’intervento dei Ministri dell’Interno e della Giustizia, e del Sottosegretario della Salute Francesca Martini".

  «La proliferazione dei randagi incontrollati e le conseguenti ipotesi di abbattimento rappresentano il fallimento della prevenzione nel campo della sanità pubblica», dice Carlo Scotti, presidente senior dell'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani.
Intanto la ragazza tedesca di 24 anni aggredita stamattina versa in condizioni disperate. Se sarà fortunata, resterà sfigurata a vita. Ma i medici non sono sicuri di riuscire a salvarla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gretaspitz

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Cara Gianna, gli animalisti comprendono benissimo la disperazione della famiglia, nessuno di noi vorrebbe che la vita delle persone fosse in pericolo su una spiaggia, ma se in giro ci sono animali affamati e perciò aggressivi, è colpa loro o di chi - nonostante le leggi parlino chiaro - se n'è fregato e non ha fatto il proprio dovere? Ora la gente ammazza i cani e i veri responsabili sono i primi a premere il grilletto: sono le istituzioni, gli amministratori, le persone che abbandonano i cani, quelli che non li sterilizzano peché i cuccioli sono tanto belle e non riescono a vedere oltre il proprio naso (i cuccioli sono bellissimi ma ci sono più cani che adozioni in Italia), quelli che comprano cani e gatti quando basterebbe raccoglierne uno randagio, sfamarlo, curarlo. La minaccia non sono i cani, ma chi li abbandona, chi li scaccia anziché dare loro cibo, chi non li custodisce come dovuto, chi ci specula, chi non ha usato per i canili i soldi pubblici, chi li ha dati a canili lager i cui gestori ci hanno mangiato sopra. E invece ora c'è la caccia alle streghe e chi non vede oltre il proprio naso se la prende con i cani... che sono solo vittime, dell'incuria, della fame, della superficialità, della cattiveria.

    Report

    Rispondi

  • gretaspitz

    18 Marzo 2009 - 16:04

    Gli animalisti comprendono benissimo la disperazione della famiglia, nessuno di noi vorrebbe che la vita delle persone fosse in pericolo su una spiaggia, ma se in giro ci sono animali affamati e perciò aggressivi, è colpa loro o di chi - nonostante le leggi parlino chiaro - se n'è fregato e non ha fatto il proprio dovere? Ora la gente ammazza i cani e i veri responsabili sono i primi a premere il grilletto: sono le istituzioni, gli amministratori, le persone che abbandonano i cani, quelli che non li sterilizzano peché i cuccioli sono tanto belle e non riescono a vedere oltre il proprio naso (i cuccioli sono bellissimi ma ci sono più cani che adozioni in Italia), quelli che comprano cani e gatti quando basterebbe raccoglierne uno randagio, sfamarlo, curarlo. La minaccia non sono i cani, ma chi li abbandona, chi li scaccia anziché dare loro cibo, chi non li custodisce come dovuto, chi ci specula, chi non ha usato per i canili i soldi pubblici, chi li ha dati a canili lager i cui gestori ci hanno mangiato sopra. E invece ora c'è la caccia alle streghe e chi non vede oltre il proprio naso se la prende con i cani... che sono solo vittime, dell'incuria, della fame, della superficialità, della cattiveria.

    Report

    Rispondi

  • gretaspitz

    18 Marzo 2009 - 16:04

    Cara Gianna, gli animalisti comprendono benissimo la disperazione della famiglia, nessuno di noi vorrebbe che la vita delle persone fosse in pericolo su una spiaggia, ma se in giro ci sono animali affamati e perciò aggressivi, è colpa loro o di chi - nonostante le leggi parlino chiaro - se n'è fregato e non ha fatto il proprio dovere? Ora la gente ammazza i cani e i veri responsabili sono i primi a premere il grilletto: sono le istituzioni, gli amministratori, le persone che abbandonano i cani, quelli che non li sterilizzano peché i cuccioli sono tanto belle e non riescono a vedere oltre il proprio naso (i cuccioli sono bellissimi ma ci sono più cani che adozioni in Italia), quelli che comprano cani e gatti quando basterebbe raccoglierne uno randagio, sfamarlo, curarlo. La minaccia non sono i cani, ma chi li abbandona, chi li scaccia anziché dare loro cibo, chi non li custodisce come dovuto, chi ci specula, chi non ha usato per i canili i soldi pubblici, chi li ha dati a canili lager i cui gestori ci hanno mangiato sopra. E invece ora c'è la caccia alle streghe e chi non vede oltre il proprio naso se la prende con i cani... che sono solo vittime, dell'incuria, della fame, della superficialità, della cattiveria.

    Report

    Rispondi

  • gretaspitz

    18 Marzo 2009 - 16:04

    Cara Gianna, gli animalisti comprendono benissimo la disperazione della famiglia, nessuno di noi vorrebbe che la vita delle persone fosse in pericolo su una spiaggia, ma se in giro ci sono animali affamati e perciò aggressivi, è colpa loro o di chi - nonostante le leggi parlino chiaro - se n'è fregato e non ha fatto il proprio dovere? Ora la gente ammazza i cani e i veri responsabili sono i primi a premere il grilletto: sono le istituzioni, gli amministratori, le persone che abbandonano i cani, quelli che non li sterilizzano peché i cuccioli sono tanto belle e non riescono a vedere oltre il proprio naso (i cuccioli sono bellissimi ma ci sono più cani che adozioni in Italia), quelli che comprano cani e gatti quando basterebbe raccoglierne uno randagio, sfamarlo, curarlo. La minaccia non sono i cani, ma chi li abbandona, chi li scaccia anziché dare loro cibo, chi non li custodisce come dovuto, chi ci specula, chi non ha usato per i canili i soldi pubblici, chi li ha dati a canili lager i cui gestori ci hanno mangiato sopra. E invece ora c'è la caccia alle streghe e chi non vede oltre il proprio naso se la prende con i cani... che sono solo vittime, dell'incuria, della fame, della superficialità, della cattiveria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog