Cerca

Cade il legittimo impedimento La Procura rossa mette il turbo

Con le dimissioni il Cav diventa un "semplice" deputato: i pm scaldano i motori per scongiurare la prescrizione del caso Mills

Cade il legittimo impedimento La Procura rossa mette il turbo
C'è un risvolto non trascurabile nelle dimissioni di Berlusconi. La Procura di Milano sta già scaldando i motori, anzi sta mettendo il turbo perché, con l'addio di Silvio al governo, cade il legittimo impedimento. Inevitabilmente si moltiplicheranno le udienze e i processi contro Berlusconi potrebbero arrivare a sentenza in tempi brevissimi. Certamente non ci sarà più lo slalom tra gli impegni istituzionali del premier, Silvio Berlusconi diventerà un semplice deputato.

Sono tre i procedimenti ancora aperti a carico del premier: il Rubygate. la gestione dei diritti tv da parte di Mediaset e la presunta corruzione nei confronti del testimone David Mills. In particolare quest'ultimo sembrava sembrava destinato a cadere in prescrizione, il 28 novembre verrà sentito Mills in collegamento da Londra, ai primi di dicembre tocca a Berlusconi. Il processo avrebbe dovuto fermarsi fino a gennaio per gli impegni del premier, ma ora lo scenario cambia e la sentenza potrebbe arrivare in tempi strettissimi.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    15 Novembre 2011 - 22:10

    Finalmente possiamo dire adesso che i PP.MM. di Milano, hanno qualche impegno di lavoro, visto che il Premier è disponibile a presenziare le udienze del processo. C'è da augurarsi soltanto che non si mettono in malattia forzata, allo scopo di non affrontare Silvio. Loro affilano le "armi", ma BERLUSCONI non essendo più preso per il governo, sarà anche Lui più agguerrito. Alla fine, possiamo anche sperare di vederne e sentirne delle belle...Saluti.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    15 Novembre 2011 - 18:06

    Veramente in Italia i campioni nazionali delle ingiustizie alle vittime dei reati sono proprio i magistrati.Ogni giorno assasini,mafiosi,truffatori e spacciatori di droga,escono dal carcere per decorrenza dei termini,prescrizione,errore materiale dei magistrati.Ma tu non ti indigni,ti da fastidio solo quando vogliono schioppare Berlusconi e non ci riescono.Di che giustizia parli?Non ci sarà mai un a condanna definitiva per Berlusconi,lo vuoi capire?Lo scopo era farlo fuori , con ogni mezzo.La Giustizia non c'entra niente,perchè in ogni caso non ci sarà nemmeno la verità processuale.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    15 Novembre 2011 - 17:05

    Vediamo di trattare tutti allo stesso modo, che mettano il turbo anche per le cause dei semplici cittadini. L'imparzialità dovrebbe essere il motto della Magistratura.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    14 Novembre 2011 - 20:08

    raccontalo a tutte le vittime dei reati che, siccome il processo si prescrive tra qualche mese, tanto vale interromperlo subito. Allora e' vero che il tuo unico interesse e' che B. si salvi le chiappe a qualsiasi costo e con qualsiasi mezzo. E non te ne frega nulla che un altro processo dove ne e' uscito per insufficienza di prove, in realta' ne e' uscito perche' aveva corrotto il testimone. Un concetto di giustizia quantomeno elastico.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog