Cerca

Studenti e Cobas già in piazza Danno il 'benvenuto' a Monti

Milano, vogliono assediare la Bocconi: c'è giù un ferito. A Roma la sigla incrocia le braccia e contesta il nuovo governo

3
Studenti e Cobas già in piazza Danno il 'benvenuto' a Monti
Proteste di piazza contro il governo Monti. Si è insediato ieri e già oggi a Roma e a Milano  i sindacati Cobas-Cub e gli studenti universitari sfilano contro "le politiche liberiste e capitaliste" del nuovo esecutivo. A Milano una rissa si è scatenata poco dopo la partenza del corteo degli studenti organizzato in occasione della 'Giornata mondiale del diritto allo studiò. Un ragazzo è rimasto ferito al volto. Non sono chiare le ragioni della lite che ha visto anche molti lanci di fumogeni, calci e pugni.

A Roma sfilano i collettivi delle università. Nel pomeriggio, quando Monti è atteso al Senato, un gruppo di manifestanti di circa 200-300 persone proseguirà fino a Palazzo Madama per dare vita a un sit-in. Per il collettivo 'Atenei in Rivolta' "con Monti al governo l'unico scenario che possiamo immaginare è quello di una vera e propria macelleria sociale fatta sulla pelle e i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, che siano dipendenti pubblici, a tempo indeterminato, precari, studenti".

Il corteo di oggi - autorizzato dalla questura - è primo al centro storico di Roma dopo l'ordinanza del sindaco Gianni Alemanno che li vietava nel I Municipio: il dispositivo è infatti scaduto martedì e il primo cittadino ha annunciato nei giorni scorsi che il nuovo verrà emanato domani. La capitale rischia una giornata di fuoco per quanto riguarda il traffico. Oltre alla manifestazione in centro, i sindacati Faisa-Cisal e Sul hanno infatti indetto 24 ore di sciopero per il trasporto pubblico: a rischio metro, bus e tram. Il Campidoglio, inoltre, ha decretato sempre per oggi lo stop alla circolazione dei mezzi più inquinanti, dalle 7.30 alle 20.30 nella fascia verde cittadina.





Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    17 Novembre 2011 - 16:04

    Ma quando studiano questi signori?

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    17 Novembre 2011 - 11:11

    Quindi ieri manifestavano contro Berlusconi, oggi Berlusconi non cé piú e manifestano contro Monti ! Sono una massa di scervellati dementi pazzoidi. Mi vengono i brividi se penso che invece di rinchiuderli in casa di cura il governo dará loro la laurea ed un posto da insegnante o dirigente.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    17 Novembre 2011 - 10:10

    i giovani non hanno sbocchi perche' i loro genitori statali si sono mangiato tutti i soldi, hanno preso tutti i posti fissi e non se ne vanno. La colpa e' dei mantenuti statali che hanno fatto fare i debiti che ora non sappiamo piu' come restituire. Se gli studenti non capiscono questa cosa semplice semplice allora che ci vanno a fare a scuola? Pero' agli studenti che vogliono a tutti i costi un posto fisso statale auguro di stare ai margini della societa' per sempre: perche' la pacchia e' finita e da ora in poi lo Stato non mantiene piu' nessuno. tutto privato e chi crede che potra' fare come i loro genitori statali che si pappano le pensioni senza lavorare ha sbagliato secolo. A lavorare, tutti. E di corsa.

    Report

    Rispondi

media