Cerca

"Contro Monti e le banche" Sinistra è già scesa in piazza

Gli studenti assediano la Bocconi: scontri e feriti a Milano. I Cobas scioperano. Tutti uniti contro il "governo dei banchieri"

"Contro Monti e le banche" Sinistra è già scesa in piazza
Il governo Monti si è appena insediato, non ha ancora superato il test della fiducia al Senato e alla Camera ma gli studenti lo hanno già bocciato. Migliaia di giovani in piazza in tutt'Itali nella giornata dello studente e in contemporanea con lo sciopero dei trasporti pubblici di Cub e Cobas. Tutti protestano contro quello che definiscono il "governo dei banchieri".  Cobas, insieme alla Cub, in piazza contro quello che chiamano  "il governo bipartisan Monti, con un programma ultra-liberista e ministri esponenti dei gruppi finanziari, del Vaticano e del capitalismo di Stato e privato che da sempre predicano le politiche antipopolari che hanno provocato la catastrofica crisi", ha detto il portavoce nazionale Cobas, Piero Bernocchi.

Milano
- L'obiettivo a Milano era quello di assaltare l'Università Bocconi da cui arrivano molti neo-ministri e lo stesso professor Monti. Il corteo milanese è subito degenerato in rissa tra giovani. Feriti uno dei manifestanti e un operatore del Il Fatto. L'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano è stata tempestata di uova da parte del corteo: ai cancelli della sede dell'ateneo in via Carducci è stato appeso un lungo striscione che recita: "Ridateci i nostri soldi, adesso paghino chiesa e scuole private". Cori si scherno anche contro Lorenzo Ornaghi, fino a ieri Rettore dell'università e ora nominato ministro ai Beni Culturali del nuovo governo guidato da Mario Monti.


Roma
- A Roma è previsto in serata un sit-in davanti al Senato. Ad aprire il corteo degli studenti uno striscione con su scritto "Profumo di austerity - no al governo dei sacrifici" e firmato dagli studenti medi e universitari. "Anche se è cambiato il governo - ha detto Lorenzo, un ragazzo dei collettivi universitari - per noi la questione non cambia. La crisi è stata creata dal sistema bancario e adesso i ministri che sono stati nominati vengono dalle banche. Per risolvere la crisi occorrono idee dal basso per aiutare il sociale. Dare più voce ai precari e all’alternativa di questo Paese. Noi diciamo che una alternativa c'è e vogliamo portarla avanti".

Torino
- "Neanche con Monti tornano i conti": è uno degli striscioni in testa al corteo di studenti che è partito da piazza Arbarello a Torino, per a giornata internazionale di mobilitazione studentesca. Il corteo si è però diviso in due spezzoni: quello di sindacati di base, centri sociali e autonomi cerca di raggiungere la sede dell’Unione Industriale di Torino, mantre la maggior parte degli studenti si sta dirigendo verso Porta Susa.

Palermo - Uno studente è rimasto ferito a  Palermo durante gli scontri avvenuti poco fa in via Roma mentre un   gruppo di giovani ha tentato di occupare la filiale di una banca. "I   poliziotti gli hanno rotto la testa - dice Bianca Giammanco, del   coordinamento studentesco - ed è stato portato via. Ma noi   continueremo a protestare".   Sono migliaia gli studenti, medi e gli universitari che stanno   partecipando alla manifestazione "Blocchiamo tutto day", contro la   crisi, organizzato dai ragazzi dello studentato autogestito Anomalia,   di OccupyUnipa e della Rete studenti medi. Lanciate uova e fumogeni   contro sedi di banche. Inoltre sono state lasciate delle scritte sui   muri di banche e anche dell’Agenzia delle entrate. Sui muri   dell’istituto c'è scritto: “Ladri ridateci i nostri soldi”.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amb43

    18 Novembre 2011 - 09:09

    vorrei fare una domanda : questi studenti indottrinati dalla sinistra e violenti cosa centrano con i governo Monti ?

    Report

    Rispondi

  • ex finiano

    17 Novembre 2011 - 19:07

    li hanno mandati al governo apposta, e sono tutti d'accordo. Se questi ci fannu sputare lacrime e sangue, come hanno più volte detto, nessuno perderà voti. Mentre se lo avessero fatto i politicanti precedenti avrebbero perso sicuramente voti, sia i proponenti che l'opposizione. COSì QUESTI CI BASTONANO, a noi poveracci, e la colpa è di nessuno. Siamo considerati meno di niente, Solo da spremere, fino all'osso!

    Report

    Rispondi

  • longhma

    17 Novembre 2011 - 18:06

    Guarda che Napolitano e' il presidente del CSM !!! (Criminali Senza Mandato) del Popolo Italiano !!! Capisci a' me' !!!

    Report

    Rispondi

  • longhma

    17 Novembre 2011 - 17:05

    Ma non vi rendete conto che stanno mettendo Tutti contro Tutti ???? E' un gioco al massacro... e loro ne trarranno solo benefici. !!! Sveglia per favore !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog