Cerca

Il Gup stronca il pm anti-Cav: "Contro Berlusconi zero prove"

Vicidomini respinge come "insussistente" l'impianto probatorio a sostegno dell'accusa del Cav: "Processo inutile"

Il Gup stronca il pm anti-Cav: "Contro Berlusconi zero prove"
"Il complesso degli elementi fin qui considerati consente di escludere che Silvio Berlusconi, negli anni di riferimento delle imputazioni oggetto del presente procedimento (ndr, tra il 2002 e il 2009) abbia concretamente esercitato poteri di fatto sulla gestione di Mediaset, anche sottoforma di semplici direttive, continuando a gestire l'asserita frode nella compravendita nei diritti televisivi unitamente al suo socio occulto, Frank Agrama". Detto in altre parole significa che risulta "inutile procedere nel dibattimento nei confronti dell'imputato Berlusconi".

Prove insussistenti - E' quanto osserva il Gup di Milano, Maria Vicidomini, nelle motivazioni alla sentenza di proscioglimento di Silvio Berlusconi per la vicenda Mediatrade. Il giudice boccia le prove portate dal Pm per dimostrare il rapporto tra l'ex premier e Frank Agrama. Tra queste, le fotografie, "prive di data certa" che ritraggono Berlusconi e Agrama. Vengono considerate "irrilevanti" anche le dichiarazioni di un teste, Silvio Sardi, prodotte dal Pm in udienza. "Essendo tale il complessivo compendio probatorio - spiega il Gup - non si ritiene sussistano le condizioni per disporre il rinvio a giudizio dell'imputato Silvio Berlusconi, atteso che i riferimenti a quest'ultimo evincibili dalla poderosa mole di atti depositati dal Pm sono essenzialmente relativi al periodo temporale coperto dalle imputazioni del processo 'diritti', in corso di celebrazione davanti alla prima sezione penale del Tribunale di Milano".

No rinvio a giudizio - "Le asserzioni del Pm - continua il Gup - secondo cui nella complessiva conduzione della frode, durante il lunghissimo arco temporale in cui la stessa si sarebbe realizzata, Silvio Berlusconi sarebbe scomparso e riapparso, sono rimaste prive di qual si voglia appiglio fattuale, nella misura in cui, alla formale assenza in capo al predetto imputato della titolarità di cariche nelle società del gruppo Mediaset direttamente impegnate nella compravendita di diritti televisivi risulta corrispondere, negli anni di riferimento del presente giudizio, la carenza di prova sull'esercizio in via di fatto di concreti poteri di gestione sulle medesime da parte dell’imputato". Quindi, conclude il Gup, "si ritiene inutile procedere al dibattimento nei confronti di Silvio Berlusconi, non reputandosi gli elementi prospettati a sostegno della richiesta di rinvio a giudizio, suscettibili di un'evoluzione favorevole alla tesi accusatoria".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ottina

    18 Novembre 2011 - 14:02

    Non è un pm, ma un dipendente statale troppo pagato e mai pagante, con l'aggiunta di essersi montato la testa ma anziché mandarlo a zappare verrà sicuramente promosso al altro e più remunerativo incarico. Ora il Cav. non avrà nemmeno più bisogno di andare in tribunale a demolire le "accuse" di questi cialtroni, perché automaticamente cadranno ancora prima di arrivare al processo: buffoni!

    Report

    Rispondi

  • itas50

    18 Novembre 2011 - 12:12

    resterà a fare il Pm oppure si considera il fatto di mandarlo a pelar patate alla Caritas?????

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    18 Novembre 2011 - 08:08

    Ilcittadino italiano, é arci stufo di dover pagare pro-quota le spese di questi impianti processuali basati sul nulla. Perchè non li paga il PM che ha architettato tutto ? Del resto, poichè La Legge è Uguale per Tutti, anche i magistrati sono ad essa soggetti e chiunque causi un danno erariale per colpa, incuria o peggio ancora dolo è tenuto a risarcire lo Stato. Provatevi a rompere una finiestra, una sedia, in un ufficio pubblico. Se non vi arrestano, almeno vi denunciano e vi viene richiesto di rifondere i danni arrecati. Quindi ......

    Report

    Rispondi

  • ex finiano

    17 Novembre 2011 - 18:06

    no comment! Anzi, voglio commentare! Chi paga per tutti i milioni di euro buttati al vento?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog