Cerca

Non basta nemmeno sexy Lopez a far tirare la 500 negli Usa

Nonostante la pubblicità con la showgirl, negli Stati Uniti Fiat fallisce. Marchionne dà la colpa ai concessionari Chrysler

Non basta nemmeno sexy Lopez a far tirare la 500 negli Usa
Non c’è proprio che dire: il mercato Usa e il marchio Fiat non riescono a entrare in sintonia. Così quanti, in questi giorni, hanno incontrato Sergio Marchionne  lo descrivono con il volto più scuro dei suoi amati pullover: nonostante le sinuose curve di Jennifer Lopez, infatti, il gruppo torinese non riesce per ora a ballare sotto le stelle, quelle della bandiera statunitense. Le vendite della Fiat 500 faticano a decollare e a fine ottobre erano ferme ad un totale di 21.380 esemplari, un risultato non disprezzabile ma pur sempre inferiore alla metà dell’obiettivo dichiarato di 50  mila  entro il 2011. Prima dell’estate la situazione era a dir poco catastrofica visto che c’erano state solo ottomila immatricolazioni. Marchionne aveva reagito alla diffusione di queste notizie annunciando l’intensificazione delle azioni di marketing e il rafforzamento della rete di vendita. Qualche risultato è arrivato. Purtroppo non in misura sufficiente a raggiungere gli obiettivi.

Le incertezze dell’economia Usa con la disoccupazione al 9% (13,9 milioni di persone senza lavoro), giocano sicuramente un ruolo negativo. Ancor di più, però, la diffidenza dei consumatori verso un marchio che negli anni Ottanta è diventato sinonimo di scarsa affidabilità: l’acronimo Fiat era stato reinterpretato in "Fix it again, Tony", ossia fissalo di nuovo, Tony, riferito  alla scarsa affidabilità delle vetture italiane. Una diffidenza assai radicata che secondo molti esperti richiederà almeno un anno e mezzo o due anni prima di essere superata. Funzionerà solo il passaparola da parte di chi ha acquistato la macchina e è l’ha trovata, oltre che gradevole, soprattutto affidabile.

Ma c’è anche il sospetto che Marchionne qualche errore l’abbia commesso  avallando la decisione di affidarsi, per il lancio della 500, a show room nuovi di zecca. Ua scelta che ha rallentato i tempi di costruzione della rete di vendita. «Abbiamo 50 rivenditori, 60 che provano a vendere le nostre vetture. Credo Ferrari da sola ne abbia di più».Un ritardo che si è dimostrato incolmabile e ha impedito di cogliere una fortunata congiuntura di mercato. A causa dello tsunami che si è abbattuto sul Giappone a marzo i concorrenti diretti come Toyota e Nissan non sono riusciti a soddisfare la domanda per le proprie city car. Un’occasione d’oro che la Fiat avrebbe potuto sfruttare meglio  per fare breccia nel cuore di quella parte di clientela che, stanca di vetture grandi e assetate di benzina, punta su modelli più piccoli e risparmiosi. Così ad approfittare dei guai dei produttori giapponesi sembrano essere stati la General Motors, piuttosto che la Bmw o la Hyundai, tutte presenti con proprie vetture anche sul segmento delle city car. In particolare la Mini ha avuto un autentico boom con 27.316 immatricolazioni. A Marchionne non resta che sperare nel 2012. Soprattutto se la 500 e la grintosa sorella in versione Abarth saranno riuscite a superare la diffidenza dei consumatori.Resta l’incognita. Con il ritorno dei giapponesi il segmento  rischia di diventare rapidamente molto competitivo e probabilmente poco remunerativo. Al punto da chiedersi se valga davvero la pena  rincorrere il mercato con la 500 anziché puntare direttamente ad un più forte rilancio di Chrysler che può offrire Suv in quantità. Ma soprattutto può sfruttare le curve dei modelli Jeep, forse meno sexy di quelle di Jennifer Lopez ma più accattivanti agli occhi degli automobilisti statunitensi (e non solo).

di Nino Sunseri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucatramil

    18 Novembre 2011 - 16:04

    Certo superare "Aggiustala di nuovo Antonio" (=fix it again, Tony si traduce così) non sarà facile, ma se la Mini che è in USA già da qualche hanno ha avuto un boom a 27'000 auto e 500 che è appena appena arrivata ne ha vendute 21'000 non mi pare così male. L'auspicio è che faccia meglio di quel trabiccolo della Smart che costa quasi di più. Ci sono stati comunque tanti errori, compreso il rinvio dello sbarco Alfa.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    18 Novembre 2011 - 15:03

    Ma l'hanno tirata fuori da qualche sarcofago egizio?Questa dovrebbe promuovere le vendite della 500?Tanto valeva metterci al suo posto la Bellunese...Forse riuscivano a venderne qualcuna in piu dal momento che dando gas a tutta birra per scappare gli americani vedevano che andava veloce..... Ma per carità......

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    18 Novembre 2011 - 14:02

    aahhahahahah certo, e "parenti" in inglese si dice "parents" giusto? ahahahah

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    18 Novembre 2011 - 13:01

    vivo a New York , guido una chevrolet : le mini e le 500 costano quanto quelle vere e sono piccole e pericolose. Non e' una questione di concessionari, e' il modello che negli USA non funziona. Hanno puntato sul mercato della mini che pure ha avuto un certo successo fra i trust-fund babies di occupy wall street: e' un capriccio di elite (ragazzi che non lavorano e mangiano i soldi di papa'). le concessionarie le chiamano "studio" , in pratica cercano di rubare un po' di vendite alla mini, che pero' e' fatta meglio ma sempre una macchinina per gli idioti coi soldi di papa'. Non e' nemmeno un mercato, e' l'apoteosi delle scemenze di classe (alta).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog