Cerca

La carica dei 101 al premier

Niente fiducia al ddl sicurezza

La carica dei 101 al premier
"Il presidente del Consiglio non non ponga la fiducia sul ddl che riguarda la sicurezza". L'invito a Silvio Berlusconi arriva da 101 parlamentari del PdL, guidati da Alessandra Mussolini, che ritengono "inaccettabili" il reato di clandestinità e l'obbligo di denuncia che sarà imposto ai medici". "Ti chiediamo - si legge nella lettera inviata al premier - di non porre la fiducia sul disegno di legge 2180. In esso sono contenute norme a nostro giudizio inaccettabili e che necessitano di indispensabili correzioni. Siamo certi che ne converrai anche tu, quando potrai renderti conto di come questo dettato legislativo vada contro i più elementari diritti umani e in particolare dell'infanzia e della maternità. Si sostiene che questo ddl non obblighi il medico a denunciare l'immigrato clandestino che si presenti per essere curato ai posti di pronto soccorso, in ospedale, o nei centri di vaccinazione. Non è così. Anzi - scrivono i firmatari della lettera - l'obbligo di denuncia potrà riguardare anche gli insegnanti e chiunque eserciti incarichi pubblici".
Nel mirino sono dunque finite due proposte care al ministro dell'Interno Roberto Maroni e al Carroccio.
Ma la battaglia della Mussolini & Co. non si ferma qui: la politica rivela di averne parlato anche con il presidente Napolitano: "Sono stata la settimana scorsa dal Capo dello Stato per parlare dello status dei minori stranieri non accompagnati e abbiamo parlato anche dell’obbligo di denuncia per medici e insegnanti: ho trovato il Presidente Napolitano sensibile alla necessità di non penalizzare donne e bambini".
Ma il presidente e il vicepresidente dei deputati Pdl, Fabrizio Cicchitto e Italo Bocchino ribattono "La lettera di Mussolini non è condivisa dal gruppo del PdL. Per altro verso, sul merito del decreto è ancora in corso il dibattito in commissione".
E non tace nemmeno la Lega, che attraverso il capogruppo Roberto Cota si dice "stupita" della mission della Mussolini: "Trovo molto opportuna la precisazione del Capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto che ha detto che non rappresenta la posizione del Gruppo", ha aggiunto Cota, sottolineando che "il governo non ha mai pensato di mettere la fiducia su questo provvedimento. La lettera, evidentemente, è figlia di manovre interne in vista del congresso del PdL, ma non va bene strumentalizzare un argomento così importante e delicato come la sicurezza. Vorrei anche far presente che il ddl in questione è stato approvato al Senato con voto unanime della maggioranza dopo un ampio dibattito e con un pieno accordo politico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valeria78

    20 Marzo 2009 - 12:12

    Xpurparlr TUTTE COSE che il tuo caro silvio non puo' fare...ma scusa dauno che ha tenuto 2 anni in casa MANGANO..che smazzava grandi kg di cocaina ed eroina a milano..vuoi la sicurezza.....si la sua di non finire in galera...piantala...

    Report

    Rispondi

  • francescolibero

    20 Marzo 2009 - 11:11

    Cara Valeria ti piacerebbe che il governo cadesse con una votazione alla Prodi-style! Eh?! Leggi respinte dall'opinione pubblica?? Ma sai cosa dici?? Ma pensi vermanete che quello che fanno i politici sia lo specchio della volontà dei cittadini?? La gente vuole città sicure, la gente vuole opere infrastrutturali, vuole centrali nucleari e mandare a quel paese verdi, ambientalisti, che poi si fanno il villone sulla costiera di Amalfi! La gente vuole vedere la munnezza sparire dalle strade di Napoli. La gente vuole vedere l'esercito a pattugliare le città se le forze di Polizia non sono sufficienti. Vuole le ronde per poter mandare la figlia a prendere il gelato a 50 mt da casa alla sera. Questo è quello che vuole...Svegliati. La gente è stufa di parole e basta, vuole fatti...misure drastiche. I clandestini sono clandestini ..e quindi vanno mandati via!! Vuoi fare la buonista?? Te li prendi in casa tua. Li aiuti a trovare casa e lavoro e ne rispondi civilmente e penalmente! Ti garba?? Poi suvvia...proprio voi di sinistra non è che potete cantare vittoria, portare esempi. Eravate al governo...e cosa avete fatto?? Vi siete scannati a vicenda, silurato 1 leader di partito, cancellato verdi e rifondazione. I Latini...molto saggi dicevano anche.."Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt"..ovvero " I vizi degli altri li abbiamo davanti agli occhi, i nostri li abbiamo dietro!" Ciao

    Report

    Rispondi

  • bonarober

    19 Marzo 2009 - 17:05

    Se il leader maximo è Castro, penso converrai che è meglio sorbirsi il minimo o no? Mi dovresti spiegare perchè soggetti che decidono di restare anonimi per loro tornaconto più o meno lecito,emergano solo per sfruttare gratis le strutture messe in piedi con anni di sacrifici da cittadini regolarmente iscritti all'anagrafe e ai ruoli della imposte Come se il gap di civiltà di decenni si potesse compensare passando il traghetto con un gommone. Nell'amministrare una nazione bisogna essere pragmatici il caso singolo muove a compassione il fenomeno nuoce allo stato sociale Voi buonisti create di tasca vostra un fondo per questi interventi così sollevate le vostre anime e quelle della comunità cui anche se malvolentieri appartenete

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    19 Marzo 2009 - 15:03

    Sono curioso di vedere cosa succedera' se il leader minimo B. decidera' di tirare dritto per non scontentare la Lega. Coerenza vorrebbe che questi 100 eroi NON votino la fiducia, facendo cadere il governo e ...privandosi del ricchissimo stipendio proprio in periodo di crisi. Ma a chila raccontate sta favola? E' l'ennesimo gioco delle parti creato ad arte per far vedere che anche nel PDL c'e' democrazia e per spiazzare la Lega facendo risultare mister B. "costretto" a rimangiarsi la parola data in campagna elettorale. Le Europee si avvicinano...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog