Cerca

Toghe cancellano leggi anti rom "Non c'è nessuna emergenza"

Il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo il provvedimento dell'ex ministro dell'Interno. Soddisfatte le comunità nomadi

Toghe cancellano leggi anti rom "Non c'è nessuna emergenza"
Marchiata come "illegittima" la politica contro i rom attuata in questi ultimi tre anni a Milano. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato che ha azzerato il Piano Nomadi dell'ex ministro dell’Interno Roberto Maroni. Grande soddisfazione da parte delle comunità nomadi menghine che ora chiedono a gran voce "l'immediata sospensione di ogni azione che fa riferimento al piano Maroni e un incontro urgente con l'amministrazione comunale per ridiscutere tutta la politica comunale nei confronti dei Rom e dei Sinti di Milano".

La sentenza - "L’illegittimità del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 maggio 2008 deve comportare secondo i comuni principi la caducazione, per illegittimità derivata, di tutti gli ulteriori atti impugnati, e quindi non soltanto delle ordinanze presidenziali del 30 maggio 2008 di nomina dei Commissari delegati per l’emergenza, ma anche di tutti i successivi atti commissariali", recita così la sentenza del Consiglio di Stato. La Consulta Rom e Sinti di Milano commentano con soddisfazione: "È un risultato straordinario che ripristina il rispetto della Costituzione italiana a partire dall'uguaglianza di fronte alla legge senza distinzioni di razza, di lingua, di religione, e nel contempo rende possibile una stagione diversa per le comunità rom e sinte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabrizioch

    13 Gennaio 2012 - 11:11

    anche questi Room hanno tanti SUV. Gli ispettori di Cortina hanno controllato ?? Che cominciassero a lavorare.- Basta , sono 40 anni che prendono Sussidi dallo stato italiano pagati dai cittadini che pagano le tasse.-

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Novembre 2011 - 13:01

    Tutto come da copione.Si butta giu' Berlusconi,Poi in 24 ore si fa Monti presidente del consiglio di un governo che non è stato votato da nessuno.Ancora...Sono tutti tecnici sulla carta,ma dietro i tecnici ci sono i politici.Cosi' quando gli uccelli paduli voleranno fuori dalla gabbia non è colpa di nessuno.Non a caso il Tabaccaio pretende il voto per gli immigrati..tranquilli che lo daranno,se no cade il governo e l'Euro va nei casini.Ed intanto LORO intascano MAZZETTE.Ma nessuno fa nulla per incriminarli.Chissa' che ozzac di giri e di accordi stanno facendo a nostro danno.Ed il capotribu' Partenopeo approva e propone..Ci hanno defraudato la nostra sovranita',ci hanno tolto le elezioni.Serve altro?SVEGLIAAAAAAA SECESSIONE SECESSIONE SECESSIONE.

    Report

    Rispondi

  • liberalettera

    22 Novembre 2011 - 10:10

    Il cittadino italiano che paga le tasse e vive nella legalità non conta e non conterà mai un c.... !!!! L'unica soluzione sarebbe pubblicare i nomi dei membri del consiglio di stato, con i loro indirizzi, presentarsi nelle loro abitazioni e affidargli 2 famiglie ROM a cui garantire vitto e alloggio, e dei quali sono responsabili civilmente, penalmente ed economicamente!!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Novembre 2011 - 09:09

    Basta una sentenza che per magia si aprono le porte dell'Italia.Sai come sono felici gli zingari in Romania? Dalla serie come rovinare un paese con una sentenza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog