Cerca

Alunno dimentica il quaderno Calci e schiaffi dalla maestra

L'insegnante picchia il bambino perché aveva lasciato a casa i compiti. Il ragazzino cinese di nove anni ha sporto dennuncia

Alunno dimentica il quaderno Calci e schiaffi dalla maestra
Si dimentica il quaderno a casa e la maestra lo picchia. E' successo in una scuola elementare di un Comune della Murgia barase dove un alunno di 9 anni di origine cinese è stato punito dalla sua insegnante, una donna di 52 anni, con schiaffi, calci e insulti per aver lasciato a casa i compiti. Tornato a casa, il piccolo ha raccontato in lacrime alla mamma che la maestra l'aveva afferrato per una guancia e sollevato, schiaffeggiandolo sul collo con l'altra mano, spinto contro un muro, dandogli calci al sedere e insultandolo davanti agli altri alunni. A quel punto la madre l'ha accompagnato in ospedale dove gli sono state riscontrate le lesioni compatibili con gli schiaffi, giudicate guaribili in quattro giorni. Ha quindi denunciato l'insegnante alla polizia che ha avviato le indagini. Gli inquirenti hanno poi convocato e ascoltato gli altri bambini della stessa classe, che - a quanto è dato sapere - hanno confermato l'episodio, raccontando, alcuni di loro, di aver subito precedentemente trattamenti simili da parte della stessa insegnante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    23 Novembre 2011 - 09:09

    Io ho avuto la sfortuna di andare a scuola verso l'inizio degli anni 60.Ero contento..in un primo tempo.Poi....C'erano ancora i banchi dell'epoca fascista fatti di legno.Sberle e bacchettate sulle mani volavano per tutti.Ero in prima elementare...Ad una maestra che per una semplice"orecchia"fatta sul quaderno mi diede una sberla che mi fece cadere a terra da tanto forte che era,tirai in faccia il calamaio facendola nera come una abissina...Tempo di pulirsi gli occhi che non c'ero già piu.Ero scappato dalla finestra lasciando ciocche di capelli e carne attaccati alle sbarre.Se andavo a casa a dire che la maestra mi aveva picchiato prendevo il resto da mia madre.Invece mi sono messo a strillare con la faccia insanguinata dicendo che la maestra mi aveva picchiato.E' scoppiato un casino tale che non so la fine che ha fatto quella megera.Non l'ho mai piu' vista.Ho avuto un vantaggio.NESSUNO mi ha mai piu' picchiato.

    Report

    Rispondi

blog