Cerca

Brunetta: studenti dell'Onda

sono solo dei guerriglieri

Brunetta: studenti dell'Onda
Gli studenti dell'Onda sono dei «guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri». Lo ha detto il ministro della Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta, al termine di una conferenza stampa a Palazzo Chigi tenuta insieme alla collega della scuola, Mariastella Gelmini. A chi faceva notare al ministro che nella scuola la protesta sta montando, il ministro ha risposto: «Non vedo molta protesta, vedo ogni tanto delle azioni di guerriglia da parte della associazione Onda. Ma vedo - ha aggiunto - che nelle votazioni degli organi di rappresentanza degli studenti l'Onda non esiste. Sono un democratico e quindi credo molto più al voto che alle azioni azioni di guerriglia. L'Onda non l'ho vista nelle recenti elezioni degli studenti - ha insistito Brunetta - quindi sono dei guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valeria78

    20 Marzo 2009 - 12:12

    Ma da dove viene questo personaggio che dovrebbe cucirsi la bocca per non dire le cavolate che propina spesso nei telegiornali governativi. I nostri giovani sono anche troppo buoni a non prendere tutti quei tromboni (Brunetta compreso) a calci nel deretano. Tramite la legge Biagi sono diventati precari a vita, tramite i tagli di Tremonti non possono più avere l' istruzione pubblica e la possibilità di diventare magari ricercatori anche perchè questi governi hanno sempre penalizzato il servizio pubblico per favorire il privato. Così che solo i figli di questi tromboni possano un domani suonare una vita dignitosa mentre gli altri debbano lagnare una vita di stenti; per me dovrebbero essere più duri e fare sentire che loro sono l' avvenire e che Brunetta non é nessuno e non credo che la maggioranza degli italiani sia contenta di quello che dice.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    20 Marzo 2009 - 12:12

    ....che bello il nostro paese, il messaggio di regime sta gia' passando: quelli che protestano tutti nullafacenti/violenti, mentre il piccolo-grande Brunetta l'indefesso fustigatore del malcostume.......poco importa se a Roma e' da poco passato un protocollo che vincola fortemente le manifestazioni. Quindi puoi protestare si, ma in gabbia, e se ti arrabbi e cerchi di uscire la polizia giustamente (senza ironia) fa rispettare le leggi vigenti e ti carica...poi c'e' la nuova trovata del n...-ministro (sedicente socialista), lo sciopero virtuale: scioperi, quindi non sei pagato, ma lavori lo stesso! Poi la trovata di Maroni: niente manifestazioni davanti ai luoghi di culto....chissa' se si applichera' anche a eventuali manifs pro-vaticano?

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    20 Marzo 2009 - 12:12

    Che nostalgia, da ragazzo ammiravo pur non condivendone le idee di alcuni. Personaggi come La Malfa, Moro, Berlinguer, Spadolini, Pertini, Nenni, perfino Almirante, gente con la schiena dritta, nulla a che vedere con i vari Gasparri, Capezzone, Cota ecc. che ogni TG dobbiamo sorbire con le loro fandonie che anche la mimica del volto tradisce. Ma veramente siamo caduti in basso, un ministro fascistoide che usa temini da guerra civile, un altro che impone le ronde di memoria squadrista, uno che si fa la legge per sfuggire alla legge, ancora oggi fatico a credere che un popolo abbia voluto davvero questi politici

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    20 Marzo 2009 - 12:12

    e in piu' siete veramente ridicoli..pappagalli..toghe rosse..sinistri..ma prima della scesa in campo del vostro dio ne avevate mai sentito parlare...no..vi ha intortato per benino...poveretti...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog