Cerca

Morsi della crisi: papà a lavoro figlie e mamme si prostituiscono

Insospettabili donne si prostituivano per clienti d'elite nei retrobottega dei negozi a Torre del Greco. Guadagnavano fino a 1500 euro al giorno

Morsi della crisi: papà a lavoro figlie e mamme si prostituiscono
Torre del Greco come il quartiere a luci rosse di Amsterdam. Nei retrobottega di dioversi negozi di parrucchiere ed estetista, casalinghe, studentesse e impiegate insospettabili si prostituivano per arrotondare le entrate di casa. A trovar loro i clienti, tutti d'elite, un gruppo di commercianti e imprenditori del luogo che mettevano a disposizione i loro esercizi commerciali. Le prestazioni avevano prezzi che andavano dai 100 ai 150 euro l'ora e avvenivano anche 3 4 volte al dì per un giro d'affari di circa 1.500 al giorno. Quando invece non si organizzavano delle orge alle quali prendevano parte insospettabili professionisti e facoltosi imprenditori: tutti insieme appassionatamente per consumare intensi rapporti che venivano ricompensati non solo attraverso il pagamento di somme ma pure con regali e prodotti di bellezza.
A mettere fine al business i carabinieri della Compagnia di Torre del Greco (Na) che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 5 persone del luogo responsabili di sfruttamento, reclutamento, lenocinio e favoreggiamento della prostituzione. Nel corso delle indagini sviluppate con intercettazioni telefoniche e ambientali e con servizi di riscontro sono stati identificati tutti i personaggi: almeno 6 le prostitute identificate e una decina gli avventori che si davano appuntamento in quei negozi. L'indagine nasce da un’ulteriore inchiesta della procura di Torre Annunziata sullo spaccio di stupefacenti che a gennaio ha portato ad altri sei arresti e ha abbracciato un periodo compreso tra ottobre 2009 e marzo 2010, anche con intercettazioni telefoniche e ambientali. I provvedimenti di oggi vedono una persona in carcere, quattro cui è stato concesso il beneficio dei domiciliari e la notifica di un divieto di dimora a Torre del Greco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    24 Novembre 2011 - 19:07

    Sono sprovvisto di bile,al suo posto ho il Nebbiolo, e il pregiato vino non tende a scoppiare.In ogni caso,gli amici da te citati,possono scoppiare solo in un caso,quando li invito a pranzo.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    24 Novembre 2011 - 16:04

    sempre carino. Fate un bel gruppetto tu, unghiaccia, alvit, jack1. Scoppio di bile???

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    24 Novembre 2011 - 13:01

    Con il fatto che i sinistri si sono autocastrati pur di far dimettere Berlusconi ,diminuirà l'utenza per le "signore".Se poi ci mettiamo che la sinistra sponsorizza i froci,il danno per le signore dovrebbe essere minimo.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    24 Novembre 2011 - 12:12

    latitudine e qualsiasi scusa è banale,a fare questo mestiere! SOLDI SOLDI SOLDI e ti vendi pure l'anima e la dignità!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog